Asset allocation, tentazione emergente

A
A
A

La crescita degli strumenti indicizzati sul debito degli emergenti

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti9 agosto 2018 | 14:00

C’è un nuovo trend che si sta mettendo in mostra quando si parla di asset allocation: la crescita degli strumenti indicizzati sul debito degli emergenti
Facciamo il punto grazie all’analisi a cura di Francesco Lomartire, responsabile di SPDR Etfs per l’Italia.

L’universo del debito dei mercati emergenti è cresciuto significativamente negli ultimi decenni, con l’espansione dei mercati delle valute locali come catalizzatore primario di questo sviluppo.
In particolare, il debito degli emergenti è cresciuto sia in termini di dimensioni sia nella tipologia di titoli, ora molto più diversificati*. In passato, l’adozione di un approccio di gestione attiva era considerata la modalità ottimale per investire in debito emergente. Tuttavia, questa percezione è continuamente messa alla prova dalla sempre maggiore diffusione delle strategie indicizzate.

L’evoluzione dell’universo obbligazionario dei mercati emergenti ha creato opportunità che un numero crescente di investitori comincia ad apprezzare e a cogliere. 

Mentre i gestori attivi hanno fatto fatica a offrire extra rendimenti con una certa regolarità, le strategie indicizzate si sono evolute, sviluppando tecniche sofisticate e capaci di produrre ritorni rispetto al benckmark in modo conveniente.2

Abbiamo svolto un’ampia ricerca sui gestori attivi presenti nel database Morningstar che replicano il JPM GBI-EM Global Diversified Index (GBI-EM). Mentre alcuni di questi gestori hanno sovraperformato rispetto ai propri benchmark, la maggioranza ha fallito nel raggiungimento di questo risultato nel lungo-termine (figura 1).

Nel 2017, il 41% dei fondi a livello globale è riuscito a sovraperformare rispetto al GBI-EM, ma si è trattato di un anno eccezionalmente forte per l’asset class in generale. Negli altri anni analizzati, la percentuale di gestori attivi che è riuscita a sovraperformare è stata inferiore al 30%. Questo prova che la sottoperformance non è il risultato di un singolo anno negativo, ma potrebbe rappresentare un trend consistente e persistente.

I mercati emergenti sono spesso guidati dagli eventi e dal sentiment, elementi che rendono difficile prevedere i sell-off. Un alto grado di incertezza, combinato con risultati binari, significa che i gestori attivi devono rischiare nel prendere una posizione under o overweight, e questa scelta potrebbe non produrre ritorni. Anche la neutralità nei confronti degli indici è un’opzione possibile, ma i gestori attivi non sono pagati per essere neutrali. D’altro canto, la storia dimostra che la diversificazione aiuta a mitigare gli eventi relativi al credito e un premio al rischio sul credito può essere raccolto attraverso un’esposizione complessiva diversificata per compensare questi eventi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Emergenti sotto pressione, la Cina crolla. Attesa per il post elezioni in Brasile

Mercati, la Turchia non è il vero spauracchio

Asset allocation, la gestione attiva in tempi di volatilità emergente

Ti può anche interessare

Carmignac: la festa sui mercati sta per finire?

Nel 2018 si conferma il contesto di crescita in quasi tutte le aree del mondo. Ma dal Quarterly meet ...

DNCA si rafforza con Arav

Arav va a rafforzare il team di Isaac Chebar, composto da Don Fitzgerald e Maxime Genevois, respons ...

Moran (M&G): “L’azionario è sottovalutato”

Nello scenario finanziario attuale c'è sopravvalutazione nel comparto delle obbligazioni governativ ...