Morris (Bnp Paribas Am): “2018, la ripresa continua”

A
A
A

Attenzione ad alcuni rischi: in particolare al ritorno dell’inflazione e a un eccesso di zelo da parte delle banche centrali.

Chiara Merico di Chiara Merico13 dicembre 2017 | 10:33

RIPRESA IN ATTO – Il 2018 si presenta all’insegna di una ripresa globale sincronizzata e ciclica, che invita però a fare attenzione ad alcuni rischi: in particolare al ritorno dell’inflazione e a un eccesso di zelo da parte delle banche centrali. Ne è convinto Daniel Morris, global investment strategist di Bnp Paribas Asset Management, che ieri ha incontrato la stampa specializzata a Milano.

ALTRI 3 RIALZI DALLA FED – Dal punto di vista macro, gli Usa mostrano dati economici leggermente più deboli, ma sempre a livelli alti, mentre l’Europa è ormai indirizzata verso la strada della ripresa. Negli Usa la curva dei rendimenti si sta appiattendo, ma questo non implica un rischio immediato di recessione: gli occhi di tutti sono puntati sulle prossime mosse della Fed, che a febbraio vedrà Jerome Powell prendere il posto di Janet Yellen. Secondo Morris, dopo il nuovo aumento dei tassi previsto questa settimana – il terzo del 2017 – il prossimo anno la banca centrale Usa aumenterà i tassi ancora 3 o 4 volte, “ed è una buona idea quando, come in questo momento, c’è crescita ma non c’è inflazione”. Un altro tema al centro del dibattito è la riforma fiscale dell’amministrazione Trump: a questo proposito, Morris ha sottolineato che in casi come questo i mercati si possono fare influenzare dalle decisioni del Congresso, anche se non sempre, ma di certo non dalle dichiarazioni o dai tweet del presidente.

EUROPA, ANCORA QE – In Europa, secondo Morris, la crescita dovrebbe ormai continuare a un ritmo superiore al 2% per quasi tutti i Paesi, eccezion fatta per l’Italia, penultima in classifica, davanti solo al fanalino di coda, la Gran Bretagna della Brexit. Il programma di Quantitative easing messo in atto dalla Bce di Mario Draghi dovrebbe proseguire almeno fino a settembre e forse anche fino alla fine dell’anno; uno dei principali rischi per la crescita viene invece dal rafforzamento dell’euro, che se arrivasse a un livello dell’1,30 rispetto al dollaro avrebbe conseguenze non trascurabili.

EMERGENTI E CINA – I Paesi emergenti, invece, potrebbero giovarsi del progressivo indebolimento del dollaro nei confronti delle loro divise. Un altro aspetto da tenere in conto è l’andamento dell’economia in Cina, dove le riforme dovrebbero procedere a passo più spedito: nello Standing committee i membri a favore delle riforme sono passati infatti da 3 a 5. La crescita dovrebbe rallentare dal 6,5% a circa il 6% nel 2018; la seconda economia al mondo, sottolinea Morris, presenta comunque degli aspetti problematici perché non è mai molto chiaro cosa succede, sia sul fronte politico sia dal punto di vista economico.

LE SCELTE – Per quanto riguarda l’asset class azionaria, Morris sostiene che i titoli Usa hanno già prezzato lo scenario di mercato migliore, e c’è poco valore rimasto. I mercati emergenti sono caratterizzati da rischi in calo e outlook positivo. Sul fronte delle obbligazioni, molto dipenderà dalle decisioni delle banche centrali, che sembrano intenzionate a una stretta nonostante l’apparente mancanza di inflazione. Le maggiori opportunità in questa asset class si troveranno nei leveraged loans, nel credito investment grade e nel debito dei Paesi emergenti.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bnp Paribas AM, Gambi è il nuovo responsabile globale degli investimenti

BNP Paribas AM: strategia globale per la sostenibilità

Investimenti, radiografia di un mondo al rallentatore

Gestire i risparmi, guardare lontano

BNP Paribas Am al fianco delle Pmi con l’European Debt Fund

Penzo (Bnp Paribas Am): “Sostenibilità, un tema sempre più tangibile per gli investitori”

Bnp Paribas Am si rafforza con Kanzer

Bnp Paribas e Ca’ Foscari insieme per educare alla sostenibilità

Mossetto (Bnp Paribas Am): “Il nostro approccio calcolato sul rischio”

Bnp Paribas Am: Usa ed Europa a due velocità

Bnp Paribas Am premiata per la sostenibilità

Nuova responsabile globale della Sostenibilità per Bnp Paribas Am

Bnp Paribas Am: i mercati hanno reagito alle tensioni

Bnp Paribas Am: capitale naturale, naturalmente al centro degli Sri e dei criteri Esg

Bnp Paribas Am si rafforza con Madar

Bnp Paribas AM, un premio alla sostenibilità

Bnp Paribas Am: rischi dall’Italia e dal rallentamento della crescita

Felices (Bnp Paribas Am): “Attenzione ai rendimenti obbligazionari”

Bnp Paribas Am: non si può sperare di meglio?

Bnp Paribas Am: sui mercati correzione di breve durata

Bnp Paribas Am: Usa, l’inflazione tende al rialzo

Bnp Paribas Am: inflazione e azioni Usa, adesso tutto bene

Bnp fa il pieno sul Sedex

Bnp Paribas Am: cronaca di una correzione annunciata

Consulentia18/Trianni (Bnp Paribas AM): “Soluzioni d’investimento tailor made”

Da Bnp Paribas Am due fondi di private debt

Bnp Paribas Am: continua la crescita dei mercati azionari globali

Bnp Paribas Am: sovrappeso nelle azioni europee

BNP Paribas AM completa i test di transizione sui fondi con tecnologia Blockchain

Bnp Paribas Am: le banche centrali mantengono una linea prudente

Bnp Paribas Am: perché puntare sugli emergenti

Bnp Paribas Am: le condizioni economiche ideali continuano a sostenere gli attivi rischiosi

Bnp Paribas Am: Roger Miners nuovo chief marketing globale

Ti può anche interessare

Risparmio gestito, ondata di fusioni e scalate in vista

L’inserto FTfm del Financial Times riporta le previsioni della società di consulenza Pwc: entro ...

Copernico Sim firma un accordo di distribuzione con Goldman Sachs

Copernico SIM, società di intermediazione mobiliare indipendente da gruppi bancari e assicurativi, ...

Gestori in vetrina – Allianz GI

...