Andreani (Lemanik): azionario Italia ancora su nel 2018 grazie a crescita e Pir

A
A
A
Chiara Merico di Chiara Merico 20 Dicembre 2017 | 12:07
I Piani Individuali di Risparmio rappresentano un elemento di forte discontinuità rispetto al passato, destinato a crescere.

FASE RIALZISTA – “Indicatori di fiducia positivi, spread ai minimi e innalzamento del rating S&P fanno prevedere che la fase rialzista del mercato azionario italiano possa proseguire anche nel 2018”, annuncia Stefano Andreani, gestore azionario di Lemanik. Il mercato azionario italiano nel corso del 2017 ha imboccato una fase rialzista molto netta, innescata da un miglioramento generalizzato dei fondamentali. Le performance positive sono il risultato di due fattori: da un lato gli utili crescono a doppia cifra, grazie a un contesto macroeconomico globale con crescita positiva e inflazione sotto controllo, dall’altro è in corso un recupero delle valutazioni che dimostrano una crescente fiducia degli investitori nella possibilità di veder proseguire l’attuale trend positivo. Anche se ci troviamo ancora in una fase del ciclo poco matura.

ECONOMIA IN ACCELERAZIONE – L’economia italiana sta vivendo una fase di accelerazione che ha permesso di registrare una crescita anno su anno dell’1,8% nel terzo trimestre. Diversamente da altri paesi esiste ancora un rilevante gap da colmare per i ritardi accumulati in passato. Gli indicatori di fiducia migliorano di mese in mese e lo spread tra Btp e Bund è sui livelli minimi del 2017: passi avanti certificati anche dal recente innalzamento del rating a BBB del merito di credito italiano da parte di S&P. Sul fronte valutativo la fase di re-rating da un lato ha tolto l’Italia da un’evidente situazione di sottovalutazione cronica rispetto a molti mercati, dall’altro non incorpora un particolare ottimismo rispetto alla possibile traiettoria futura degli utili, lasciando quindi spazio affinché il trend in corso possa continuare nel corso del 2018. A marzo ci saranno intanto le elezioni in Italia: il nuovo sistema di voto rende molto complicato prevedere chi andrà al governo, ma rende anche altamente improbabile lo scenario di forte discontinuità tanto temuto dai mercati. “Sul fronte della politica monetaria la fase di stretta vera e propria, almeno in Europa, si può ritenere ancora lontana nel tempo. Siamo infatti in un contesto di graduale e lento depotenziamento degli interventi non convenzionali, mentre per un rialzo dei tassi occorre guardare almeno al 2019”, continua Andreani. “Per quanto riguarda i flussi, i Piani Individuali di Risparmio rappresentano un elemento di forte discontinuità rispetto al passato, destinato a crescere. Questo permetterà a un numero crescente di imprese italiane di accedere alla quotazione, favorite anche da incentivi fiscali ad hoc, allargando così via via l’universo investibile”.

TREND POSITIVO – Il futuro prospetta un proseguimento del trend positivo del mercato. Da un lato ci sono società di grande qualità, in particolare nei settori industriali e dei consumi, che in molti casi trattano su multipli valutativi elevati, ma i cui fondamentali sono molto solidi, che potranno continuare a performare se saranno in grado di continuare a far crescere gli utili. Dall’altro ci sono settori (banche, assicurazioni, telecomunicazioni, media, auto) e società particolarmente sottovalutati per i dubbi e i timori dei mercati rispetto alla sostenibilità dei risultati e alle prospettive del business. Nel primo caso occorrerà selezionare quelle aziende in grado di non disattendere le aspettative e magari sorprenderle, nel secondo quei titoli che potranno liberare il valore nascosto modificando la percezione negativa degli investitori. “I rischi più rilevanti riguardano aree al di fuori dell’Europa, Regno Unito escluso, dal momento che negli Stati Uniti il ciclo è in fase molto più avanzata sia in termini di crescita che di politica monetaria e il sistema privato e corporate ha accumulato un livello di debito piuttosto elevato. Da oltre oceano però potrebbe anche venire un’ulteriore spinta per i mercati azionari che non incorporano ancora del tutto gli effetti della riforma fiscale sulla quale si sta ancora discutendo”, conclude Andreani. “La volatilità è su livelli molto compressi e rende quindi potenzialmente sempre più vulnerabili i mercati nei confronti di eventi avversi. Nel frattempo non sottovalutiamo le potenzialità dell’attuale contesto costruttivo per i mercati che in Europa, e in Italia in particolare, ci potrà dare ancora buone soddisfazioni”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Novelli (Lemanik): il coronavirus è l’ultimo dei problemi per l’economia globale

Lemanik: cresce l’appetito per il rischio tra gli investitori

Lemanik lancia Spring: fondo obbligazionario con “approccio unificato”

Lemanik AM, fondo per investire nei migliori business model

Economia mondiale: una montagna di debito ci seppellirà

Gestori in vetrina – Lemanik

Novelli (Lemanik): rischio bolla nel credito al consumo Usa

Lemanik: il mercato high yield paga ancora

Zimmermann, Lemanik: azionario Asia ancora attrattivo

Lemanik: dollaro debole ed eccesso di debito indeboliscono l’economia Usa

Lemanik si rafforza con Foglia

Novelli (Lemanik): “La trappola del debito rischia di far deragliare qualsiasi politica fiscale espansiva”

Andreani, (Lemanik): “I Pir trainano il mercato azionario italiano”

Classifiche Bluerating: Candriam in testa tra i fondi a ritorno assoluto – long short strategy

Lemanik: la Trumpenomic rilancerà l’economia Usa?

Classifiche Bluerating: Lemanik in testa tra i fondi a ritorno assoluto (media volatilità)

Lemanik, con Trump i tassi Usa saliranno

Lemanik: la luna di miele tra banche centrali e mercati sta per finire

Lemanik: Asia in espansione nel 2017

Lemanik, contesto fragile e banche centrali in affanno

Lemanik, nessuna ripresa nel secondo semestre

Classifiche Bluerating: Lemanik in testa sui Ritorno assoluto – media volatilità

Lemanik: le obbligazioni subordinate bancarie superano la prova Brexit

Lemanik, valutazioni interessanti per l’azionario italiano

Novelli (Lemanik): “Usa in affanno per tutto il 2016”

Lemanik si rafforza con l’arrivo di Fabrizio Biondo

Rossi (Lemanik) a Consulentia 2016: “avremo gestori interni”

Novelli, Lemanik: politiche monetarie inutili a far ripartire il ciclo economico

Lemanik, i tassi resteranno ancora invariati

Lemanik: l’Italia continua a essere un mercato su cui puntare

Novelli, Lemanik: la crescita non è solida come le banche centrali vogliono farci credere

Zimmermann (Lemanik): positivi sul mercato giapponese

Lemanik si affida ad Andreani per la gestione dei fondi azionari sull’Italia

Ti può anche interessare

BlackRock, l’utile frena nel terzo trimestre

Il più grande asset manager del mondo rallenta nel terzo trimestre dell’anno. I conti di Blac ...

Consulenti, i tre consigli di papà Ray Dalio

Per la festa del papà il gestore del più grande hedge fund del mondo ha dato tre consigli con un p ...

Raiffeisen, due nuovi fondi “senza peccato”

La casa di gestione austriaca Raiffeisen Capital Management rafforza la gamma di fondi registrati a ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X