Utile in bella vista per Schroders

A
A
A

Buona crescita nel semestre per gli utili ante imposte e voci straordinarie della societàè

di Redazione26 luglio 2018 | 11:31

Il primo semestre del 2018 di Schroders si chiude riportando una crescita del 10% degli utili ante imposte e voci straordinarie, risultati pari a 397,1 milioni di sterline, rispetto ai 361,5 milioni di sterline del primo semestre 2017. In crescita anche il patrimonio gestito e amministrato, attestatosi nel periodo a 449,4 miliardi di sterline, rispetto ai 447 miliardi al 31 dicembre 2017. Per quanto riguarda le performance, al 30 giugno 2018 il 71% degli asset in gestione ha sovraperformato su un orizzonte temporale di tre anni, percentuale che sale al 77% sui cinque anni. Infine, il dividendo ad interim è cresciuto del 3% a 35 centesimi di sterlina per azione, rispetto ai 34 centesimi per azione del 2017.

Peter Harrison, Group Chief Executive, Schroders, ha commentato: “Abbiamo conseguito buoni risultati nella prima metà del 2018, con utili ante imposte e voci straordinarie in aumento del 10%, risultanti pari a 397,1 milioni di sterline. In un contesto complesso abbiamo registrato un aumento dei ricavi grazie alla nostra scelta strategica di focalizzarci su nuovi mercati e di continuare a evolvere i nostri prodotti e le nostre soluzioni di investimento.

Il nostro modello di business diversificato si è dimostrato essere ancora una volta valido. Il Wealth Management ha registrato una forte domanda da parte dei clienti e abbiamo continuato a espandere le nostre capabilities nei Private Assets e nelle strategie alternative, compensando così i venti contrari che hanno interessato altre aree del settore. Continuiamo a ritenere di poter generare crescita nel ciclo di mercato e di essere ben posizionati per creare valore per i nostri clienti e azionisti nel lungo termine”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, top e flop del 10/12/18

Fondi, top e flop del 6/12/18

La sostenibilità invade il Salone del Risparmio

Fondi, top e flop del 28/11/18

Un ex Ubs per Mirabaud

Schroders, due webinar per parlare ai consulenti

Fondi, top e flop del 14/11/18

Fondi, top e flop del 09/11/18

Raiffeisen da premio nella sostenibilità

Fondi, top e flop del 07/11/18

Fondi, il best of di Vontobel

Fondi comuni, negli Stati Uniti costano meno

Fondi comuni, le commissioni sono tutte da rifare

Fondi, top e flop del 23/10/18

Fondi, top e flop del 17/10/18

Fondi, top e flop del 15/10/18

Fondi, top e flop del 11/10/18

La grande debacle delle gestioni attive

Fondi, cosa cambia con il Kid

Fondi, top e flop del 26/09/18

Il risparmio gestito riprende fiato

Fondi, top e flop del 24/09/18

Fondi, top e flop del 18/09/18

Pictet, il fondo va in città

Lazard AM, cambia la direzione

Investimenti, è ora di puntare sull’Asia

Eurizon tiene duro e punta alla crescita

Asset allocation, le opportunità europee

Fidelity fa il pieno di sostenibilità

Fondi, boom di quelli esteri in Italia

Commodity globali, un fondo per Lazard

Asset allocation, lo stile di vita fa guadagnare

Fondi, dove costano meno in Europa

Ti può anche interessare

Il gestore che guarda al futuro

La nuova Sicav-Raif unisce all’esperienza dei gestori una componente innovativa, basata sul suppor ...

Anima, giù la raccolta a ottobre

Il totale da inizio anno è positivo per circa 0,8 miliardi di euro; il totale delle masse gestite a ...

Bper alla conquista di Arca

Secondo quanto riporta il quotidiano Mf, la Popolare dell’Emilia Romagna è pronta a rilevare la q ...