T. Rowe Price: la crescita globale resta solida e sincronizzata

A
A
A

In occasione dell’inaugurazione dei nuovi uffici di Milano della società, Peter Botoucharov, emerging markets credit analyst, ha fatto il punto sulle prospettive economiche e finanziarie per il 2018

Chiara Merico di Chiara Merico13 febbraio 2018 | 14:59

NUOVI UFFICI – Taglio del nastro per la nuova sede di Milano di T. Rowe Price – una delle principali società di asset management al mondo, fondata nel 1937 negli Stati Uniti e con 991 miliardi di dollari di AuM.   “La nostra nuova sede testimonia la crescita e lo sviluppo solido e costante del business italiano in tutti i segmenti di clientela, sempre basato sulle nostre competenze nella gestione degli investimenti, e soprattutto l’impegno di T. Rowe Price nel nostro Paese. Siamo arrivati tre anni fa non con intenti opportunistici, ma con obiettivi di radicamento di lungo periodo e il percorso compiuto fin qui ne è rappresentazione concreta”, ha commentato Donato Savatteri, country head Italy della società, quotata sul Nasdaq dal 1986 e parte dell’indice S&P 500.

IL PUNTO SUL 2018 – In occasione dell’inaugurazione dei nuovi uffici Peter Botoucharov, emerging markets credit analyst di T. Rowe Price, ha fatto il punto sulle prospettive economiche e finanziarie per il 2018. La crescita globale resta solida e sincronizzata, ma non priva di rischi, soprattutto sul fronte geopolitico. La recente correzione sui mercati non sembra preludere a un periodo di crisi economica o a forti sconvolgimenti sui mercati. Capitolo banche centrali: l’attenzione degli investitori è tutta per la Bce e la Fed, ma la divergenza tra tassi di interesse a livello globale offre molte opportunità, anche in Paesi un po’ fuori dai radar. Un contesto che sembra favorire i mercati emergenti, un’area ben diversificata su cui puntare tramite una forte gestione attiva della duration e strategie a spread.

CRESCITA SOLIDA – Per quanto riguarda l’outlook per il 2018, Peter Botoucharov ha dichiarato: “Siamo in un periodo di crescita globale solida e sincronizzata, guidata principalmente da tre fattori: negli Stati Uniti, vediamo una politica fiscale più espansiva; in Europa, una ripresa degli investimenti fissi lordi, un calo della disoccupazione e un ciclo del credito ancora nella fase iniziale; negli Emergenti, una fase di espansione supportata anche dai flussi commerciali internazionali, in aumento”. Citando tra le probabili conseguenze della solida crescita globale in primo luogo il cosiddetto re-leveraging, cioè la ripresa dell’aumento della leva finanziaria, Botoucharov ha poi evidenziato che l’attenzione nei confronti delle banche centrali resta alta: “E’ vero, stiamo vedendo posizioni meno accomodanti sulla politica monetaria, ma l’approccio resta comunque cauto e permane un’ampia liquidità a livello globale”, spiega l’analista, focalizzando l’attenzione su un tema, quello della divergenza nelle politiche monetarie, quanto mai importante: “Nel 2016 abbiamo registrato, sul fronte degli interventi delle Banche centrali, 87 tagli dei tassi di interesse a fronte di 38 rialzi; nel 2017, 82 tagli e 34 rialzi. È evidente che il panorama globale sia variegato e diversificato: nel ciclo dei tassi di interesse troviamo diversi Paesi di primo piano ancora nella fase di taglio del costo del denaro, per esempio Brasile, Russia, Sud Africa, Indonesia, e molti altri nella parte avanzata della fase di rialzo, come l’Argentina o il Messico. Insomma, guardando al di là dell’Eurozona, degli Stati Uniti e del Regno Unito, restano forti divergenze, da cui nascono importanti opportunità di investimento”.

I RISCHI – In questo quadro, permangono alcuni rischi, secondo l’analista di T. Rowe Price riconducibili essenzialmente all’amministrazione Trump e al protezionismo commerciale; al fronte geopolitico; al rallentamento controllato della Cina; alle conseguenze della Brexit. Sul fronte geopolitico, Botoucharov individua alcuni elementi da monitorare da vicino: “Mentre continuano le tensioni tra Corea del Nord e Stati Uniti, in Medio Oriente bisogna tenere d’occhio Arabia Saudita e Iran. Sempre nell’area medio-orientale è chiave il ruolo della Turchia, così come il suo legame con la NATO, oggetto di significative tensioni. Il 2018 è poi un anno di elezioni per diversi Paesi di primo piano, come Brasile, Messico e soprattutto Russia. E non bisogna dimenticare che per quest’ultima resta il tema delle sanzioni imposte da Stati Uniti ed Unione Europea”. Nonostante ciò, il contesto resta favorevole, soprattutto per i mercati emergenti. L’area gode infatti di una crescita più rapida rispetto ai mercati sviluppati, con livelli di indebitamento inferiori. I rendimenti sul fronte obbligazionario restano poi più elevati, con duration simile. “Anche in questo caso, ‘diversificazione’ è un concetto chiave, basti pensare che l’asset class del debito emergente vale circa 4.000 miliardi di dollari, un ammontare simile a quello del segmento dei bond societari americani”, ha concluso Botoucharov.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

T. Rowe Price: il “sogno cinese” del presidente Xi non può iniziare prima del 2020…

Mifid 2, T. Rowe Price pagherà per la ricerca di terze parti

T. Rowe Price: come approfittare dell’altalena dei listini americani

Ti può anche interessare

Allianz GI, nuovo ruolo per Battistini

Il manager, già responsabile dei segmenti Fund Buyer ed Istituzionali, assumerà il nuovo ruolo di ...

Foà (AcomeA): “Value e contrarian, ecco il nostro stile di gestione”

Intervista al fondatore di AcomeA e decano dell’industria dei fondi comuni, che ripercorre la sua ...

Pir, chi ha vinto lo scudetto

Un appassionante testa a testa tra tanti protagonisti del risparmio gestito. Ecco chi vince per patr ...