Capital Group: semiconduttori, a fondamento della nuova economia digitale

A
A
A

L’innovazione e l’evoluzione tecnologica hanno creato nuove fonti di domanda per i semiconduttori e quelle società che sono state capaci di reinventarsi per restare a galla sono diventate società di successo nel lungo periodo.

Chiara Merico di Chiara Merico31 agosto 2018 | 09:53

L’entusiasmo che circonda la tecnologia ruota spesso intorno alle ultime innovazioni, con criptovalute, veicoli elettrici e intelligenza artificiale a dominare la scena, spiega una nota a cura di Rob Lovelace, gestore di portafoglio di Capital Group. Anche se queste tipologie di tecnologie emergenti possono modificare e favorire in maniera significativa la società, spesso espongono a un rischio importante nelle loro prime fasi di sviluppo. Di contro, le società di semiconduttori operano sul mercato dagli anni Cinquanta. L’innovazione e l’evoluzione tecnologica hanno creato nuove fonti di domanda per i semiconduttori e quelle società che sono state capaci di reinventarsi per restare a galla sono diventate società di successo nel lungo periodo. A livello globale, la spesa pro capite per i semiconduttori è cresciuta di 15 volte dal 1980 al 2016 e si stima che la domanda dei circuiti integrati utilizzati nell’Internet delle Cose possa generare un tasso di crescita annuale composto del 16,1% nel decennio fino al 2025. Tra le tecnologie di prossima generazione che contribuiscono alla domanda di semiconduttori, oltre al già citato Internet of Things, possiamo citare l’apprendimento automatico, l’Intelligenza Artificiale, le vetture a guida autonoma, la realtà virtuale e aumentata, la robotica avanzata, l’analisi e archiviazione di big data. Il mondo sta entrando in un’epoca in cui si produrranno sempre più dati. Stando a McKinsey, dal 2005 il volume dei flussi di dati transfrontalieri si è moltiplicato di 45 volte in 11 anni, arrivando secondo le stime a 400 terabit per secondo a fine 2016. I dati transfrontalieri pro capite stanno crescendo in media del 50% all’anno per singolo Paese, a conferma dell’eccezionale momentum dei flussi di dati globali. Tutti questi dati devono essere archiviati e analizzati, cosa che sarà agevolata dai progressi in corso nell’ambito dell’archiviazione di dati e dei dispositivi connessi. Le società di semiconduttori hanno e continueranno a giocare un ruolo fondamentale nel favorire questa tendenza. Ne è un esempio la rapida adozione del cloud computing. Gestire infrastrutture e datacenter propri risulta spesso costoso e inefficiente. Pertanto, negli ultimi anni sono emersi fiorenti servizi di cloud computing che hanno permesso un’archiviazione dei dati centralizzata e lo sviluppo di maggiori economie di scala. I business si stanno sempre più orientando verso soluzioni cloud che permettono di ridurre i costi delle infrastrutture informatiche utilizzando servizi di società terze. Il settore automotive rappresenta un altro esempio di un’opportunità già importante ma in aumento per le vendite di semiconduttori. Dato l’incremento della connettività nei veicoli, il numero di dispositivi connessi a Internet del settore automotive dovrebbe crescere del 15% circa all’anno nei prossimi anni. Di conseguenza si stima che, entro il 2025, avremo sulla strada circa 89 milioni di veicoli connessi, 6 dei quali con guida autonoma, con una generazione ed elaborazione di dati per vettura superiore a un gigabyte al secondo.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Capital Group, nuova nomina nella distribuzione

Astolfi vicino a Capital Group

Capital Group: 20 candeline per la strategy New World

Capital Group annuncia il lancio di “Capital Ideas” in Italia

Gestori in vetrina – Capital Group

Deutsche Bank FA e Capital Group, nuovi fondi per i consulenti

Capital Group, un outlook in versione 3×3

Da Capital Group una nuova strategia multi asset

Capital Group: guerra commerciale, finora alle parole sono seguiti pochi fatti

Capital Group: Europa, fondamentale essere selettivi

Primo compleanno con rating Gold per l’Usa AMCAP (LUX) di Capital Group

Capital Group prende Bozzano da Fidelity

I fondi Capital Group nella rete di Fideuram Ispb

Rivivi il roadshow Road to the future

Advice Revolution

Road to the future apre i cancelli

Capital Group punta sui bond corporate globali

I fondi di Capital Group nella rete del Credem

Capital Group: un futuro brillante per l’azionario globale

Capital Group lancia un nuovo fondo sull’high yield Usa

Capital Group: gli Usa sono sospinti da più fattori

Capital Group porta in Italia il fondo azionario Usa AMCAP (Lux)

Capital Group: il nuovo volto della globalizzazione

Capital Group lancia la strategia US Corporate Bond per gli investitori europei

SdR 17, Pallotta (Capital Group): “L’investimento a lungo termine, un principio chiave”

Capital Group rafforza la partnership con Banca Generali

UniCredit, gli americani di Capital Research sopra l’8%

Capital Group: il super dollaro perde vigore

Capital Group: quali prospettive per le obbligazioni

Capital Group: portafogli a prova della politica populista europea

Capital Group: Europa, occhio alle sorprese politiche

Capital Group: per gli Emergenti il futuro passa dai bond

Capital Group: il Giappone veste Small e Medium

Ti può anche interessare

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 20/08/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento com ...

Fondi di investimento, i migliori a livello europeo nel settore Esg

Chi è il re dei fondi d’investimento azionari legati ai criteri Esg? In Europa a guidare le f ...

Fondi, top e flop del 09/01/19

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...