Lombard Odier, una nomina per la svolta digitale

A
A
A

Lombard Odier Investment Managers nomina il primo gestore di portafoglio azionario per favorire l’innovazione digitale

di Redazione6 agosto 2018 | 16:00

Come espresso all’interno di un comunicato, Lombard Odier Investment Managers («Lombard Odier IM») ha nominato François Meunier Gestore di portafoglio azionario, che svolgerà la propria attività a Londra.

In questo ruolo, che rappresenta una novità assoluta, François lavorerà alla ricerca di opportunità di investimento globali che siano innovative per i vari settori, a monte e a valle della catena del valore. François riporterà direttamente a Didier Rabattu, Head of Equities.

François arriva da Morgan Stanley, dove ha ricoperto l’incarico di Head of Technology Equity Research sin dal 2010. Con questo ruolo è stato consulente strategico dell’ufficio del primo ministro britannico a Downing Street e del ministero dell’Economia francese e ha seguito il lancio di una gamma di fondi dedicati alla digitalizzazione e all’automazione, all’Internet delle cose, all’intelligenza artificiale e al calcolo quantico. Prima di Morgan Stanley, François è stato per sei anni Head of Technology Equity Research presso JPMorgan Cazenove.

Didier Rabattu ha commentato: «Siamo contenti di accogliere François nel nostro team. Noi di Lombard Odier crediamo che sia in corso una rivoluzione della sostenibilità, sostenuta dai valori dell’innovazione e della disruption digitale. François ha un ampio bagaglio di esperienza in questi ambiti che ci aiuterà a identificare le aziende in grado di garantire ai nostri clienti un rendimento economico extra che sia sostenibile nel lungo periodo».

François Meunier ha dichiarato: «Le tecnologie innovative e di rottura svolgeranno un ruolo fondamentale nell’accelerare la tendenza in corso verso la sostenibilità. Questo crea significative opportunità di investimento per coloro che sono disposti ad adattarsi panorama economico e sociale in costante cambiamento. Sono entusiasta di entrare a far parte di un’azienda che ha dimostrato di essere all’avanguardia su questa mentalità e determinata a garantire un vantaggio concreto agli investitori».


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Etica, un comparto per ripensare il clima

L’armata dei fondi anti spread

Fondi, top e flop del 03/10/18

Fondi, se il gestore non serve a nulla

Fondi, top e flop del 28/09/18

BlackRock, il fondo a misura di prudenza

Fondi, top e flop del 25/09/18

Fondi, top e flop del 21/09/18

Fondi, top e flop del 19/09/18

Haxe guida per l’Europa di Investec AM

Doppietta di nomine per Jupiter AM

Una semestrale Mirabaudlante

Neuberger Bergman, arriva il fondo Clo Income

Pictet: biotecnologie, che forza!

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Enasarco, arriva l’interrogazione parlamentare

Trimestre a tutta raccolta per T. Rowe Price

Candriam, sostenibili per vocazione

Dws, cambia la guida nel Sud Europa

Vontobel AM rafforza la squadra obbligazionaria

Fondi, fuga dagli emergenti

Capitali, come portarli all’estero (legalmente)

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Fondi passivi sostenibili, la strada è ancora lunga

Rompere gli schemi dell’asset allocation

Fondi, se resta solo la commissione di performance (o quasi)

Strategie multi asset per mantenere la rotta

Syz AM, un miliardo di motivi per sorridere

Fondi, la commissione di gestione è sotto pressione

Fidelity, you pay…less

Multi asset, una passione in evoluzione

SdR18/Bottillo (Natixis IM): “Attivi, what else?”

Ti può anche interessare

Allianz GI promuove Vigliotti

Da dicembre assume il ruolo di di head of Institutional Business Development per l’Italia ...

Carmignac: la festa sui mercati sta per finire?

Nel 2018 si conferma il contesto di crescita in quasi tutte le aree del mondo. Ma dal Quarterly meet ...

Deficit italiano, il gestore analizza gli scenari

Il tema della sostenibilità del bilancio pubblico italiano è sempre sulla cresta dell’onda. ...