Henderson: cosa cambierà sui mercati con la Brexit

A
A
A

Le possibili implicazioni dell’uscita del Regno Unito dall’Unione europea nella visione di di tre dei gestori di fondi azionari europei di Henderson.

Chiara Merico di Chiara Merico5 maggio 2016 | 06:32

Quali sono le possibili implicazioni dell’uscita del Regno Unito dall’Unione europea? Ecco le posizioni di tre dei gestori di fondi azionari europei di Henderson.

L’OPINIONE DI BENNETT – Secondo John Bennett (nella foto a destra), “il dibattito sulla Brexit ha monopolizzato le notizie e continuerà a farlo, ma nessuno sa veramente cosa accadrà. Secondo la mia personale opinione, la Gran Bretagna voterà per restare nell’Unione europea. Tuttavia, non ho intenzione di modificare i miei portafogli in previsione di uno dei due scenari. Ipoteticamente, se il Regno Unito decidesse di lasciare l’Ue potrebbe scatenarsi il panico facendo indebolire la sterlina, con effetti di reflazione sull’economia britannica. Sarebbe un fattore positivo in un mondo minacciato dalla deflazione. In questo caso rivolgeremmo la nostra attenzione ai possibili beneficiari della debolezza della valuta. Per esempio, mi aspetterei di trovare subito qualche opportunità su singoli titoli tra gli esportatori britannici. Detto questo, al momento sono solo speculazioni e in questa fase non riposizionerò i portafogli”.

IL PUNTO DI VISTA DI SHERIDANPer Nick Sheridan (nella foto a sinistra) “la Brexit è solo una delle fonti di preoccupazione sui mercati, insieme alla crisi dei rifugiati, alla politica spagnola e alla Cina. A mio giudizio sembra però probabile che questi timori siano già stati ampiamente scontati dai mercati. Le aree che ci sembrano più importanti a livello generale sono la solidità dell’economia americana, il dollaro e la possibile svalutazione della moneta cinese. Credo inoltre che se l’economia americana eviterà la recessione (come indicano gli ultimi dati manifatturieri) e la Cina non svaluterà lo yuan, le azioni europee dovrebbero fare qualche passo avanti, indipendentemente dall’incertezza sul referendum per uscire dall’Ue”.

LE CRITICITA’ SECONDO STEVENSON – Secondo Tim Stevenson (nella foto in basso a destra), “anche se dai sondaggi sul referendum sembra che il Regno Unito resterà nell’Unione europea, le crescenti tensioni su migranti ed economia potrebbero aprire la strada a un periodo difficile. Sembrerà strano a chi non vive nel Regno Unito, ma c’è ampio sostegno per la Brexit tra i politici conservatori, molti dei quali preferirebbero far salire il paese su una macchina del tempo e riportarlo indietro di 150 anni. Chi è favorevole all’uscita dall’Ue sostiene che dopo un breve periodo di transizione, sull’economia britannica tornerà a splendere il sole. A mio giudizio è piuttosto ingenuo credere chel’uscita dall’Ue non provochi conseguenze negative sull’economia britannica. Indipendentemente da quale sarà l’esitodel referendum, l’incertezza causata dal voto potrebbe ostacolare i progressi del mercato. Probabilmente manterremo una posizione piuttosto sottopesata nel Regno Unito rispetto all’indice finché la situazionenon si risolverà”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

La Brexit può costare caro all’immobiliare britannico, i gestori preferiscono i titoli spagnoli

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Brexit: dopo essere stata spavalda Theresa May deve usare toni più concilianti con la Ue

Brexit, M&G trasferisce quattro fondi in Lussemburgo

Brexit, al via il trasloco dell’Eba da Londra

Sterlina in calo, la Bank of England non ha fretta di alzare i tassi

Ti può anche interessare

Asset allocation, una questione di stile

Abbiamo analizzato le strategie con Analyst rating positivo dal punto di vista della correlazione e ...

T. Rowe Price: misure di stimolo dalla Cina, un appiglio per gli emergenti

Le autorità cinesi stanno rispondendo alle preoccupazioni sulla crescita e stanno dando un segnale ...

Asset allocation: affrontare la volatilità con la via alternativa

I risultati della Global Investment Survey (GIS) 2018 di Legg Mason ...