NN IP: economia globale in crescita, ma persistono venti contrari

A
A
A

Il commento sulle prospettive di crescita dell’economia globale di Willem Verhagen, senior economist di NN Investment Partners.

Maria Paulucci di Maria Paulucci3 ottobre 2017 | 12:29

La crescita economica globale è stata negli ultimi anni piuttosto stabile a un livello chiaramente sotto quello dei periodi di espansione che hanno preceduto la crisi finanziaria globale, quando sia la crescita nominale che quella reale erano mediamente molto più alti. Oggi, la crescita è meglio avviata per sfondare al rialzo rispetto a qualsiasi altro momento dalla crisi in poi, ma se questo accadrà o meno è ben lungi dall’essere sicuro e dipenderà principalmente dalla crescita della produttività e dalle tensioni geopolitiche. In futuro vi sono due possibili scenari economici. A scriverlo, in un commento sulle prospettive di crescita dell’economia globale, è Willem Verhagen (nella foto), senior economist, macro & strategy di NN Investment Partners. “Il primo è quello di una crescita globale superiore al livello del 3,5%, ovvero il tetto massimo raggiunto negli ultimi sei anni, mentre il secondo prevede un proseguimento della crescita economica confinata in un intervallo ristretto”.

Il primo scenario di crescita più elevata potrebbe manifestarsi soltanto qualora la crescita della produttività registrasse un aumento molto significativo. In tale contesto, “i rendimenti dei titoli governativi core crescerebbero gradualmente, fino a raggiungere livelli decisamente più elevati di quelli attuali. In caso di accelerazione della crescita, probabilmente riconducibile all’incremento della fiducia dei consumatori, delle imprese e della spesa, una forte accelerazione del processo di inasprimento monetario sarebbe inizialmente improbabile se l’inflazione dovesse restare inferiore all’obiettivo. Con il passare del tempo, questa situazione determinerebbe un maggior numero di rialzi dei tassi di interesse, che avrebbero però un impatto positivo in quanto si manifesterebbero in un contesto di crescita più rapida”.

La normalizzazione delle politiche monetarie negli Stati Uniti e la riduzione dei bilanci della Federal Reserve saranno probabilmente graduali. Insieme a una maggiore crescita della produttività, prosegue Verhagen, “ciò dovrebbe offrire molta protezione per gli asset a maggiore rischio. Questo vale ancor di più poiché i premi di rischio possono scendere ulteriormente in quelle aree in cui sono ancora elevati, come nell’azionario europeo e giapponese. Se invece dovesse verificarsi il secondo scenario, la crescita globale dovrebbe rimanere moderata e confinata in un intervallo ristretto per due ragioni. In primo luogo, continuerebbero a essere presenti gli stessi fattori strutturali che hanno ostacolato la domanda negli ultimi sei anni, come ad esempio la propensione costantemente più bassa all’assunzione del rischio rispetto al periodo antecedente la crisi”.

Il secondo motivo sarebbe l’incapacità a livello di offerta di registrare un miglioramento, nonostante l’aumento della domanda. “Il prevalere dell’incertezza sul futuro della crescita scoraggerebbe gli investitori dall’assumersi un rischio maggiore. Se l’inflazione dovesse accelerare all’improvviso e le banche centrali dovessero essere forzate ad accelerare considerevolmente il ritmo della stretta monetaria, gli asset rischiosi dovrebbero ovviamente andare incontro a sofferenza, nel secondo scenario. Le cose sarebbero diverse se l’aumento dell’inflazione fosse graduale e le banche centrali fossero soddisfatte di un’inflazione moderatamente sopra il target. In questo caso, gli asset rischiosi potrebbero in realtà performare un po’ meglio che nel caso in cui la domanda fiacca fosse il principale driver del mancato raggiungimento dei livelli massimi”.

“L’economia globale”, conclude l’esperto, “ha le più alte probabilità di sfondare il tetto della crescita dall’inizio del decennio. Ma se questo accadrà davvero è tutto tranne che certo. Il sistema finanziario cinese fondato sul debito, le tensioni geopolitiche e i rischi politici connessi alle decisioni del presidente degli Stati Uniti, potrebbero avere un forte impatto negativo sul sentiment del mercato. In Europa, il rischio politico e il progresso istituzionale sembrano muoversi nella giusta direzione, ma restano ancora dei rischi, come le elezioni italiane del prossimo anno che potrebbero portare a un governo anti-Ue“.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mazzata olandese per Ing

Ing mostra i muscoli nel commerciale

Ing, tutto pronto per la rete dalla linea verde

Il consulente digitale secondo Ing

NN IP: emergenti, nel 2018 ancora buone prospettive di crescita, ma c’è l’incognita Fed

NN Ip: azionario, nel 2018 puntare sui settori ciclici

NN IP: vento in poppa per gli emergenti

NN IP: Bce, annuncio tapering a settembre

I tre nomi delle startup fintech italiane su cui investire

Cresce il mobile banking in Europa

L’Europa riparte grazie alle trimestrali, Atene cade ancora

Fondi, Ing IM diventa NN Investment Partners

Fondi, Ing IM cresce nel retail in Italia con Credem e Barclays

Borse in attesa dell’accordo sulla Grecia

ING torna a mettersi in luce grazie alla trimestrale

Ing si mette in luce su mercati prudenti

Bakkum (Ing IM), gli azionari emergenti torneranno a correre nel 2015

Ing IM Top funds gennaio 2015

Ing IM nomina un ex AllianceBernstein come ceo per il Giappone

Fondi, due new entry nel team bond convertibili di Ing IM

Ing IM Top funds dicembre 2014

Classifiche BLUERATING, tra i bond Asia Pacifico bene Acpi, Credit Suisse e Ing

Banche, Ing taglia 1.700 posti di lavoro

Ing IM Top funds novembre 2014

De Ruijter (Ing): se ben usati, i bond hanno il loro perché

Ing allunga il passo, frenano Mediolanum e Azimut

Nordea sale, per Ing giornata da dimenticare

Ing IM Top funds settembre 2014

Ing IM Top funds ottobre 2014

Classifiche BLUERATING, Ing è tra più forti nei bond area euro corporate e governativi

Ing IM Top funds agosto 2014

Merzagora (Ing IM): sovrappeso su azioni e governativi periferici

Classifiche BLUERATING, AcomeA e Ing spopolano tra gli azionari Europa

Ti può anche interessare

L’Italia torna a preoccupare gli investitori professionali

Il “Sentiment Index” di Cfa Society registra un valore pari a -34, un dato che rappresenta un mi ...

Candriam: l’improbabile scoppio di una bolla obbligazionaria nel 2018

E' necessario sapere se i mercati obbligazionari, in seguito a una normalizzazione della politica mo ...

Road to the future: il successo delle prime due tappe

Il roadshow continua a suscitare l'interesse di consulenti finanziari e private banker. ...