Migrazioni di masse nel risparmio gestito

A
A
A

Tra i gruppi che hanno registrato i maggiori deflussi troviamo Credem, con -3.672 milioni di euro, Generali con -1.380,6 milioni di euro e Schroders con -701,2 milioni di euro.

Chiara Merico di Chiara Merico27 giugno 2018 | 11:49

Il mese di maggio è stato segnato da deflussi shock per l’industria del risparmio gestito, pari a 6,9 miliardi di euro. La raccolta, spiega Assogestioni, registra riscatti sulle gestioni collettive (-2,6 miliardo) e sulle gestioni di portafoglio (-4,3 miliardi). Sui mandati, in particolare, incidono negativamente operazioni infragruppo.

 

Andando nel dettaglio delle singole società, la maglia nera spetta a Credem, con -3.672 milioni di euro. Tuttavia, fa sapere una nota, “si tratta di un’operazione infragruppo. Dal 30/4/2018 il gruppo Credem ha trasferito il mandato di gestione delle gestioni separate vita da Euromobiliare Am Sgr a Credemvita (società di assicurazioni facente parte sempre del gruppo Credem) che per la sua natura societaria non è inclusa nelle statistiche Assogestioni. Lo spostamento per 3.670 milioni, che non rappresenta alcun disinvestimento da parte della clientela, si svolge pertanto all’interno del gruppo, nel quale rimangono totalmente le masse”. Segue il gruppo Generali con -1.380,6 milioni di euro: anche questo risultato, informa una nota del Leone, è dovuto principalmente a operazioni infragruppo. Al terzo posto troviamo Schroders con -701,2 milioni di euro, seguita da Anima Holding con -670,6 milioni di euro e dal gruppo Banco Bpm con -385,8 milioni di euro. In negativo anche il gruppo Deutsche Bank, al sesto posto nella classifica dei maggiori deflussi con -383,1 milioni di euro, seguito da Amundi (-310,2). Chiudono la graduatoria Lyxor con -292,4 milioni di euro, Franklin Templeton Investments con -236,5 milioni e il gruppo Intesa Sanpaolo con -206,2 milioni (-276,2 milioni da Eurizon Capital, mentre Fideuram ha registrato una raccolta positiva per 70 milioni).

 

Tra le poche note positive registriamo la performance di Morgan Stanley (+514,9 milioni di euro), seguita dal gruppo Ubi Banca (+372 milioni) e da Axa Im (338,2). Raccolta col segno più anche per Ubs Asset Management (267,4 milioni), M&G Investments (205,9), JPMorgan Asset Management (151,5), gruppo Mediolanum (129,3), Poste Italiane (99,6), gruppo Bnp Paribas (53,4) e gruppo Azimut (31,3).

 

Prendendo in esame il patrimonio gestito, il gruppo Generali resta saldamente in testa alla classifica con con 473,696 miliardi di euro. Sul podio in seconda posizione troviamo il gruppo Intesa Sanpaolo con 396,701 miliardi di euro (307,7 Eurizon Capital e 89 Fideuram), e al terzo posto Amundi con 205 miliardi di euro. Seguono Anima Holding (93 miliardi), Poste Italiane (80 miliardi), BlackRock Investment Management (73,6 miliardi), gruppo Ubi Banca (60 miliardi), gruppo Mediolanum (48,6 miliardi), gruppo Allianz (48 miliardi) e gruppo Azimut (42,2).

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Risparmio gestito: Poste Italiane regina di marzo

Dati Assogestioni: raccolta giù, patrimonio su

Salone del Risparmio 2019, tutti i numeri

Salone del Risparmio, domani apre il n. 10

Assogestioni: bis di Corcos. Nome nuovo tra i vicepresidenti

Fondi, il 2019 inizia con una ripresina

Salone del Risparmio 2019, ecco i temi chiave di Assogestioni

Risparmio gestito, un trimestre a secco

Mifid 2, il punto di Assogestioni su conoscenza e competenza

Consulenti, rinvio in vista per i rendiconti Mifid 2

Assogestioni delinea il futuro del gestito

Assogestioni: inciampo finale della raccolta, ma il 2018 tiene

Assogestioni: un aiuto interpretativo sui nuovi Pir

Corcos (Assogestioni): mano tesa al governo sul nodo Pir

Assogestioni, pioggia di deflussi a novembre

L’exploit di Poste in un ottobre grigio

Risparmio gestito, ottobre in flessione

Risparmio gestito in trincea, la raccolta tiene

Fondi: Amundi corre, Generali frena

Frenata d’autunno per il risparmio gestito

Intesa risplende sotto il Sole del gestito

Luglio sorride ad Amundi, meno a Generali

Risparmio gestito, continua il segno meno

Risparmio gestito, tre mesi in apnea

Assogestioni è l’ago della bilancia di Carige

Risparmio gestito, l’exploit di Poste

Giugno fiacco per il risparmio gestito

Salone del Risparmio, tutto sulla decima edizione

Assogestioni, profondo rosso a maggio

Risparmio gestito, Eurizon medaglia d’oro

Assogestioni, ad aprile raccolta in lieve frenata

Fondi, i Pir a tutta birra

Exploit di M&G, ancora giù Generali

Ti può anche interessare

Anima: utile e ricavi giù, masse su

Nel primo trimestre del 2019 il momento incerto sui mercati pesa su utile e ricavi. Raccolta ancora ...

Dollaro, c’è da scommetterci

I primi dieci fondi monetari in valuta extra euro sono in dollari ...

Hedge Invest: gli investitori tornano a pensare alternativo

Crescono del 26% le masse investite da inizio anno sugli Ucits alternativi single manager di Hedge I ...