Mifid 2, Assosim bacchetta Deutsche AM

A
A
A

Assosim non condivide affatto la posizione di Deutsche Asset Management sui costi di ricerca: lo fa sapere la stessa associazione.

Maria Paulucci di Maria Paulucci14 settembre 2017 | 12:06

Assosim non condivide la posizione di Deutsche AM su costi ricerca: ai broker Mifid 2 non chiede di fatturare separatamente la ricerca”: così l’associazione che rappresenta gli operatori del mercato mobiliare italiano risponde all’annuncio dato ieri dalla società di asset management, la quale in una nota ha fatto sapere che “assorbirà i costi di ricerca esterna per i clienti nell’ambito dell’applicazione della nuova direttiva Mifid 2, che entrerà in vigore nel 2018. I clienti di Deutsche AM non saranno quindi gravati da costi aggiuntivi”.

“Con il 2018”, ha spiegato Deutsche Asset Management nella nota sulla sua decisione, “broker, banche e società di trading che rientrano nell’ambito di applicazione della normativa Mifid 2 dovranno fatturare separatamente le analisi e le ricerche fornite ai clienti. Gli asset manager, a loro volta, potranno scegliere se addebitare tali costi ai clienti o farsene carico”. Da qui la precisazione di Assosim, affidata a Twitter.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mifid 2, serve sempre più ricerca

Esma, come certificare conoscenze e competenze dei consulenti finanziari

Mifid 2, difficile bilanciamento tra costi e attività strategiche

Ti può anche interessare

Fondi, top e flop del 11/01/19

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...

Aberdeen Standard Investments, la ricetta vincente per il mercato italiano

Aberdeen Standard Investments (ASI), il ramo dedicato all’asset management di Standard Life Aberde ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 31/07/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento com ...