Una semestrale Mirabaudlante

A
A
A

Crescono sia l’utile che il patrimonio in gestione per gruppo Mirabaud

Avatar di Redazione28 agosto 2018 | 11:30

Buone notizie per il gruppo Mirabaud, che ha chiuso il primo semestre 2018 con masse in gestione in aumento del 7% rispetto al 30 giugno del 2017. In crescita anche l’utile netto del Gruppo che, pari a CHF 29,9 milioni, ha riportato un incremento del 34% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, grazie a un contributo positivo derivante dalle tre divisioni di business della società.

Al 30 giugno 2018 gli asset in gestione netti sono aumentati del 7% rispetto ai 31,2 miliardi di CHF del 30 giugno 2017, raggiungendo quota CHF 33,4 miliardi, di cui CHF 8,8 miliardi attribuibili all’Asset Management.

Alla fine del primo semestre, i ricavi si sono attestati a CHF 174,0 milioni (CHF 151,6 milioni nello stesso periodo del 2017) e comprendono in particolare commissioni per CHF 134,8 milioni (CHF 116,9 milioni al 30.06.2017), un margine d’interesse di CHF 16,9 milioni (CHF 13,0 milioni al 30.06.2017) e proventi da attività di trading pari a CHF 18,2 milioni (CHF 16,3 milioni al 30.06.2017). Al netto dei costi di esercizio, l’utile lordo è stato di CHF 36,8 milioni (CHF 26,8 milioni al 30.06.2017). L’utile netto consolidato è salito a quota CHF 29,9 milioni, dai 22,3 milioni di CHF riportati nello stesso periodo nel 2017.

Il bilancio consolidato del gruppo si è attestato a un totale di CHF 4 152 milioni (CHF 4 194 milioni al 31.12.2017). Le passività si compongono essenzialmente di depositi della clientela, mentre gli attivi sono depositati prevalentemente presso la Banca Nazionale Svizzera o investiti in titoli di Stato a breve termine con rating elevato, che garantiscono liquidità e sicurezza. Il Gruppo presenta un coefficiente Tier 1 ratio del 20,6 %, ampiamente al di sopra dei requisiti minimi.

Yves Mirabaud (nella foto), Senior Managing Partner di Mirabaud, ha commentato i risultati affermando che “questa performance riflette l’andamento del nostro business in Svizzera, nel resto d’Europa, negli Emirati Arabi Uniti e in Canada. L’apporto positivo derivante dai nostri tre segmenti – Wealth Management, Asset Management e Brokerage – ci spinge a sviluppare sempre più la nostra strategia, progettata per offrire alla nostra clientela privata e istituzionale servizi innovativi, complementari e ad alto valore aggiunto”. “La solidità finanziaria del Gruppo” – conclude – “ci consente di proseguire sulla strada intrapresa con successo 200 anni fa: investire a lungo termine e proporre ai nostri clienti una consulenza personalizzata e internazionale”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, arriva il gigante europeo

Fondi, non ci sono più i gestori di una volta

Gestori in vetrina – Allianz GI

Consulenti e fondi, ecco i top (e i flop) da inizio anno

Gestori in vetrina – JP Morgan AM

Gestori in vetrina – Fidelity International

I 5 fondi che hanno ucciso la crisi

Mini fondi pensione: pochi soldi per un doppio vantaggio fiscale

Fondi di investimento, MFS: nuovo fondo che punta al credito europeo

Natixis IM scommette su robotica e intelligenza artificiale

Fca: mazzata a Goldman Sachs International

Unicredit corteggia i fondi

Assogestioni: a febbraio trionfa Poste. Patrimonio record, ma la raccolta delude

BlackRock, grandi novità in Italia

Fondi europei: febbraio da brividi, ma si salvano i bond

BNP Paribas AM: strategia globale per la sostenibilità

Merian Global Investors, nuovo nome per la distribuzione EMEA

Farad a tutta sostenibilità

Il risparmio violato

Consulenti, occhio ai fondi illiquidi: rischio tsunami all’orizzonte

Fondi, Ubp: nuova strategia long/short sul credito

Fondi, crolla il patrimonio degli absolute return

Merian, quando investire è una cosa preziosa

Etf, BlackRock: sei nuovi fondi sostenibili

Fondi, licenziamenti nelle case di gestione

JP Morgan AM: otto tappe sotto il tetto tricolore

Neuberger Berman, il “big short” Eisman alla guida di un nuovo fondo

State Street, si rinnova la struttura operativa

JP Morgan AM, una nuova guida per la sostenibilità

Carmignac, il nuovo responsabile è Zoccoletti

Risparmio gestito, un trimestre a secco

Fondi, top e flop dell’8/2/2019

Fondi, top e flop del 5/02/19

Ti può anche interessare

Bellingeri lascia iShares per Credit Suisse

Il manager sarà il nuovo responsabile asset management di Credit Suisse in Italia a partire dal 7 g ...

Bnp Paribas Am si rafforza con Kanzer

Il manager ricoprirà il ruolo di head of stewardship per le Americhe, nel quadro Sustainability Cen ...

Gam, rafforza il team di analisti

Due ingressi per Atlanticomnium, gestore delle strategie Gam Credit Opportunities ...