Mirabaud, utile in crescita a doppia cifra

A
A
A

L’utile netto è in aumento del 28%, e gli asset in gestione sono saliti dell’11% rispet­to al 31 dicembre 2016.

Chiara Merico di Chiara Merico27 marzo 2018 | 10:37

UTILE SU – Il gruppo Mirabaud ha chiuso l’esercizio 2017 con un utile netto in aumento del 28%. Gli asset in gestione sono saliti dell’11% rispet­to al 31 dicembre 2016 grazie alla crescita del mercato e alle nuove attività. Il gruppo prosegue i suoi investimenti e porta avanti lo sviluppo dei propri fondi. Al 31 dicembre 2017 gli asset totali in gestione si attestavano a 33,3 miliardi di franchi svizzeri, di cui 9 miliardi riferiti alla divisione dell’asset management e 24,3 miliardi al wealth management, contro un totale di 31,2 miliardi  di franchi svizzeri registrati al 30 giugno 2017. L’esercizio 2017 del gruppo si è chiuso con un utile netto consolidato di 40,5 milioni di franchi svizzeri (in rialzo del 28% rispetto al 2016). I ricavi sono aumentati a 305,5 mi­lioni di franchi svizzeri (289 milioni nel 2016), comprese commissioni per 237,3 milioni, un risultato delle attività di trading di 33,3 milioni e un margine d’interesse di 27,8 milioni. I costi di esercizio, al netto di deprezzamenti, ammortamenti e impo­ste, si sono attestati a 247,2 milioni di franchi svizzeri (contro i 244,4 milioni del 2016) grazie a un controllo costante sui costi. “Nel 2017, le nostre attività di private banking hanno riportato ottime performance in Svizzera, in Europa, compreso il Regno Unito, a Dubai e in Canada. In particolare, la no­stra divisione di Asset Management ha lanciato un fondo flessibile sul debito emergente e il suo primo fondo di private equity dedicato alle imprese del “patrimonio vivente” (Entreprises du Patrimoine Vivant) attive nel lusso e nel lifestyle, e nel contempo ha anche vinto numerosi mandati istituzionali di prim’ordine. Inoltre, abbiamo finalizzato la riorganizzazione della nostra divisione di brokerage, in un contesto favorevole su diversi fronti tra cui esecuzione (in particolare elettronica), ricerca e IPO. La solidità finanziaria di Mirabaud e la sua performance ci permettono di continuare a investire sul lungo periodo e di offrire un portafoglio completo di servizi alla nostra clientela privata e istituzionale”, sottolinea Yves Mirabaud, senior managing partner di Mirabaud.

FORTE CAPITALIZZAZIONE – Il totale consolidato degli asset è pari a 4194 milioni di franchi svizzeri. Le passività si compongono essenzialmente di depositi della clientela. Due terzi degli asset sono depositati presso la Banca Nazionale Svizzera o investiti in bond governativi a breve termine con rating elevato, che garantiscono liquidità e sicurezza. Il gruppo presenta un indice di capita­lizzazione Tier 1 del 21% e un indice di copertura della liquidità del 202%. Questi livelli nettamente superiori ai requisiti di Basilea III sono espressione della redditività e della solidità finanziaria di Mirabaud, il cui modello operativo si basa sul controllo dei rischi e sugli investimenti a lungo termine. Nel 2017 il gruppo Mirabaud ha ampliato le proprie attività nei campi del wealth mana­gement, dell’asset management e del brokerage. Nel corso del 2018 il gruppo Mirabaud, proseguirà la sua politica di investimenti attentamente selezionati nelle tre divisioni e in diversi mercati, per continuare a offrire prestazioni eccellenti ai propri clienti.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mirabaud AM a passo di samba

Mirabaud, target raggiunto sul private equity

Un ex Ubs per Mirabaud

Ti può anche interessare

Fondi & sicav: profondo rosso

Un anno complicato per il risparmio gestito ...

Mondiali di calcio, vincerà la Germania. Lo dice il gestore

I tedeschi favoriti per la vittoria della competizione, secondo i calcoli di UBS ...

Fondi, top e flop del 07/11/18

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...