Aviva, raccolta col turbo grazie ai cf

A
A
A
di Andrea Telara 8 Marzo 2018 | 10:11
La compagnia ha registrato un aumento del 31% della raccolta grazie alle reti di consulenti finanziari.

Utili in salita per la compagnia assicurativa britannica Aviva. A livello internazionale il profitto operativo per azione dell’esercizio 2017 è risultato in aumento del 7% e il dividendo del 18%, confermando una crescita a due cifre per il quarto anno consecutivo. In Italia la compagnia ha realizzato un utile netto di 76 milioni di euro (+7,7% sul 2016), una raccolta di 2.7 miliardi di euro nel ramo Vita (+31% su base annua) e di 470 milioni nel ramo Danni. La performance del ramo Vita è dovuta soprattutto alla distribuzione nelle reti dei consulenti finanziari.

“Il 2017 ha visto un significativo rafforzamento della posizione patrimoniale di Aviva in Italia associato ad una forte crescita del business Vita legato sia allo sviluppo del canale di Consulenti Finanziari che alla solida performance dei partner bancari – commenta Ignacio Izquierdo, ceo di Aviva in Italia, che ha aggiunto, relativamente ai Danni, in un mercato sotto assicurato, stiamo ribilanciando il comparto a favore dei Rami Elementari. Vediamo un grande futuro per Aviva in Italia. Vogliamo puntare sulla semplicità e sull’innovazione digitale come opportunità per migliorare la relazione con il cliente offrendogli prodotti e servizi che rispondano ai loro bisogni concreti. D’altra parte il cliente è sempre stata la nostra priorità ed è al centro di ogni nostra azione.”

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Generali in Polonia, pronti 2 miliardi per Aviva

Top 10 Bluerating: Aviva al top nel capitale protetto

Fineco, riorganizzazione in vista per le polizze

NEWSLETTER
Iscriviti
X