Anima, crescita a doppia cifra per utili e masse

A
A
A

La raccolta nei primi tre mesi dell’anno è stata positiva per 0,6 miliardi di euro. Le masse crescono del 27%, l’utile netto del 74%.

Chiara Merico di Chiara Merico14 maggio 2018 | 12:07

RACCOLTA POSITIVA – Nei primi tre mesi dell’anno la raccolta netta del gruppo Anima è stata positiva per circa 0,6 miliardi di euro; il totale delle masse gestite a fine trimestre è pari a circa 93,8 miliardi di euro, in aumento di circa il 27% rispetto al dato di fine marzo 2017 (non inclusivo del dato di Aletti Gestielle Sgr). Lo fa sapere una nota, in cui si precisa che il primo consolidamento delle attività di Aletti Gestielle Sgr è avvenuto con riferimento ai soli valori patrimoniali al 31 dicembre 2017, sostanzialmente coincidenti con i valori alla data di acquisizione (28 dicembre 2017). Il conto economico consolidato dell’esercizio in corso, pertanto, rappresenta il primo periodo di consolidamento dei dati economici di Aletti Gestielle Sgr.

CRESCITA A DOPPIA CIFRA – Per quanto riguarda le grandezze economiche, le commissioni nette di gestione hanno raggiunto i 70,8 milioni di euro (+39% rispetto ai 51,0 milioni di euro del primo trimestre 2017). Nel corso dei primi tre mesi dell’esercizio le commissioni di incentivo sono state pari a 15,1 milioni di euro (in forte aumento rispetto ai 2,1 milioni di euro del primo trimestre 2017). Considerando queste ultime e gli altri proventi, i ricavi totali si sono attestati a 92,5 milioni di euro (in aumento del 55% sui 59,7 milioni di euro del primo trimestre 2017). I costi operativi ordinari sono stati pari a 21,9 milioni di euro (in aumento del 35% rispetto ai 16,2 milioni di euro del primo trimestre 2017). L’utile ante imposte ha raggiunto i 63,2 milioni di euro (in aumento dell’80% rispetto ai 35,1 milioni di euro del primo trimestre 2017), mentre l’utile netto si è attestato a 45,0 milioni di euro (+74% sui 25,9 milioni di euro del primo trimestre 2017). L’utile netto normalizzato (che non tiene conto di costi o ricavi straordinari e degli ammortamenti di intangibili a vita definita relativi alla cosiddetta “purchase price allocation”) è stato di 47,7 milioni di euro nel primo trimestre 2018 (circa +51% sui 31,6 milioni di euro del primo trimestre 2017). L’indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2018 risulta pari a 290,4 milioni di euro, (in leggero aumento rispetto ai 276,0 milioni di euro alla fine dell’esercizio 2017). Si ricorda che nel mese di marzo 2018 sono stati pagati dividendi per un importo di circa 58 milioni di euro relativi all’esercizio 2017. “Con il primo trimestre 2018 i dati economici del gruppo mostrano i primi positivi impatti dell’intervenuta acquisizione di Aletti Gestielle, che costituisce un ulteriore passo sul nostro percorso di crescita avviato anni fa e perseguito secondo le linee strategiche già delineate ai tempi della quotazione della società nel 2014. Ciò che abbiamo sviluppato sin dalla nascita di Anima, e costantemente migliorato, è un modello di business basato su partnership di lungo termine e supportato da una piattaforma estremamente snella ed efficiente. In un settore soggetto a pressione sui margini, Anima si distingue grazie alla sua comprovata capacità di generare ed incrementare la leva operativa e di continuare a proporsi per svolgere il ruolo di aggregatore in una industria ancora fortemente frammentata”, ha commentato Marco Carreri, amministratore delegato di Anima Holding S.p.A.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Anima, ad agosto raccolta posiva

Anima, a luglio continua la ripresa nella raccolta

Anima, utile giù ma masse in crescita

Anima, la raccolta esce fuori dal tunnel

Anima lancia il fondo per i “novellini” del risparmio gestito

Anima, prosegue il periodo no della raccolta

La nuova Anima di Arca

Anima: utile e ricavi giù, masse su

Consulenti finanziari, un tour con Anima

Gestori in vetrina – Anima

Caccia grossa nel risparmio gestito

Banche-reti, meglio le italiane delle straniere

Gestito, Anima cerca un partner

Anima, la raccolta frena a febbraio

Fondi d’investimento, alleanza tra Anima e Legg Mason

Anima, un bilancio coi fiocchi

Consulenti: Anima vi racconta le Eccellenze d’Italia

Anima, il recupero dei mercati traina la raccolta

Caro consulente, per 3 italiani su 4 non sei “molto importante”

Raccolta, Anima chiude l’anno in bellezza

Anima, novembre positivo per la raccolta

Il risiko dei fondi dopo Mifid 2

Anima mette su massa

Anima, giù la raccolta a ottobre

Anima e cuore nella raccolta a settembre

Il “buy” del consulente – 26/09/18, da Anima Holding a StM

Anima, il Banco Bpm spinge la raccolta in agosto

Anima, raccolta ok e masse gestite al top

Anima, un semestre a due facce

Anima, giugno con il segno meno

Anima, maggio nero per la raccolta

Anima, i top manager comprano azioni

Anima pensa a fare shopping

Ti può anche interessare

Investimenti: valute in prima linea

Analizziamo lo status quo e le prospettive ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 3/7/2019

La rubrica del risparmio gestito. ...

Ballabio lascia iShares

Dopo 8 anni la manager lascia il gruppo statunitense per nuove avventure professionali. ...