Mifid 2, Assosim bacchetta Deutsche AM

A
A
A

Assosim non condivide affatto la posizione di Deutsche Asset Management sui costi di ricerca: lo fa sapere la stessa associazione.

Maria Paulucci di Maria Paulucci14 settembre 2017 | 12:06

Assosim non condivide la posizione di Deutsche AM su costi ricerca: ai broker Mifid 2 non chiede di fatturare separatamente la ricerca”: così l’associazione che rappresenta gli operatori del mercato mobiliare italiano risponde all’annuncio dato ieri dalla società di asset management, la quale in una nota ha fatto sapere che “assorbirà i costi di ricerca esterna per i clienti nell’ambito dell’applicazione della nuova direttiva Mifid 2, che entrerà in vigore nel 2018. I clienti di Deutsche AM non saranno quindi gravati da costi aggiuntivi”.

“Con il 2018”, ha spiegato Deutsche Asset Management nella nota sulla sua decisione, “broker, banche e società di trading che rientrano nell’ambito di applicazione della normativa Mifid 2 dovranno fatturare separatamente le analisi e le ricerche fornite ai clienti. Gli asset manager, a loro volta, potranno scegliere se addebitare tali costi ai clienti o farsene carico”. Da qui la precisazione di Assosim, affidata a Twitter.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mifid 2, serve sempre più ricerca

Esma, come certificare conoscenze e competenze dei consulenti finanziari

Mifid 2, difficile bilanciamento tra costi e attività strategiche

Ti può anche interessare

Dossier fiscale Bitcoin – Introduzione

Approfondimento su fiscalità e mondo bitcoin ...

Allianz Italia, premiato il progetto Dualità Scuola-Lavoro

Fortemente voluto dall’attuale amministratore delegato Klaus-Peter Roehler, il progetto Dualità S ...

Natixis IM: “Così investono i millennial”

    Pubblichiamo di seguito un interventoa cura di David Goodsell, Head of Research Center ...