L’unico frutto della polizza…è la banana (gonfiabile)

A
A
A

Racchettoni, frutti di plastica e pedalò: ecco come difendersi dalle minacce estive

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti26 giugno 2018 | 13:00

L’estate porta con sé una moltitudine di tematiche e spunti, dagli amori inaspettati, passando dalle interminabili sessioni di gioca jouer, fino all’immancabile onanismo sui social con le proprie foto delle vacanze. Da un po’ di tempo però, una nuovo grande tema può entrare di diritto tra gli ever green della stagione: la copertura assicurativa.

Costano dai 15 ai 280 euro e tutelano dai rischi connessi agli sport, estremi o no, fatti in vacanza. Sono le assicurazioni che non ti aspetti, ma che stanno sempre più emergendo nel panorama delle coperture ad hoc.

Oggi ci sono compagnie assicurative che vendono polizze anche per gli infortuni occorsi su uno dei più classici mezzi di “locomozione” estivi.

Quella contro i danni da pedalò è una delle casistiche che rientra nella più generale polizza legata alla pratica di attività sportive, anche estreme, durante le vacanze, ma come vedremo i casi sono tantissimi, alcuni oggettivamente difficili da immaginare.

«Le formule base giornaliere», spiega Lodovico Agnoli, responsabile new business di Facile.it «partono da cifre comprese fra poco meno di 15 o 30 euro al giorno a seconda che il viaggio sia in Italia o in altri Stati; le formule annuali hanno basi di partenza fra i 170 e i 280 euro, maggiore è il rischio, più alto è il premio».

Banana gonfiabile e racchettoni

Il concetto di sport estremo alle volte è decisamente relativo, ma quello di infortunio no. Ecco quindi che fra i prodotti offerti dalle assicurazioni c’è la polizza che tutela dai danni procurati a se stessi o ad altri durante i giochi in spiaggia –  racchettoni e tamburelli inclusi – o con mezzi di divertimento come la banana gonfiabile e la canoa. Per proteggersi, in questi casi, bastano appena 15 euro al giorno, 18 se vogliamo prevedere anche il rischio di avere necessità di cure riabilitative ex post.

Sport acquatici

Tra gli sport coperti dalle assicurazioni di cui stiamo parlando non potevano certo mancare quelli acquatici: nuoto, vela, surf, kitesurf o sci nautico, ma anche attività come il flyboard, il waterball, la pesca subacquea non professionale, le immersioni e lo snorkeling. La polizza copre eventuali infortuni subiti e, in caso di rottura della propria attrezzatura, rimborsa i costi sostenuti per noleggiare una strumentazione sostitutiva. Se è la compagnia aerea con cui viaggiate a smarrire l’attrezzatura sportiva (che sia acquatica o no), l’assicurazione rimborserà sia il valore degli oggetti persi, sia i costi per affittarne di nuovi.

Sport invernali…anche d’estate

Chi l’ha detto che si può sciare solo d’inverno? Se volete approfittare dell’estate per affrontare qualche pista innevata, la polizza interverrà nel caso in cui l’impianto, causa troppa, o troppo poca neve, fosse chiuso; non potrà far nulla contro le condizioni metereologiche avverse, ma almeno rimborserà i costi legati al mancato utilizzo delle strutture e le eventuali spese del vostro trasferimento verso un luogo alternativo. Molte le attività sportive coperte in caso di infortunio; sci, sci di fondo, snowboard, slitta con cani, racchette da neve, arrampicata e pattinaggio su ghiaccio, moto da neve, ma la lista è davvero lunga.

Sport aerei

Anche gli amanti degli sport aerei possono tutelarsi; tra le attività assicurabili ci sono, ad esempio, il parapendio, l’ultraleggero, lo skysurf, il deltaplano, il base jumping, il wingsuit, il volo a vela e molti altri.

«Attenzione al prezzo però», continua Agnoli «inserire la copertura degli sport aerei su una polizza annuale Italia, ad esempio, spesso fa più che raddoppiare l’importo del premio».

