Capital Group: un futuro brillante per l’azionario globale

A
A
A

Ci sono diverse ragioni che ci portano a pensare che il rally continuerà anche nel 2018.

Chiara Merico di Chiara Merico4 gennaio 2018 | 14:07

TREND POSITIVO – È stato un anno molto positivo per i mercati diversi da quello statunitense e mi aspetto che ciò continui, spiega Carl Kawaja, equity portfolio manager di Capital Group. Prima dell’inizio del 2017 l’azionario globale ha attraversato un periodo difficile, rimanendo sempre indietro rispetto ai titoli statunitensi. Ci saranno sempre periodi in cui i titoli globali faticano, ma sono presenti anche momenti in cui superano i mercati statunitensi, e credo che ci stiamo dirigendo in questa direzione al momento. Ci sono diverse ragioni che ci portano a pensare che il rally continuerà anche nel 2018. Molte società stanno iniziando a porre maggiore enfasi su profittabilità e rendimenti per gli azionisti. Si evidenzia un rafforzamento diffuso in diversi mercati internazionali, oltre che in tutti i settori. L’economia europea si è stabilizzata, e il Giappone sembra orientato nella giusta direzione. Diversi mercati emergenti non erano così forti da molto tempo. Anche la debolezza del dollaro ha aiutato. Inoltre, dato che Europa e Giappone hanno avuto bisogno di più tempo per riprendersi dalla crisi finanziaria globale, è ragionevole pensare che abbiano anche più spazio per crescere. Per tutte queste ragioni rimaniamo positivi rispetto alle prospettive future.

USA, VALUTAZIONI ELEVATE – Siamo meno ottimisti rispetto all’azionario Usa, ma non particolarmente negativi. Le valutazioni dei titoli statunitensi sono salite molto nel corso degli ultimi due anni, ma abbiamo anche assistito a una straordinaria ripresa degli utili e a innovazioni significative in diverse società. Quindi, abbiamo una posizione più ottimistica per gli altri mercati considerata la grande forza di quelli statunitensi. Ma, tra tutte le obiezioni per le valutazioni troppo alte negli Stati Uniti, crediamo che molte persone abbiano perso di vista le incredibili innovazioni, scoperte e progressi che hanno interessato gli Stati Uniti nell’ultimo decennio – in particolare nei settori IT, consumer discretionary e sanitario. È questo che spinge il valore degli asset. Le banche centrali hanno sicuramente aiutato la crescita dei mercati azionari globali, ma crediamo che diversi mercati finanziari e società siano in grado di fare bene anche in assenza di questi stimoli, senza dubbio. Certo, il QE e i bassi tassi di interesse hanno aiutato almeno in minima parte Google, ma svariate altre cose ne hanno supportato la crescita. Google è in prima linea nello sviluppo della tecnologia delle auto a guida autonoma, ha acquisito YouTube, canale tramite cui è oggi condiviso circa il 40% di tutta la musica consumata in America. Usiamo Gmail ogni giorno. Usiamo Google search ogni giorno. Questa è una società che secondo noi avrebbe fatto bene negli ultimi anni con o senza l’intervento delle banche centrali sui mercati finanziari.

EUROPA, EMERGENTI, GIAPPONE – Per quanto riguarda il rischio politico in Europa, e in particolare la diffusione di populismo e nazionalismo, riteniamo che in realtà l’integrazione europea sia stata di fatto raggiunta. È presente una moneta comune, introdotta nonostante considerevoli difficoltà. Negli ultimi anni sarebbe stato facile per l’Italia fare un passo indietro e tornare alla Lira, ma gli italiani hanno deciso che questo sarebbe andato contro ai loro interessi. Lo stesso è accaduto in Spagna e in Portogallo. Alcuni Paesi sono stati ricompensati più di altri. Passando ai mercati emergenti, tra i titoli di maggior successo nel 2017 troviamo le società cinesi basate sulla rete, grazie anche all’intervento del governo. La scelta di impedire alle società statunitensi di operare nel Paese ha spinto la Cina a sviluppare autonomamente le proprie internet companies. Non si tratta di semplici cloni delle rispettive controparti statunitensi, in quanto sono piuttosto innovative e orientate al progresso. Alibaba ad esempio è una società di e-commerce di primo piano a livello globale. Questo non significa che potrebbe avere successo negli USA, ma i servizi offerti da Alibaba sono straordinari e possono essere sicuramente paragonati a quanto fa Amazon in Occidente. In Europa abbiamo invece assistito all’opposto, con le internet companies statunitensi che hanno colonizzato l’Europa.  Il Giappone è stato un caso di investimento ideale negli anni, principalmente perché si sono ignorate le condizioni economiche generali e ci si è concentrati su singole società che offrivano prodotti eccellenti. Un esempio è Nintendo, proprietaria di una popolare console chiamata Switch che è sia portatile che fissa, una console tradizionale che è possibile portare con sé. Un prodotto come questo non ha nulla a che fare con l’economia giapponese, o le politiche delle banche centrali, o la leadership politica del Paese. Nintendo offre una console e dei videogiochi che le persone amano. Questa è la ragione per cui ci concentriamo sulla ricerca fondamentale e bottom-up.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Capital Group, è tempo di pubblicità

Fondi di investimento, Capital Group lancia il fondo World Growth and Income

Astolfi-Capital Group, ora è ufficiale

Obbligazionario emergente, un’alternativa per diversificare il portafoglio

Capital Group rafforza il team italiano

Capital Group, nuova nomina nella distribuzione

Astolfi vicino a Capital Group

Capital Group: 20 candeline per la strategy New World

Capital Group annuncia il lancio di “Capital Ideas” in Italia

Gestori in vetrina – Capital Group

Deutsche Bank FA e Capital Group, nuovi fondi per i consulenti

Capital Group, un outlook in versione 3×3

Da Capital Group una nuova strategia multi asset

Capital Group: guerra commerciale, finora alle parole sono seguiti pochi fatti

Capital Group: semiconduttori, a fondamento della nuova economia digitale

Capital Group: Europa, fondamentale essere selettivi

Primo compleanno con rating Gold per l’Usa AMCAP (LUX) di Capital Group

Capital Group prende Bozzano da Fidelity

I fondi Capital Group nella rete di Fideuram Ispb

Rivivi il roadshow Road to the future

Advice Revolution

Road to the future apre i cancelli

Capital Group punta sui bond corporate globali

I fondi di Capital Group nella rete del Credem

Capital Group lancia un nuovo fondo sull’high yield Usa

Capital Group: gli Usa sono sospinti da più fattori

Capital Group porta in Italia il fondo azionario Usa AMCAP (Lux)

Capital Group: il nuovo volto della globalizzazione

Capital Group lancia la strategia US Corporate Bond per gli investitori europei

SdR 17, Pallotta (Capital Group): “L’investimento a lungo termine, un principio chiave”

Capital Group rafforza la partnership con Banca Generali

UniCredit, gli americani di Capital Research sopra l’8%

Capital Group: il super dollaro perde vigore

Ti può anche interessare

Da Muzinich un nuovo fondo per le Pmi

Ha una dote di 700 milioni di euro e investe in debito o azioni delle piccole e medie imprese del Ve ...

Fondi, top e flop del 11/02/19

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...

Fondi d’investimento, il migliore e il peggiore del 2/04/2019

La rubrica del risparmio gestito ...