Anima, utile e raccolta in crescita nel 2017

A
A
A

L’utile ante imposte ha raggiunto i 160,0 milioni di euro (in aumento di circa il 2% rispetto ai 156,8 milioni di euro del 2016), mentre l’utile netto si è attestato a 111,3 milioni di euro (+10% sui 101,2 milioni di euro del 2016).

Chiara Merico di Chiara Merico9 febbraio 2018 | 08:56

 

NUMERI IN CRESCITA – La raccolta netta del gruppo Anima nel 2017 è stata positiva per oltre 0,9 miliardi di euro; il totale delle masse gestite a fine dicembre 2017 è pari a circa 94,4 miliardi di euro, grazie al consolidamento delle masse di Aletti Gestielle Sgr (pari a oltre 19 miliardi di euro) avvenuto per effetto del closing dell’operazione di acquisizione in data 28 dicembre 2017. Senza tenere conto dei patrimoni gestiti acquisiti, le masse facenti riferimento al gruppo Anima al 31 dicembre 2017 sono risultate pari a circa 75,3 miliardi di euro, con un aumento di circa il 4% sul dato di fine dicembre 2016.

Per quanto riguarda le grandezze economiche (che non comprendono i risultati di Aletti Gestielle SGR):

 

  • le commissioni nette di gestione hanno raggiunto i 211,0 milioni di euro (in linea con i 211,8 milioni di euro del 2016). Nel 2017 le commissioni di incentivo sono state pari a 23,9 milioni di euro (in aumento del 16% rispetto ai 20,6 milioni di euro del 2016). Considerando queste ultime e gli altri proventi, i ricavi totali si sono attestati a 257,0 milioni di euro (in aumento dell’1% sui 253,7 milioni di euro del 2016).
  • I costi operativi ordinari sono stati pari a 65,5 milioni di euro, in aumento del 5% rispetto ai 62,4 milioni di euro del 2016.
  • L’utile ante imposte ha raggiunto i 160,0 milioni di euro (in aumento di circa il 2% rispetto ai 156,8 milioni di euro del 2016), mentre l’utile netto si è attestato a 111,3 milioni di euro (+10% sui 101,2 milioni di euro del 2016). L’utile netto normalizzato (che non tiene conto di costi o ricavi straordinari e degli ammortamenti di intangibili a vita definita relativi alla c.d. “purchase price allocation”) è stato pari a 133,8 milioni di euro (+5% rispetto ai 127,7 milioni di euro del 2016).

 

DIVIDENDO DI 0,19 EURO – Il consiglio di amministrazione proporrà all’assemblea degli azionisti, convocata per il 12 marzo 2018, la distribuzione di un dividendo pari a 0,19€ per ogni azione ordinaria di Anima Holding Spa, al lordo delle ritenute di legge; il dividendo sarà pagabile a partire dal 21 marzo 2018 (con stacco cedola il 19 marzo 2018 e record date 20 marzo 2018). La posizione finanziaria netta al 31 dicembre 2017 risulta negativa per 276,0 milioni di euro, (era positiva per 192,9 milioni di euro alla fine dell’esercizio 2016); la variazione è dovuta principalmente all’utilizzo dei finanziamenti per 700 milioni di euro per l’acquisizione di Aletti Gestielle Sgr. La capogruppo Anima Holding ha incassato nel 2017 dividendi per 119,8 milioni di euro (a fronte dei 148,1 milioni di euro del 2016) e ha registrato un utile netto pari a 106,0 milioni di euro (135,8 milioni di euro nel 2016). “Si chiude un anno nel quale alla crescita organica si sono aggiunte importanti novità sul fronte delle operazioni straordinarie, che ci consentono di gettare le basi per proseguire ulteriormente nel nostro percorso di crescita grazie a un modello basato su partnership di lungo periodo” ha commentato Marco Carreri, amministratore delegato di Anima Holding S.p.A. “Il 2018 ci vedrà fortemente impegnati nell’implementazione dei nuovi accordi, certi di cogliere da subito i frutti del significativo allargamento del network distributivo”.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Anima, a luglio continua la ripresa nella raccolta

Anima, utile giù ma masse in crescita

Anima, la raccolta esce fuori dal tunnel

Anima lancia il fondo per i “novellini” del risparmio gestito

Anima, prosegue il periodo no della raccolta

La nuova Anima di Arca

Anima: utile e ricavi giù, masse su

Consulenti finanziari, un tour con Anima

Gestori in vetrina – Anima

Caccia grossa nel risparmio gestito

Banche-reti, meglio le italiane delle straniere

Gestito, Anima cerca un partner

Anima, la raccolta frena a febbraio

Fondi d’investimento, alleanza tra Anima e Legg Mason

Anima, un bilancio coi fiocchi

Consulenti: Anima vi racconta le Eccellenze d’Italia

Anima, il recupero dei mercati traina la raccolta

Caro consulente, per 3 italiani su 4 non sei “molto importante”

Raccolta, Anima chiude l’anno in bellezza

Anima, novembre positivo per la raccolta

Il risiko dei fondi dopo Mifid 2

Anima mette su massa

Anima, giù la raccolta a ottobre

Anima e cuore nella raccolta a settembre

Il “buy” del consulente – 26/09/18, da Anima Holding a StM

Anima, il Banco Bpm spinge la raccolta in agosto

Anima, raccolta ok e masse gestite al top

Anima, un semestre a due facce

Anima, giugno con il segno meno

Anima, maggio nero per la raccolta

Anima, i top manager comprano azioni

Anima pensa a fare shopping

Anima, crescita a doppia cifra per utili e masse

Ti può anche interessare

Investimenti: i sostenibili e la carica dei 300

Sono state comunicate le evidenze della terza edizione dell’Impact Report di MainStreet Partners ( ...

AcomeA, il segreto di una raccolta in controtendenza

Il 2018 si è chiuso con una raccolta netta positiva di 200 milioni di euro. Il commento di Matteo S ...

Incidente Bologna, ad Allianz 464 richieste di risarcimento

La maggior parte delle richieste di risarcimento danni riguarda abitazioni private, seguite da lesio ...