Assogestioni, Ubi Banca scatta in testa a ottobre

A
A
A
di Chiara Merico 23 Novembre 2017 | 11:36
Il gruppo ha registrato una raccolta di 2.373 milioni di euro nel mese, seguito a distanza da Amundi (1.069 milioni di euro) e da Generali, con 1.028 milioni di euro. Crolla al settimo posto il gruppo Intesa Sanpaolo.

Torna a correre a ottobre la raccolta dell’industria del risparmio gestito, che secondo la mappa mensile di Assogestioni è stata pari a 6,790 miliardi di euro, un dato che segna una crescita significativa rispetto ai 3,5 miliardi raccolti a settembre. Il totale da inizio anno tocca gli 87 miliardi di euro; il patrimonio gestito dall’industria sale a 2.079 miliardi di euro, nuovo massimo storico. Per quanto riguarda le singole società, in testa alla classifica della raccolta netta nel periodo balza il gruppo Ubi Banca con 2.373 milioni di euro, seguito a distanza dal gruppo Amundi (1.069 milioni di euro) e dal gruppo Generali, con 1.028 milioni di euro. Al quarto posto troviamo Axa Im, con una raccolta netta nel periodo di 667 milioni di euro, seguito da M&G Investments con 666 milioni di euro e da JpMorgan Asset Management con 508 milioni di euro. Crolla al settimo posto il gruppo Intesa Sanpaolo – primo in classifica a settembre – che ha messo a segno una raccolta netta di 439 milioni di euro (975 da Eurizon Capital, mentre Fideuram ha registrato deflussi per 536 milioni di euro). Chiudono la top ten Invesco (+409 milioni di euro), Schroders (+276 milioni) e Morgan Stanley (+253 milioni).

A registrare i maggiori deflussi nel mese è stato il gruppo Anima con -1.591 milioni di euro. Seguono a grande distanza il gruppo Deutsche Bank con -56 milioni e il gruppo Bnp Paribas (-51 milioni).

Prendendo in esame il patrimonio gestito, il gruppo Generali resta saldamente in testa alla classifica con 482,805 miliardi di euro. Sul podio in seconda posizione troviamo il gruppo Intesa Sanpaolo con 396,375 miliardi di euro (307 Eurizon Capital e 90 Fideuram), e al terzo posto Amundi con 203 miliardi di euro. Seguono Poste Italiane (83 miliardi), BlackRock Investment Management (78 miliardi), Anima Holding (76 miliardi), gruppo Ubi Banca (59 miliardi), Allianz (50 miliardi), gruppo Mediolanum (49 miliardi) e gruppo Azimut (42).

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, commodity al top in scia a guerra e contenimento delle emissioni

Amundi: un solido trimestre in scia agli afflussi negli asset a medio/lungo termine

Fondi, la corsa non si ferma. Amundi si prende il primato

NEWSLETTER
Iscriviti
X