WisdomTree: i limitati investimenti su gas e petrolio potrebbero favorire la diminuzione dell’offerta

A
A
A

La minaccia di offerta insufficiente nel prossimo futuro è piuttosto remota. Tuttavia, col tempo, l’assenza di investimenti nell’esplorazione e produzione di gas e petrolio potrebbe provocare la diminuzione dell’offerta di queste due fonti di energia.

Chiara Merico di Chiara Merico24 agosto 2018 | 10:58

Mentre il greggio è negoziato a oltre 70 dollari al barile da aprile 2018, la produzione USA ha continuato ad espandersi e l’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC) ha ripristinato le curve produttive, nota Nitesh Shah, director of research di WisdomTree. A nostro avviso, dunque, la minaccia di offerta insufficiente nel prossimo futuro è piuttosto remota. Riteniamo tuttavia che, col tempo, l’assenza di investimenti nell’esplorazione e produzione di gas e petrolio potrebbe provocare la diminuzione dell’offerta di queste due fonti di energia.

Lenta ripresa degli investimenti

I prezzi del Brent sono crollati, passando da 110 dollari al barile nel 2014 a meno di 30 nel 2016 poiché l’OPEC ha avviato un programma di espansione dell’output. Tra il 2014 e il 2016 gli investimenti nei settori convenzionali di gas e petrolio sono scesi di oltre il 40%. Dopo avere attuato politiche che l’hanno danneggiata, l’OPEC ha cambiato ancora una volta strategia nel 2017, tagliando la produzione e ridistribuendo le quote previste per i singoli Paesi. Questa nuova strategia si è rivelata vincente poiché ha riportato il prezzo del petrolio ad oltre 80 dollari al barile nel giugno del 2018. Un’attenuazione delle curve dell’OPEC nel giugno di quest’anno ha comportato un lieve ribasso ma, da allora, i prezzi sono rimasti decisamente al disopra dei 70 dollari al barile. In concomitanza alla ripresa dei prezzi, sono aumentati anche gli investimenti nel settore dell’esplorazione di gas e petrolio. Nel 2017 gli investimenti sono saliti del 4% raggiungendo i 450milamld di dollari USA e, nel 2018, si prevede un aumento del 5%, a 472milamld. In ogni caso però l’industria non ha recuperato il terreno perso.

Focus sui cicli brevi

La maggior parte della crescita degli investimenti proviene dallo shale e dal tight oil, quasi per definizione incentrati su cicli più brevi (circa l’80% dell’output arriva nei primi due anni di produzione). Dopo essere rimaste scottate dalla forte volatilità dei prezzi tra il 2014 e il 2016, le compagnie petrolifere internazionali si sono dimostrate riluttanti a impegnarsi in progetti finanziari di più lungo percorso. La leggera crescita degli investimenti convenzionali onshore deriva principalmente dagli investimenti brownfield operati dalle compagnie petrolifere nazionali russe e medio-orientali. Sono invece in diminuzione gli investimenti convenzionali offshore, in genere prevalenti.

Anche se le previsioni indicano una crescita degli investimenti in Europa e in Medio Oriente, è probabile che il maggiore incremento degli investimenti provenga dagli Stati Uniti tramite i progetti sullo shale oil che mostrano aggressivi tassi di calo della produzione e, dunque, cicli brevi. In Medio Oriente c’è la tendenza a dare la priorità agli asset (brownfield) già produttivi.

Per ora è probabile permanga una situazione di equilibrio

L’Agenzia internazionale dell’energia (AIE) prevede che la domanda globale salga a 101,5mln di barili al giorno nel 4° trimestre del 2019: un aumento cioè pari a 2,7mln di barili al giorno rispetto alla stima di 98,8mn barili al giorno nel 2° trimestre del 2018. Lo shale USA probabilmente soddisferà la maggior parte della nuova domanda, mentre la capacità in eccesso di Arabia Saudita e Russia è in grado di soddisfare la maggior parte della domanda restante.

