Il private equity mette la retro

A
A
A

Secondo l’indice Global Exchange Private Equity di State Street i ritorni rallentano per la prima volta in due anni

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti1 agosto 2018 | 15:04

L’Indice State Street Global Exchange Private Equity ha archiviato il primo trimestre del 2018 in leggera crescita del 2,44%. La categoria dei fondi Buyout ha terminato il rally positivo che continuava da otto trimestri consecutivi e ha registrato una crescita pari al 2,09%, un risultato inferiore rispetto ai rendimenti del 3,78% riportati dai fondi di Venture Capital e del 2,46% registrati dai fondi di Private Debt.

L’indice GXPEI si basa su dati provenienti da limited partnership e conprende più di 2.800 miliardi di dollari di investimenti in private equity, con oltre 2.800 partnership di private equity al 31 marzo 2018.

“Nel primo trimestre del 2018 si è registrato un incremento della volatilità in tutte le asset class, per via del contesto caratterizzato da continue incertezze geopolitiche, crescenti rischi di guerre commerciali e tassi di interesse in aumento”, ha affermato Will Kinlaw, senior managing director e global head di State Street Associates®, divisione di State Street Global Exchange. “Il tasso di contribuzione trimestrale dei gestori è sceso ai minimi degli ultimi due anni e anche le attività di exit sono diminuite, indicando una maggior propensione alla prudenza”.

Principali dati del primo trimetre:

  • È terminato il rally positivo dei fondi Buyout che continuava da otto trimestri consecutivi e che ha permesso a questi fondi di registrare i rendimenti più elevati tra le tre principali strategie di private equity (Buyout, Venture Capital e Private Debt).
  • In tutte le strategie è stato registrato un calo su base trimestrale nei livelli di rendimenti:
    • Venture Capital guida la classifica, con ritorni al 3,78%, in calo rispetto al 4,21% del quarto trimestre.
    • I fondi di Private Debt hanno raggiunto rendimenti pari al 2,46%, in flessione rispetto al 3,15% del trimestre precedente.
    • I fondi di Buyout hanno riportato il calo più pesante, attestandosi al 2,09% rispetto al 5,23% del quarto trimestre.
  • Nel primo trimestre del 2018 abbiamo assistito a un continuo deprezzamento del dollaro rispetto all’euro, pari al 2,42%.
    • I fondi di private equity focalizzati sull’Europa hanno riportato ritorni trimestrali denominati in dollari pari al 2,88% (con IRR – o Tasso Interno di Rendimento – denominato in euro pari allo 0,41%). I rendimenti dei fondi concentrati sul mercato statunitense si sono attestati al 2,44%, mentre quelli con focus sul resto del mondo hanno guadagnato l’1,92%.

Tra i settori presi in esame, il primo posto è occupato da fondi dedicati all’Information Technology, con un ritorno trimestrale del 5,20%, in lieve calo rispetto al 5,91% del quarto trimestre. Seguono i fondi con focus sul comparto finanziario – l’unico settore che ha registrato un incremento dei rendimenti rispetto al trimestre precedente – i cui rendimenti sono saliti al 4,93% dal 2,66% del quarto trimestre del 2017. I fondi concentrati sul comparto industriale, che hanno dominato i due trimestri precedenti, hanno registrato a un calo dei rendimenti all’1,56% dal 6,68% del quarto trimestre.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Enasarco, la Fondazione precisa

Elezioni Anasf, due fronti e un outsider

Consulenti, la gioventù che non avanza

Consulenti, 6 scelte per un business lunch perfetto

Mediolanum, il trimestre regala masse record e dividendo

Asset allocation: qualche spunto per chiudere l’anno

Enasarco-Costa, poche chance per un bis

Azimut, un utile straripante

Consulenti e bancari: fate attenzione a cambiare società

Azimut, i nuovi piani dopo Ali Expo

Deutsche Bank, trimestre ancora in rosso

Consulenza indipendente, i cinque sigilli di Moneyfarm

Bce, il commiato di Draghi

Mercati, l’importanza dello stimolo fiscale

Verso la consulenza “sociale”, parla Molesini (Assoreti)

Amiral Gestion, uno sguardo sui mercati alla fine dell’anno

Investimenti: high yield, quando il rischio premia

Fideuram Ispb, svolta con Apple nei pagamenti

Banca Mediolanum, scatto della raccolta ad agosto

Investimenti, il termometro obbligazionario

Mercati, occhio al nuovo possibile rally

Investimenti, argento vivo

Consulenti, ecco tutte le app che vi possono aiutare

I mercati tifano per un nuovo governo

Consulenti, così si diventa fedeli alla mandante

Investimenti, i mercati emergenti potrebbero stabilizzarsi

Consulenti, in ufficio c’è il caroaffitto

Consulenti, tutta la fatica di essere un manager

Rendiconti Mifid 2: scelta strutturata per Allianz Bank FA

Fee only, luglio sfiora quota 250

Ubi, sale la raccolta diretta bancaria

Consulenti, autunno con gli Anasf day

Pil, l’Italia è ferma al palo

Ti può anche interessare

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Credit Suisse AM

Intervista a Frank Di Crocco, Head fo Retail Distribution di Credit Suisse AM. ...

Bmo vede rosa nel mercato azionario globale

A cura di Nick Henderson, responsabile del Bmo Global Equity Team di Bmo Global Asset Management La ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 20/09/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento com ...