I fondi battono la ritirata

A
A
A
di Matteo Chiamenti 20 Agosto 2018 | 10:18
Gli investitori in Italia tirano il freno aspettando sviluppi politici ed economici

Affari&Finanza del 20 agosto titola con un eloquente “Mercati, la ritirata dei fondi dall’Italia”. All’interno dell’articolo, a firma Andrea Greco, si racconta che, dopo avere investito oltre 40 miliardi nei primi sei mesi dell’anno e conquistato 119 poltrone nei cda, i gestori “attivisti” starebbero tirando il freno a causa delle troppe incertezze legate al ciclo, alle mosse del governo e alla marcia indietro vista sui mercati.

“Molti fondi attivisti sono di fatto investitori long only: non è molto diffusa la pratica di coprire i rischi dell’investimento. Per questo risentono del ciclo e se il mercato gira in negativo e sale l’incertezza la loro attività può frenare” commenta un gestore anonimo nell’articolo.

A latere di queste osservazioni abbiamo i primi due trimestri del 2018 con attività da record per i fondi attivisti. Tra gennaio e giugno ci sono state 145 campagne contro 136 società: ben oltre le medie dell’anno precedente, chiuso con 193 assalti a 169 società. Le nuove iniziative si concentrano soprattutto nel comparto tecnologico, con un valore dei pacchetti azionari al momento dell’annuncio pari a 10,8 miliardi, contro 7,2 miliardi nell’industria, 5,5 miliardi nella finanza e 5,3 miliardi nella distribuzione.

In evidenza il fondo statunitense Elliott (nuovo proprietario del Milan n.d.r.) che ha avviato 17 campagne nel semestre investendo 5,3 miliardi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi attivi, che fatica battere il mercato

Solo il 27% dei gestori azionari attivi ha sovraperformato il benchmark nel 2018

Fondi, quanti battono il benchmark?

NEWSLETTER
Iscriviti
X