Tuttavia, oltre quest’orizzonte, se gli investimenti in progetti di lungo termine saranno stati scarsi, potrebbero iniziare a manifestarsi alcune difficoltà nel soddisfare la domanda di petrolio (nel caso in cui la domanda mantenesse forti tassi di crescita).

Difficilmente in Iran si verificherà un’espansione dell’offerta, poiché è probabile che le sanzioni da parte degli Stati Uniti portino a un completo stallo degli investimenti. In Venezuela, Paese che attraversa un’analoga turbolenza economica, è improbabile che l’offerta continui a calare. Nel mentre, è probabile che l’offerta dalla Libia resti volatile.

La scarsità delle scoperte vincolerà l’offerta futura

Il crollo degli investimenti negli ultimi anni si è avvertito soprattutto nel campo delle esplorazioni. Ciò ha comportato la scarsità di nuove scoperte. Dunque, nonostante siano in aumento i progetti approvati, il calo delle scoperte potrebbe provocare delle limitazioni sul fronte dell’offerta. Pur non destando preoccupazioni nell’immediato, è probabile che l’offerta diminuisca in futuro.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, arriva il portafoglio modello con gli Etf

WisdomTree, il 2020 ha l’oro in bocca

Etf, WisdomTree: un prodotto che è un Tesoro

WisdomTree: il 2019 avrà l’oro in bocca

Risparmio gestito, chi taglierà le commissioni (o sarà obbligato a farlo)

Etf, WisdomTree nomina Siano e Sidoti Co-Head of Southern Europe Distribution

WisdomTree amplia la gamma degli Etf con copertura valutaria

WisdomTree quota due Etf obbligazionari

Da WisdomTree un nuovo Etf Smart Beta sull’azionario Usa

WisdomTree, Gannatti a capo della ricerca in Europa

WisdomTree punta su AdvisorEngine

WisdomTree annuncia la distribuzione dei dividendi degli Etf Ucits

Etf Securities vende a WisdomTree il business europeo, Etf esclusi

WisdomTree: italiani innamorati dei Btp, ma come coprirsi dal rischio?

WisdomTree prende Marinof da State Street

WisdomTree: gas naturale, boom produttivo ma restano i limiti infrastrutturali

WisdomTree: il possibile impatto del meeting Opec sul prezzo del petrolio

Hamid (WisdomTree) “Perché le strategie ad alto dividendo sono interessanti”

Investire in titoli tech? Ecco a cosa bisogna guardare

WisdomTree quota un Etf sull’azionario indiano

Giro di poltrone dentro WisdomTree

Classifiche Bluerating: WisdomTree in testa tra i fondi azionari Germania

Petrolio: cinque cose da tenere a mente secondo WisdomTree

WisdomTree prende Cassam da Aberdeen

Etf, WisdomTree annuncia la distribuzione dei dividendi

Classifiche Bluerating: WisdomTree in testa tra i fondi azionari Usa small cap

WisdomTree quota un Boost ETP sulle banche del FTSE MIB

WisdomTree: Abe e Trump, un’intesa perfetta

WisdomTree: petrolio, cosa significa per gli investitori la mossa dell’Opec

Siracusano (WisdomTree): “Performance assicurate con gli etf ponderati sui dividendi”

Sidoti (Wisdom Tree): “Posizioni tattiche sul petrolio”

WisdomTree ha un nuovo responsabile della distribuzione in Europa

WisdomTree: la politica della Boe penalizza il mercato obbligazionario

Ti può anche interessare

Fondi, top e flop del 22/10/18

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...

Oggi su BLUERATING NEWS: Ubi cerca un partner, il fondo Apollo offre per Carige

Non perdete la puntata di oggi di Bluerating News, in diretta su Rete Economy alle 19.00. Per vedere ...

NN IP, il First Class Multi Asset Fund supera il miliardo in gestione

Il fondo impiega una strategia diversificata a livello globale che mira alla crescita del capitale a ...