Anima, raccolta e utile positivi nei primi tre trimestri

A
A
A
Chiara Merico di Chiara Merico 10 Novembre 2017 | 13:08
L’utile ante imposte ha raggiunto i 111,5 milioni di euro (in aumento di circa il 5% rispetto ai 105,8 milioni di euro dei primi nove mesi del 2016), mentre l’utile netto si è attestato a 78,3 milioni di euro (+24% sui 63,3 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno scorso).

RACCOLTA POSITIVA – La raccolta netta del gruppo Anima nei primi nove mesi del 2017 è stata positiva per circa 2,5 miliardi di euro; il totale delle masse gestite a fine settembre ha superato i 76 miliardi di euro (+7% a fronte dei 72,7 miliardi di euro a fine dicembre 2016). Per quanto riguarda le grandezze economiche, le commissioni nette di gestione hanno raggiunto i 157,0 milioni di euro (in calo del 2% rispetto ai 159,9 milioni di euro dei primi nove mesi dell’anno scorso). Nel corso dei primi nove mesi dell’esercizio le commissioni di incentivo sono state pari a 4,5 milioni di euro (in lieve calo rispetto ai 5 milioni di euro dei primi nove mesi del 2016). Considerando queste ultime e gli altri proventi, i ricavi totali si sono attestati a 178,7 milioni di euro (in calo dell’1% sui 181,1 milioni di euro dei primi nove mesi dell’anno scorso). I costi operativi ordinari sono stati pari a 48,5 milioni di euro, in linea con i 48,3 milioni di euro dello stesso periodo del 2016.

UTILE IN CRESCITA – L’utile ante imposte ha raggiunto i 111,5 milioni di euro (in aumento di circa il 5% rispetto ai 105,8 milioni di euro dei primi nove mesi del 2016), mentre l’utile netto si è attestato a 78,3 milioni di euro (+24% sui 63,3 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno scorso). L’utile netto normalizzato (che non tiene conto di costi o ricavi straordinari e degli ammortamenti di intangibili a vita definita relativi alla cosiddetta “purchase price allocation”) è stato pari a 90,4 milioni di euro nei primi nove mesi dell’anno (circa +3% sui 87,8 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno scorso).La posizione finanziaria netta al 30 settembre 2017 risulta positiva per 224,1 milioni di euro, (192,9 milioni di euro alla fine dell’esercizio 2016). “Ci avviamo a chiudere un 2017 per noi ricco di sfide, nel quale siamo stati in grado di rafforzare il nostro ruolo di operatore indipendente leader in Italia proseguendo il nostro percorso di crescita sia organica che tramite acquisizioni. Siamo convinti che il nostro business model di operatore multi-partnership ci offrirà ulteriori opportunità di sviluppo e per questo guardiamo con rinnovato impegno e fiducia al 2018”, ha commentato Marco Carreri, amministratore delegato di Anima Holding S.p.A.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ftse Mib: la corsa al recupero non è finita. Le big cap sotto la lente

Anima, dicembre in forma per chiudere in positivo

Anima Alternative, primo closing per il fondo di direct lending

NEWSLETTER
Iscriviti
X