Aviva, corre il vita grazie all’asse con Fineco

A
A
A
di Chiara Merico 28 Settembre 2017 | 09:08
Il successo dell’asse con Fineco, ha spiegato il ceo Tulloch, nasce dalla distribuzione su un canale adeguato di un prodotto mirato.

UN PAESE CHIAVE – L’Italia è “un paese chiave” per Aviva: lo ha confermato Maurice Tulloch, ceo International Insurance della compagnia, in un’intervista a Il Sole 24 Ore. Nonostante il mancato rinnovo dell’accordo di bancassicurazione con Banco Bpm, decisa lo scorso 29 giugno, Aviva è certa che riuscirà a rimpiazzare i ricavi che verranno a mancare. Specie grazie ai partner attuali, tra cui Fineco, con la quale “si è creato un rapporto molto forte”. Il successo dell’asse con Fineco, ha spiegato Tulloch, nasce dalla distribuzione su un canale adeguato di un prodotto mirato: “Un prodotto ibrido che garantiva il meglio in termini di protezione, ma anche di potenziale upside grazie alla componente unit linked. La rete ha apprezzato questa proposta e questo ha dato un forte contributo ai numeri, portandoci dal dodicesimo al settimo posto in classifica”. Tra il 2015 e il 2016, infatti, il settore vita di Aviva è cresciuto di ben il 42%, attestandosi complessivamente intorno ai 4,6 miliardi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Allianz, tutto fatto per Aviva Italia

Generali, la compagnia del green

Generali in Polonia, pronti 2 miliardi per Aviva

NEWSLETTER
Iscriviti
X