Ubp lancia una nuova strategia sul debito sovrano emergente

A
A
A

L’UBAM – Emerging Market Sovereign Bond è basato su un approccio innovativo che utilizza una ricerca interna e un’analisi tematica su vasta scala per determinare l’interazione tra i fattori macro globali e i fondamentali dei Paesi in questione.

Chiara Merico di Chiara Merico27 ottobre 2017 | 10:27

NUOVA STRATEGIA – Union Bancaire Privée (UBP) amplia ulteriormente la propria offerta nell’ambito dei mercati emergenti con il lancio di una strategia incentrata sul debito sovrano: l’UBAM – Emerging Market Sovereign Bond. Il nuovo prodotto, gestito da Thomas Christiansen, è basato su un approccio innovativo che utilizza una ricerca interna e un’analisi tematica su vasta scala per determinare l’interazione tra i fattori macro globali e i fondamentali dei Paesi in questione, identificando e accedendo così a fonti supplementari di alfa. Tale strategia sul debito sovrano emergente utilizza un metodo di selezione dei titoli sia di tipo top-down, sia bottom-up al fine di offrire un’esposizione alle obbligazioni sovrane e quasi sovrane denominate in valuta forte. Il suo universo d’investimento è composto principalmente da emittenti che si trovano nei paesi emergenti. Il lancio di questa nuova soluzione consente a UBP di completare la sua offerta di fondi obbligazionari sui mercati emergenti che comprende già tre strategie sul debito societario (UBAM – EM Investment Grade Corporate Bond, UBAM – Emerging Market Corporate Bond, UBAM – EM High Yield Short Duration Corporate Bond) e una “unconstrained”, ossia senza vincoli di mercato e molto flessibile in termini di gestione delle esposizioni (UBAM – Emerging Market Debt Opportunities).

FOCUS SUGLI EMERGENTI – Commentando il lancio, Denis Girault, responsabile del team obbligazioni mercati emergenti presso UBP, ha dichiarato: “il lancio di questa nuova strategia riflette la richiesta significativa e costante da parte degli investitori di un’esposizione sui mercati emergenti. Riteniamo che il nostro approccio, che combina un’analisi tematica top-down e bottom-up, sia ideale per aiutare gli investitori a beneficiare di un segmento molto interessante e ricco d’opportunità dell’universo d’investimento”. La strategia è disponibile per gli investitori in Austria, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Paesi Bassi, Regno Unito, Spagna, Svezia e Svizzera.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

UBP, 2020: “L’economia globale a un bivio”

Ubp, in arrivo un nuovo fondo long short sulla tecnologia

UBP lancia la strategia UBAM per potenziare l’offerta negli investimenti azionari

Ubp, il bilancio sorride

Ubp, salta il capo del pb

UBP: mercati emergenti, chi vince e chi perde nel 2019

Ubp punta sulla sostenibilità con Positive Impact Equity

UBP prende ACPI Investments Limited

UBP, utile su del 5,3% nel primo semestre

Nuova strategia Investment grade per UBP

Ubp fa shopping in Lussemburgo

Ubp lancia un fondo arbitrage azionario

UBP: oro, partenza sprint a inizio 2018

UBP: Giappone, da Abenomics primi effetti positivi

In Asia Julius Baer strappa un manager a Ubp

UBP: azionario Europa, crescita degli utili attesa tra il 10% e il 12% nel 2018

UBP: euro verso possibili nuovi massimi contro il dollaro

UBP: accordo Opec, la strada è ancora lunga

UBP archivia il semestre con utili in crescita

Ubp: come proteggersi dal protezionismo

UBP: potenziali sottoperformance in vista per il debito sovrano europeo

Le banche svizzere alla conquista dell’Asia

Ubp: Bce sulla difensiva per buona parte del 2017

UBP chiude il 2016 in forte crescita

UBP: l’oro risente delle politiche della Fed

UBP e Partners Group lanciano una strategia innovativa sul reddito fisso

UBP: nel 2017 vento in poppa per le convertibili

Ubp: Cina, nel 2017 occhi puntati sull’azionario

UBP: Azionario, 2017 in crescita per le “smid cap” europee

Ubp: obbligazionario, ritorni sostenuti possibili solo con una strategia dinamica

Ubp: Opec, strategia fallimentare o vincente?

Ubp, Benjamin Schapiro rafforza il team sui bond convertibili

Ubp: petrolio, nessun congelamento della produzione in vista

Ti può anche interessare

Fondi di investimento, Nordea AM punta su infrastrutture e real estate

Dopo molti anni di espansione economica, siamo ormai giunti alla fine del ciclo economico. Investire ...

Fondi, top e flop del 2/1/2019

La rubrica del risparmio gestito ...

Consulenti finanziari, un tour con Anima

Dopo la prima edizione, dal prossimo 14 maggio 2019, il roadshow di Anima riparte per 13 ulteriori t ...