Jupiter Am rafforza il team dedicato ai bond convertibili

A
A
A

Il manager entrerà in Jupiter a inizio 2018 e riporterà a Lee Manzi, gestore del fondo Jupiter Global Convertibles.

Chiara Merico di Chiara Merico30 novembre 2017 | 14:39

L’INGRESSO – Jupiter Asset Management annuncia l’ingresso di Makeem Asif in qualità di senior convertible bond analyst nel team multi asset e convertibles della casa. Makeem entrerà in Jupiter a inizio 2018 e riporterà a Lee Manzi, gestore del fondo Jupiter Global Convertibles, e lavorerà a fianco dell’analista quantitativo Joseph Chapman. Questa nomina arriva in un momento in cui l’asset class delle obbligazioni convertibili sta raccogliendo sempre più l’interesse degli investitori. Makeem entra in Jupiter dopo aver lavorato in RWC Partners come senior analyst dedicato alle obbligazioni convertibili globali. In precedenza, ha ricoperto ruoli di analista senior presso Daiwa Capital Markets Europe e Henderson Global Investors. Con oltre diciotto anni di esperienza nel mercato delle obbligazioni convertibili e nell’analisi del credito, Makeem attingerà alla sua profonda conoscenza dei bond convertibili in più settori e aree geografiche al fine di identificare nuove opportunità d’investimento.

 

CONSIDEREVOLE CONOSCENZA DEL SETTORE – Il gestore Lee Manzi ha commentato: “Sono felice di dare il benvenuto a Makeem in Jupiter. La sua considerevole conoscenza del mercato delle convertibili, maturata lavorando sia lato sales che lato investment in questo mercato, si aggiunge ai punti di forza del team. Non vedo l’ora di poter lavorare insieme e raggiungere il nostro obiettivo di offrire solidi rendimenti commisurati al rischio ai nostri investitori”. Stephen Pearson, chief investment officer, ha aggiunto: “In Jupiter lavoriamo molto investendo nell’asset class delle convertibili, grazie ai nostri gestori dalla comprovata esperienza e dal lungo track record di performance raggiunte per gli investitori. Sono lieto di rafforzare le nostre competenze con l’ingresso di Makeem. La sua esperienza è per noi ideale in un momento in cui l’interesse nei confronti di questa asset class sta crescendo, poiché gli investitori guardano con maggiore attenzione alle aree di mercato che possono offrire protezione dai ribassi di mercato in contesti caratterizzati da grande volatilità”.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Jupiter AM, dividendo e utile da leccarsi i baffi

Jupiter Am rafforza il team Fixed Income con Wei

Geldard (Jupiter Am): “Crescita solida, ma attenti ai rischi”

Ti può anche interessare

Tassi di interesse e obbigazioni emergenti, la mixology d’investimento di M&G

L'impatto dell'aumento dei tassi di interesse statunitensi sulle obbligazioni dei mercati emergenti, ...

Sandrini (Amundi): “Le nostre soluzioni Income”

L'head of multi asset balanced, income & real return strategies di Amundi Sgr, spiega la “fil ...

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Da sempre uno dei “punti di forza” commerciali di questi strumenti. Ma è davvero così? ...