Il private equity mette la retro

A
A
A

Secondo l’indice Global Exchange Private Equity di State Street i ritorni rallentano per la prima volta in due anni

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti1 agosto 2018 | 15:04

L’Indice State Street Global Exchange Private Equity ha archiviato il primo trimestre del 2018 in leggera crescita del 2,44%. La categoria dei fondi Buyout ha terminato il rally positivo che continuava da otto trimestri consecutivi e ha registrato una crescita pari al 2,09%, un risultato inferiore rispetto ai rendimenti del 3,78% riportati dai fondi di Venture Capital e del 2,46% registrati dai fondi di Private Debt.

L’indice GXPEI si basa su dati provenienti da limited partnership e conprende più di 2.800 miliardi di dollari di investimenti in private equity, con oltre 2.800 partnership di private equity al 31 marzo 2018.

“Nel primo trimestre del 2018 si è registrato un incremento della volatilità in tutte le asset class, per via del contesto caratterizzato da continue incertezze geopolitiche, crescenti rischi di guerre commerciali e tassi di interesse in aumento”, ha affermato Will Kinlaw, senior managing director e global head di State Street Associates®, divisione di State Street Global Exchange. “Il tasso di contribuzione trimestrale dei gestori è sceso ai minimi degli ultimi due anni e anche le attività di exit sono diminuite, indicando una maggior propensione alla prudenza”.

Principali dati del primo trimetre:

  • È terminato il rally positivo dei fondi Buyout che continuava da otto trimestri consecutivi e che ha permesso a questi fondi di registrare i rendimenti più elevati tra le tre principali strategie di private equity (Buyout, Venture Capital e Private Debt).
  • In tutte le strategie è stato registrato un calo su base trimestrale nei livelli di rendimenti:
    • Venture Capital guida la classifica, con ritorni al 3,78%, in calo rispetto al 4,21% del quarto trimestre.
    • I fondi di Private Debt hanno raggiunto rendimenti pari al 2,46%, in flessione rispetto al 3,15% del trimestre precedente.
    • I fondi di Buyout hanno riportato il calo più pesante, attestandosi al 2,09% rispetto al 5,23% del quarto trimestre.
  • Nel primo trimestre del 2018 abbiamo assistito a un continuo deprezzamento del dollaro rispetto all’euro, pari al 2,42%.
    • I fondi di private equity focalizzati sull’Europa hanno riportato ritorni trimestrali denominati in dollari pari al 2,88% (con IRR – o Tasso Interno di Rendimento – denominato in euro pari allo 0,41%). I rendimenti dei fondi concentrati sul mercato statunitense si sono attestati al 2,44%, mentre quelli con focus sul resto del mondo hanno guadagnato l’1,92%.

Tra i settori presi in esame, il primo posto è occupato da fondi dedicati all’Information Technology, con un ritorno trimestrale del 5,20%, in lieve calo rispetto al 5,91% del quarto trimestre. Seguono i fondi con focus sul comparto finanziario – l’unico settore che ha registrato un incremento dei rendimenti rispetto al trimestre precedente – i cui rendimenti sono saliti al 4,93% dal 2,66% del quarto trimestre del 2017. I fondi concentrati sul comparto industriale, che hanno dominato i due trimestri precedenti, hanno registrato a un calo dei rendimenti all’1,56% dal 6,68% del quarto trimestre.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulente, un bravo surfista che lavora in team

Fineco regina degli scambi

Investimenti, momento magico per l’Aim

Mifid 2, Italia studente modello

Rendiconti Mifid 2: Banca Generali, il valore della sintesi

Anasf, il nuovo presidente alle Idi di Marzo

Gam e il caso ARBF: il 100,5% del portafoglio sarà restituito agli investitori

Bond, c’era una volta l’high yield

Consulenti, le istruzioni per conquistare i Millennials

Italia, i dazi Usa ci costano 4,3 miliardi

Consulenza d’estate, manuale di sopravvivenza

Ubi Banca, sprint nei pagamenti

Azimut a Palazzo Mezzanotte, pronta per la nuova sfida

Etf, a giugno dominano obbligazionari ed Esg

Requiem for a Pir

Consulente, per il cliente sei come Wikipedia

Assopopolari, nel segno della cooperazione bancaria

Fee only, più della forma conta la sostanza

Banca Generali, ora il consulente ha un’arma in più

Enasarco, Mei in pole position per Anasf

H2O, 3 miliardi in fuga

Ocf: la grande battaglia per la presidenza

Enasarco: lo sconsolato (e arrabbiato) esercito dei senza pensione

Mercati: btp e spread in salita

Mercati, cinque investimenti per blindare i risparmi

Nuovi Pir, Doris boccia il governo

Consulenti, maggio caldo per la vigilanza

Consulenza e tecnologia, un binomio ormai indissolubile

Edmond de Rothschild AM, incetta di nomine

Consulenti, Efpa meeting in rampa di lancio

Consulenti, maggio fa il pieno di fee only

Consulenti, la resa dei piccoli portafoglisti

UBP e Rothschild & Co, accordo nel private equity

Ti può anche interessare

Risparmio gestito, il revival della bancassicurazione

Secondo un report di Credit Suisse citato dal Sole24Ore, la vendita di polizze negli sportelli degli ...

Investimenti, la sostenibilità fa bene all’high yield

Dopo la ricerca sulla relazione tra le performance azionarie e i criteri ESG presentata lo scorso an ...

Responsabilità sociale, Banor Capital ci mette la firma

Banor Capital ha annunciato di essere che tra i firmatari dei Principi per l’Investimento Responsa ...