L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

A
A
A

Il dato globale per il 2017 è di 2000 miliardi di dollari. Stati Uniti primi per flussi netti, ma i prodotti cross-border registrano i tassi di crescita maggiori

di Sara Silano7 giugno 2018 | 08:39

Una raccolta così alta a livello globale, i fondi e gli Etf non la ricordavano da oltre un decennio. Secondo le statistiche di Morningstar, nel 2017 i flussi netti verso il risparmio gestito sono stati di circa 2 mila miliardi di dollari, contro gli 835 miliardi del 2016. Gli Stati Uniti hanno fatto da traino con circa 800 miliardi, seguiti dai cosiddetti prodotti cross-border (642 miliardi) domiciliati in paesi fiscalmente favorevoli come il Lussemburgo o l’Irlanda e distribuiti in tutta Europa, in Asia, America latina e Medio oriente. Il tasso di crescita organica di questi ultimi è stato del 13%, più del doppio rispetto agli strumenti domiciliati in altri paesi europei.

Flussi netti per regione geografica 2017

Gli obbligazionari fanno il pieno
Tutte le principali attività finanziarie hanno registrato flussi netti positivi, ma il reddito fisso ha fatto la parte del leone con 830 miliardi di nuovi capitali. Il dato può sorprendere in un contesto che rimane di tassi di interesse storicamente bassi, ma va letto in relazione alle dinamiche anagrafiche di progressivo invecchiamento della popolazione. Chi va in pensione, infatti, preferisce asset class meno rischiose e un flusso cedolare costante. E’ possibile, inoltre, che gli investitori vogliano mantenere una certa diversificazione di portafoglio di fronte al rally delle Borse che dura ormai da anni.

Flussi netti per categoria Morningstar 2017

In luce gli azionari globali ed emergenti
Il favorevole andamento dei mercati azionari ha giovato ai fondi equity, che hanno registrato flussi netti per 582 miliardi nel 2017, in forte aumento rispetto ai 17 dell’anno precedente. A trainare sono stati soprattutto gli azionari globali large cap e mercati emergenti, il che non deve sorprendere dato che l’indice Msci World ha guadagnato il 24% (in dollari) e quello emerging market il 37,3%.

Fenomeno alternativi
In termini di crescita organica, gli alternativi dominano la classifica: il patrimonio a livello globale è arrivato a sfiorare i 900 miliardi, ponendoli come quinta asset class per dimensioni. Hanno mostrato interesse per questi prodotti soprattutto gli investitori europei e latino-americani, mentre negli Stati Uniti la popolarità è in calo.

Il rally perso
Storicamente, gli investitori non mostrano un grande market-timing. Nel 2007, i flussi verso i fondi erano ancora positivi, mentre nel 2008, quando i mercati sono crollati, ci sono stati riscatti diffusi. Successivamente, i protagonisti sono stati gli obbligazionari, mentre gli azionari hanno faticato a riconquistare la fiducia dei sottoscrittori, che, in questo modo, si sono persi gran parte del rally.

Flussi e market timing degli investitori

Leggi il report completo.

L’analisi è stata realizzata con la piattaforma per professionisti finanziari, Morningstar Direct. Clicca qui per saperne di più sulle sue funzionalità.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Neuberger Bergman, arriva il fondo Clo Income

Pictet: biotecnologie, che forza!

Lombard Odier, una nomina per la svolta digitale

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Enasarco, arriva l’interrogazione parlamentare

Trimestre a tutta raccolta per T. Rowe Price

Candriam, sostenibili per vocazione

Dws, cambia la guida nel Sud Europa

Vontobel AM rafforza la squadra obbligazionaria

Fondi, fuga dagli emergenti

Capitali, come portarli all’estero (legalmente)

Fondi passivi sostenibili, la strada è ancora lunga

Rompere gli schemi dell’asset allocation

Fondi, se resta solo la commissione di performance (o quasi)

Strategie multi asset per mantenere la rotta

Syz AM, un miliardo di motivi per sorridere

Fondi, la commissione di gestione è sotto pressione

Fidelity, you pay…less

Multi asset, una passione in evoluzione

SdR18/Bottillo (Natixis IM): “Attivi, what else?”

SdR18/Giorgi (Blackrock): “Il nostro Universe”

La raccolta ci mette l’Anima

Caso Vegagest, due ipotesi e un silenzio assordante

Assogestioni: Carreri vicepresidente con il nuovo budget

La guerra dei fondi

Asia più forte per La Francaise

SdR18, via libera per le conferenze

Fondi, rivoluzione Fidelity

Kid, i problemi fanno slittare la notifica alla Consob

Petrolio in ascesa, la bussola per gli energetici di AcomeA

Fondaco, un nuovo fondo equity income

Anima e Poste, un accordo dai tre volti

Ti può anche interessare

Anima, le masse volano a febbraio

Il totale delle masse gestite a fine mese è pari a circa 94,3 miliardi di euro, in aumento di circa ...

I fondi Capital Group nella rete di Fideuram Ispb

Tra i comparti da oggi disponibili per la clientela delle reti di consulenti finanziari di Fideuram ...

Strategie multi asset per mantenere la rotta

La diversificazione è la chiave della gestione del portafoglio. E dei fondi... ...