Per chi pratica gli sport estremi, c’è l’elisoccorso

Sembrava impensabile sino a qualche tempo fa, ma oggi anche chi vuole organizzare una vacanza all’insegna di uno sport estremo, può farlo in sicurezza… assicurativa. Numerose le discipline coperte: arrampicata, paracadutismo, bungee jumping, rafting, idrospeed, canyoning, sandboarding, snowkiting, solo per citarne alcune. In questo caso la polizza, oltre a coprire gli infortuni, rimborsa anche eventuali costi sostenuti per la ricerca dell’assicurato se disperso e, per fortuna, anche quelli relativi al suo salvataggio. Se necessario, in caso di incidenti in pista, l’assicurazione copre anche i costi d’intervento di mezzi speciali come slitte o elisoccorso. Attenti però, alcuni sport potrebbero richiedere un’estensione di garanzia.

Per chi pratica gli sport tradizionali…ci sono le stampelle

Non c’è bisogno di fare acrobazie per rischiare di farsi male e anzi, spesso, sono proprio gli sport più “tradizionali” ad essere fonte di infortuni. Ragione per cui le compagnie assicurative coprono anche chi vuole dedicare l’estate ad un’attività fisica meno estrema; che si tratti di golf, ciclismo, tennis o corsa, pensa a tutto l’assicurazione, anche ai costi per eventuali stampelle. Se invece siete tra quelli che preferiscono rilassarsi in riva a un fiume e dedicarsi alla pesca in superficie, niente paura; la polizza copre anche nel caso in cui vi infilzaste l’amo nel dito.

Non solo RC

Oltre alla responsabilità civile, queste polizze coprono le spese sostenute dell’assicurato per le prestazioni sanitarie urgenti necessarie a seguito dell’infortunio. Rientrano tra le spese rimborsate, ad esempio, gli interventi medici, il ricovero e i farmaci che, se non disponibili in loco, verranno recuperati e spediti dall’assicurazione. E ancora, i costi per il trasferimento dell’assicurato in strutture ospedaliere idonee, il rimpatrio anticipato dell’assicurato e di un accompagnatore. Se invece l’infortunio richiede un prolungamento del soggiorno, la compagnia coprirà i costi per il pernottamento extra.

Come sempre, per evitare brutte sorprese, è importante fare attenzione a franchigie, limitazioni ed esclusioni; queste polizze, ad esempio, non coprono se l’infortunio è occorso durante un’attività agonistica, competizioni ufficiali, private e allenamenti.

E se pensate di fare il giro del mondo in mongolfiera, state tranquilli…anche quello è protetto.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Polizze, scoppia la pet mania

Consulenza e polizze, attenzione ai costi

Risparmio, un quinto della ricchezza è delle assicurazioni

Polizze false, sventata maxi truffa sul web

Generali, l’utile decolla

Helvetia: nel 2018 cresce in barba alla tempesta

Ecco le polizze dal rendimento super

Generali Italia: più rete, più produttiva

Assicurazioni: lo scudo antispread va cambiato

Assicurazioni, le italiane promosse agli stress test

Generali: borsa in stand by, ma analisti fiduciosi sul piano

Caltagirone e Del Vecchio, altri piccoli bocconi di Generali

Manovra, la pressione fiscale non scende

Polizze, ora gli aumenti possono arrivare al 40%

Manovra, stangata su banche e assicurazioni

Generali lungo il canale

Prodotti assicurativi, la distribuzione ai raggi X

Compagnie assicurative nel mirino del private equity

Generali cambia vestito al gestito

Unit e index sono polizze. Così parlarono Ania e Aiba

Unipol, semestre solido

Un viaggio sicuro con Allianz GA

Digitali e assicurati

Axa Italia, assistenza ad alta tecnologia

Polizze Vita, così cambieranno le regole

Polizze vita, bomba della Cassazione

Zurich si mette in Moto

Zurich sempre più smart

La blockchain nel futuro delle assicurazioni

Tutelarsi dopo il mutuo, ecco la polizza

Ubi Banca, un occhio al private, l’altro al retail

Una polizza col sorriso per Deutsche Bank

Generali, utile sopra i 2 miliardi

Ti può anche interessare

Capital Group, nuova nomina nella distribuzione

Capital Group, società d’investimento con masse in gestione per oltre 1.900 miliardi di dolla ...

Guadagnare puntando sulle infrastrutture

Un fondo azionario che investe nel settore delle infrastrutture. E’ una dei prodotti che da qualch ...

Fondi, top e flop del 23/01/19

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...