Brexit, le sgr pensano al trasloco

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara 4 Luglio 2016 | 08:53
Secondo il settimanale Milano Finanza, molte società di gestione potrebbero trasferirsi a Dublino o in Lussemburgo.

Forse in Irlanda oppure in Lussemburgo. Sono i paesi in cui molte società dell’asset management potrebbero decidere di trasferire la propria sede, dopo l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue (Brexit). L’ipotesi è avanzata dal settimanale Milano Finanza che ricorda come l’industria finanziaria rappresenti l’8% del pil britannico e come il 25% dei servizi finanziari europei si concentri oggi a Londra. Grazie al passaporto europeo dei fondi, le sgr del Vecchio Continente possono attualmente concentrare su un’unica piazza, come appunto quella di Londra, la gestione di fondi che hanno sede in altri paesi. Se la capitale dunque del Regno Unito perderà lo status di città dell’Unione Europea, la fuga delle sgr non è affatto da escludere. Tutto dipenderà da come il governo britannico riuscirà a gestire le trattative sulla Brexit.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, continuano le incertezze nonostante l’accordo

Mirabaud AM: il 2021 potrebbe essere un anno brillante per le banche britanniche

La Brexit è fatta: che cosa attende ora gli investitori nel Regno Unito?

NEWSLETTER
Iscriviti
X