Ubp: il petrolio verso la risalita

A
A
A

Il mercato è in crescita guidato dalla debolezza del dollaro, dopo la discesa di oltre il 20% tra la metà di luglio e i primi giorni di agosto, nota l’analista Erasmo Rodriguez.

Chiara Merico di Chiara Merico30 agosto 2016 | 10:24

MERCATO IN CRESCITA – “Il mercato del petrolio è in crescita guidato dalla debolezza del dollaro, dopo la discesa di oltre il 20% tra la metà di luglio e i primi giorni di agosto. Le scorte commerciali dei paesi Ocse sono aumentate in giugno, raggiungendo il livello record di 3.09 miliardi di barili e continuano a spostarsi dal greggio ai prodotti derivati dal petrolio”, fa sapere Erasmo Rodriguez, senior equity analyst, energy and utilities di Union Bancaire Privée – UBP. “Il Brent scambia a un prezzo spot di 48.86 dollari a barile con un mercato che è spinto dalla debolezza del dollaro, dal declino delle scorte di greggio e di gasolio, dalle coperture di posizioni corte, e dalle speranze che sia i paesi membri dell’Opec che quelli non-membri si accorderanno per il congelamento della produzione. I sauditi avrebbero bisogno di un prezzo del greggio più alto per portare a termine la scissione di Aramco. Nonostante le incertezze che influenzano la domanda globale, l’ultimo report della International Energy Agency (IEA), ha confermato che il riequilibrio del mercato del petrolio è in atto. Manteniamo la nostra visione sui 6 mesi per il Brent, intorno ai 45-50 dollari al barile”.

I PAESI PRODUTTORI – “Per quanto riguarda i produttori non-Opec, nel 2016, una spesa più bassa per investimenti (-20%) nei giacimenti off-shore già avviati e su quelli a grandi profondità, dovrebbe portare a un declino dell’offerta (in Stati Uniti e Cina). L’offerta dovrebbe diminuire di 0.9 milioni di barili al giorno, per un totale di 56.6 milioni di barili, portando al maggiore rallentamento dal 2012. L’offerta canadese dovrebbe rimanere piatta a 4.4 milioni di barili al giorno. Il mercato sta vedendo un aumento del numero di impianti negli Stati Uniti, che potrebbe portare a un incremento dell’offerta del 2017 superiore a quanto atteso. Tuttavia, perché i produttori statunitensi possano aumentare in modo decisivo la propria attività, i prezzi del petrolio dovrebbero aumentare intorno ai 60 dollari al barile. Recentemente, la U.S. Energy Information Administration (EIA) ha incrementato le proprie previsioni di crescita della produzione per il 2017 di 0.1 milioni di barili al giorno a 8.31 milioni di barili al giorno. Quindi ci aspettiamo che il trend di crescita debole dei paesi non Opec continui il prossimo anno, trascinato da un declino della produzione in Nord America, Russia e Cina, compensata in parte da aumenti di estrazioni in Africa, in America Latina e nel campo Kashagan (mar Caspio). Per quanto riguarda, invece, i produttori dell’Opec, in luglio l’offerta si è attestata su una media di 33.2 milioni di barili al giorno, uno 0,4% in più mese sul mese precedente per via di un aumento di produzione in Iraq. La produzione saudita e nigeriana ha registrato, invece, il calo più drastico, rispettivamente -0.4 e -0,07 milioni di barili al giorno. L’offerta libica continua il suo trend discendente nonostante le voci riguardanti un possibile accordo tra le parti in guerra che potrebbe rilanciare la produzione di petrolio”, conclude Rodriguez.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

UBP: mercati emergenti, chi vince e chi perde nel 2019

Ubp punta sulla sostenibilità con Positive Impact Equity

UBP prende ACPI Investments Limited

UBP, utile su del 5,3% nel primo semestre

Nuova strategia Investment grade per UBP

Ubp fa shopping in Lussemburgo

Ubp lancia un fondo arbitrage azionario

UBP: oro, partenza sprint a inizio 2018

UBP: Giappone, da Abenomics primi effetti positivi

In Asia Julius Baer strappa un manager a Ubp

UBP: azionario Europa, crescita degli utili attesa tra il 10% e il 12% nel 2018

Ubp lancia una nuova strategia sul debito sovrano emergente

UBP: euro verso possibili nuovi massimi contro il dollaro

UBP: accordo Opec, la strada è ancora lunga

UBP archivia il semestre con utili in crescita

Ubp: come proteggersi dal protezionismo

UBP: potenziali sottoperformance in vista per il debito sovrano europeo

Le banche svizzere alla conquista dell’Asia

Ubp: Bce sulla difensiva per buona parte del 2017

UBP chiude il 2016 in forte crescita

UBP: l’oro risente delle politiche della Fed

UBP e Partners Group lanciano una strategia innovativa sul reddito fisso

UBP: nel 2017 vento in poppa per le convertibili

Ubp: Cina, nel 2017 occhi puntati sull’azionario

UBP: Azionario, 2017 in crescita per le “smid cap” europee

Ubp: obbligazionario, ritorni sostenuti possibili solo con una strategia dinamica

Ubp: Opec, strategia fallimentare o vincente?

Ubp, Benjamin Schapiro rafforza il team sui bond convertibili

Ubp: petrolio, nessun congelamento della produzione in vista

Ubp punta sulle azioni europee con l’ingresso di Anniss

Ubp rafforza il team milanese con Anton Giulio D’Amato

Ubp: volatilità elevata e crescita lenta, dove puntare?

UBP: oro, riflettori puntati sulla Fed

Ti può anche interessare

Fondi, top e flop del 24/09/18

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...

Ubp lancia un fondo arbitrage azionario

Si tratta dell’U Access (IRL) Cheyne Arbitrage UCITS, creato in collaborazione con Cheyne Capital ...

BlackRock punta sull’obbligazionario globale

Il fondo fa parte della piattaforma Multi-Sector Fixed Income che include strategie aggregate, gover ...