HSBC Global Asset Management registra in Italia due comparti a bassa emissione di carbonio

A
A
A
Chiara Merico di Chiara Merico 18 Giugno 2018 | 16:17
HSBC vanta un’esperienza ventennale in questo segmento e il lancio dei due comparti “lower carbon” sul mercato italiano segue quello di 3 fondi di diritto francese, (HSBC Sustainable Euro Bond, HSBC Sustainable Euroland Equity e HSBC Sustainable Global Equity) che in Italia sono registrati ad uso esclusivo di investitori qualificati.

I COMPARTI – HSBC Global Asset Management ha annunciato la registrazione in Italia di due comparti della HSBC Global Investment Funds che investono in titoli a bassa emissione di carbonio: HSBC GIF Global Lower Carbon Bond e HSBC GIF Global Lower Carbon Equity. Con queste due strategie “low carbon” sulle azioni internazionali, HSBC GIF Global Lower Carbon Equity e sulle obbligazioni internazionali, HSBC GIF Global Lower Carbon Bond, HSBC offre all’investitore la possibilità di contribuire indirettamente alla lotta contro il riscaldamento climatico. Secondo una recente ricerca commissionata da HSBC, nel 2017 l’impegno degli emittenti e degli investitori verso la finanza e gli investimenti sostenibili è in aumento.

UN SEGMENTO IN CRESCITA – Dalla ricerca emerge che il momentum per gli investimenti in ambito climatico continua a crescere, con il 68% degli intervistati che ha intenzione di aumentare i propri investimenti a basse emissioni di carbonio durante l’anno (un incremento del 4,3% rispetto all’anno precedente). La crescita è guidata dagli investitori europei e del Nord America, rispettivamente con il 96,8% e il 85,2%, che risultano essere i più propensi ad intensificare i propri investimenti sostenibili nel corso del prossimo anno. Roberto Citarella, managing director di HSBC Global Asset Management (France) – Italian Branch, ha dichiarato: “Il cambiamento climatico è un problema concreto nel panorama degli investimenti che genera rischi ma anche opportunità. Nel processo di transizione verso un’economia a più basso tasso di emissione di carbonio, le aziende ne sono impattate sia direttamente o come conseguenza di cambiamenti normativi. Adottare un approccio proattivo può aiutare gli investitori a ridurre i rischi associati ai cambiamenti climatici (per i mercati azionari sviluppati si stima una perdita dello 0.82%). I due Comparti si propongono, per la parte “core” degli investimenti, come risposta alla crescente domanda degli investitori (sia retail che professionali) alla ricerca di soluzioni con un approccio focalizzato sul rischio climatico. Il comparto HSBC GIF Global Lower Carbon Equity, mira a strutturare un portafoglio con una ”carbon footprint” inferiore al proprio benchmark di riferimento, riducendo l’esposizione totale ai titoli con le più alte emissioni di gas effetto serra. Il comparto investe principalmente in azioni di mercati sviluppati, attraverso un processo di investimento multifattoriale per identificare e classificare le azioni più interessanti all’interno del proprio universo di investimento. Al fine di ridurre l’esposizione alle imprese ad alta intensità di carbonio, tutti i titoli in portafoglio, per essere acquistati, dovranno essere stati sottoposti ad una valutazione dell’intensità delle emissioni. Questo procedimento permette di gestire e ridurre l’”impronta” di carbonio (carbon footprint) del portafoglio. Il comparto HSBC GIF Global Lower Carbon Bond Fund mira astrutturare un portafoglio con una ”carbon footprint” inferiore al proprio benchmark di riferimento4 attraverso lo studio dell’impatto in termini di emissioni di gas serra dei singoli emittenti e dei settori nei quali operano. Il comparto investe principalmente in obbligazioni corporate investment grade, utilizzando la stessa filosofia di investimento e i processi degli altri prodotti obbligazionari di HSBC Global Asset Management, con il supporto della piattaforma di ricerca del credito formata da oltre 40 analisti. Roberto Citarella ha aggiunto: “Secondo HSBC Global Asset Management, una gestione ponderata dei rischi e delle opportunità ambientali e sociali contribuisce al successo del business di lungo periodo. Incoraggiamo le aziende ad operare secondo “best practice”, intavolando con loro un dialogo costruttivo sulla gestione degli impatti ambientali e sociali, sulla promozione dei fattori ESG nel panorama degli investimenti e sulla collaborazione con altri investitori per affrontare le questioni sistemiche aziendali e normative”. HSBC vanta un’esperienza ventennale in questo segmento e il lancio dei due Comparti “Lower Carbon” sul mercato italiano segue quello di 3 fondi di diritto francese, (HSBC Sustainable Euro Bond, HSBC Sustainable Euroland Equity e HSBC Sustainable Global Equity) che in Italia sono registrati ad uso esclusivo di investitori qualificati.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

HSBC Global AM annuncia nuovi ingressi nel team Alternatives

Joseph Little (Hsbc Global Asset Management): spazio ai portafogli diversificati

A Piazza Affari i primi 5 etf di Hsbc Global Asset Management

NEWSLETTER
Iscriviti
X