Trimestre a tutta raccolta per T. Rowe Price

A
A
A

AuM in crescita di quasi 30 miliardi di dollari in tre mesi

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti26 luglio 2018 | 10:58

Un secondo trimestre vissuto all’insegna della crescita. E’ quello di T. Rowe Price, una delle principali società di asset management al mondo, che ha archiviato questo con un patrimonio in gestione pari a $1.044 miliardi (al 30 giugno 2018), registrando una crescita di $29,9 miliardi rispetto al 31 marzo 2018. Nel secondo trimestre dell’anno, la società ha riportato ricavi netti pari a $1,3 miliardi e un utile netto pari a $448,9 milioni, con un utile per azione diluito pari a $1,77. Quanto alle performance di investimento, per i 3 anni terminati al 30 giugno 2018, l’80% dei fondi di T. Rowe Price ha sovraperformato le medie comparabili di Morningstar in termini di ritorno assoluto; percentuale che sale all’84% a 10 anni.

Quotata dal 1986 sul listino Nasdaq di New York e parte dell’indice S&P 500, T. Rowe Price sembra mostrare anche una forte stabilità finanziaria, confermata da un bilancio che mostra $3,2 miliardi in cash e investimenti e nessun debito di lungo termine.

William J. Stromberg (nella foto), Presidente e CEO del Gruppo, ha commentato: “In un secondo trimestre in cui i rendimenti attraenti dell’azionario statunitense hanno rappresentato un’eccezione rispetto alla volatilità sui mercati globali, T. Rowe Price ha continuato a performare bene. Il nostro patrimonio in gestione è cresciuto quasi del 3% e siamo soddisfatti di assistere al continuo rafforzamento e alla continua diversificazione degli afflussi netti per asset class, segmenti di clientela e aree geografiche. I nostri risultati negli Stati Uniti sono stati solidi e i flussi provenienti dalle aree EMEA e APAC hanno proseguito su una traiettoria positiva”.

“Il positivo interesse da parte della clientela al quale stiamo assistendo riflette la nostra solida performance di lungo termine e il servizio ai clienti, come anche il nostro successo con prodotti e canali più nuovi. Siamo lieti di questi nostri progressi nell’eseguire il nostro piano strategico sul fronte delle expertise di investimento, dei prodotti, della distribuzione, della tecnologia e dell’efficienza operativa”.
“Siamo molto orgogliosi dei nostri talenti per il duro impegno mostrato nell’implementare la nostra agenda. Dato che re-investiamo nel business per ottenere una crescita sostenibile e diversificare, siamo fiduciosi nella nostra capacità di rispondere ai bisogni dei nostri clienti e generare valore durevole per i nostri azionisti”, ha concluso Stromberg.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, ecco i gestori d’oro del 2019

Gestori in vetrina – Lyxor Etf

Gestori in vetrina – iShares

Fondi, guadagni a doppia cifra

Gestori in vetrina – Merian GI

Fondi, arriva il gigante europeo

Fondi, non ci sono più i gestori di una volta

Gestori in vetrina – Allianz GI

Consulenti e fondi, ecco i top (e i flop) da inizio anno

Gestori in vetrina – JP Morgan AM

Gestori in vetrina – Fidelity International

I 5 fondi che hanno ucciso la crisi

Mini fondi pensione: pochi soldi per un doppio vantaggio fiscale

Fondi di investimento, MFS: nuovo fondo che punta al credito europeo

Natixis IM scommette su robotica e intelligenza artificiale

Fca: mazzata a Goldman Sachs International

Unicredit corteggia i fondi

Assogestioni: a febbraio trionfa Poste. Patrimonio record, ma la raccolta delude

BlackRock, grandi novità in Italia

Fondi europei: febbraio da brividi, ma si salvano i bond

BNP Paribas AM: strategia globale per la sostenibilità

Merian Global Investors, nuovo nome per la distribuzione EMEA

Farad a tutta sostenibilità

Il risparmio violato

Consulenti, occhio ai fondi illiquidi: rischio tsunami all’orizzonte

Fondi, Ubp: nuova strategia long/short sul credito

Fondi, crolla il patrimonio degli absolute return

Merian, quando investire è una cosa preziosa

Etf, BlackRock: sei nuovi fondi sostenibili

Fondi, licenziamenti nelle case di gestione

JP Morgan AM: otto tappe sotto il tetto tricolore

Neuberger Berman, il “big short” Eisman alla guida di un nuovo fondo

State Street, si rinnova la struttura operativa

Ti può anche interessare

Carmignac, il nuovo responsabile è Zoccoletti

Cambio ai vertici per Carmignac in Italia. La società ha annunciato la nomina di Fabio Zoccoletti ...

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Allianz Global Investors

Intervista a Isabel Reuss, Head of SRI Research di Allianz Global Investors. ...

Fondi, top e flop del 11/10/18

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...