Investimenti, una UE dai due volti

A
A
A

Delude la produzione industriale, ma da domanda interna sostegno alla crescita

di Redazione17 agosto 2018 | 10:10

Vi proponiamo in calce una interessante analisi sulla situazione economica Ue, utile in chiave di investimento. A proporla è Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud AM.

Mentre la crescita del secondo trimestre suggerisce un certo miglioramento dell’attività economica complessiva dell’Eurozona – dopo un primo trimestre poco brillante – gli ultimi dati sulla produzione industriale sono deludenti. Per quanto riguarda l’andamento del PIL nell’ultimo trimestre, un elemento positivo è che la crescita in Germania e nei Paesi Bassi è migliorata in giugno. Meno positiva è stata invece la performance della Francia.

Per quanto riguarda la produzione industriale, la flessione di giugno è chiaramente poco incoraggiante e gli indicatori prospettici non segnalano miglioramenti significativi. Ad esempio, le previsioni degli ordini industriali dalla Germania segnano un calo significativo (-4% di m/m), con una notevole debolezza derivante dagli ordini esteri, in particolare al di fuori dell’area euro e in settori sensibili come quello automobilistico e dei mezzi di trasporto.

Anche se questo potrebbe essere un segno che i conflitti commerciali cominciano ad avere un impatto, vorremmo mettere in guardia contro un’interpretazione troppo allarmistica di questo dato. Altre indagini indicano una stabilizzazione della crescita, che è il nostro scenario di base, e la domanda interna dovrebbe sostenere la crescita nella seconda metà dell’anno.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, top e flop del 23/01/19

Consulenza, l’alba dell’era dell’open banking

Etf, Ubs AM amplia la gamma sostenibile

Albo, 110 (indipendenti) e lode

Investimenti: il biotech vale una scommessa

Jupiter AM, un ex Janus Henderson al comando

Investimenti: trimestrali USA in chiaro scuro

Assogestioni: un aiuto interpretativo sui nuovi Pir

Doppietta di gestori per Robeco

Fondi, top e flop del 21/1/2019

Investimenti: il 2019 inizia col sorriso

Bluerating News del 16/1/18: ecco tutti i protagonisti

Mediolanum: l’impasse sui Pir potrebbe costare caro

Scene da una Brexit

Pictet: due alternative per guadagnare a inizio 2019

5 proposte per salvare il risparmio gestito

Azimut scarica In Alternative

Consulenti, che peso le fee di performance

Fondi, top e flop del 10/01/19

Derivati, parte l’offensiva della vigilanza dopo Mifid 2

Azimut, il 2018 si chiude col sorriso

Firme contraffatte e altre violazioni, radiato consulente

Investimenti: valute in prima linea

Investimenti, il Dragone ci vede lungo

Così le sgr affiancano le reti

Asset allocation: puntare sulla crescita di qualità

Il Cenone a misura di consulente

Consulenza in borsa: Fineco ok, Azimut ko

Consulenti: 3 date chiave per il vostro 2019

BlackRock: tanti profitti, ma quanti riscatti

I supereroi della consulenza si raccontano a Bluerating

Wall Street, i robot pesano sempre di più

Dai Pir una spinta Ipo

Ti può anche interessare

Anima, un semestre a due facce

Utile e ricavi in crescita, raccolta in calo. Ma i flussi negativi sono stati influenzati dai disinv ...

Etica Sgr, al via la partnership con Banca popolare di Fondi

La collaborazione prevede che l’istituto pontino distribuisca attraverso le sue filiali i prodott ...

Dai Pir una spinta Ipo

Le novità per questo strumento ...