Pictet, il fondo va in città

A
A
A

Al via il nuovo fondo tematico Pictet-SmartCity

Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti4 settembre 2018 | 12:30

Catturare l’enorme potenziale di crescita delle imprese capaci di trovare soluzioni più intelligenti alle sfide poste dall’urbanizzazione,megatrend che vede da anni una costante crescita ed ingenti investimenti a livello mondiale per uno sviluppo di città sempre più efficienti, sicure e sostenibili. E’ questo lo spirito con cui Pictet Asset Management – la divisione di asset management del Gruppo Pictet, ha aggiunto una nuova strategia azionaria globale alla sua linea di fondi tematici a gestione attiva da USD 42 miliardi. Il fondo tematico Pictet-SmartCity, conforme alla normativa UCITS, mira a ottenere una crescita del capitale a lungo termine investendo nelle imprese di tutto il mondo che stanno contribuendo allo sviluppo delle città del domani.

Una «smart city» è una città in grado di raccogliere, aggregare e analizzare dati al fine di risolvere le sfide da essa generate (inquinamento, crimini, malattie, ecc.). La città del futuro mira anche a migliorare il benessere generale (mentale, fisico ed economico) dei suoi abitanti mettendo al centro del proprio sviluppo elementi fondamentali come l’innovazione, la tecnologia, la crescita economica, la prosperità e l’impronta ambientale.

Il comparto avrà esposizione sull’intera catena del valore delle “città intelligenti”, da cui selezionare le migliori opportunità d’investimento quotate, ed in particolare sui seguenti segmenti: la costruzione e lo sviluppo delle città (società coinvolte nel design, nella pianificazione e nella costruzione delle città del domani, con un focus su efficienza e sostenibilità); la gestione delle città (società che forniscono infrastrutture e servizi essenziali per il funzionamento giornaliero); il vivere urbano (società che offrono servizi e soluzioni per il vivere urbano del 21° secolo, tra cui l’abitazione, l’alimentazione e le attività ricreative).

Le società target saranno dunque attive principalmente, ma non esclusivamente, nella mobilità e trasporti, infrastrutture, immobiliare, gestione delle risorse sostenibili (ad esempio efficienza energetica o gestione dei rifiuti) nonché nelle tecnologie abilitanti e servizi a supporto dello sviluppo di città intelligenti e sostenibili.

Il gestore della strategia è Ivo Weinöhrl, CFA, Senior Investment Manager, supportato da Lucia Macaccaro, Investment Manager. Il team adotterà l’ormai consolidato processo di gestione attivo applicato a tutte le strategie tematiche di Pictet Asset Management con portafogli high convinction composti da imprese particolarmente esposte verso questo tema. Oggi, più della metà della popolazione mondiale vive nelle città e tale percentuale è destinata a salire fino al 70% entro il 2050, soprattutto per via del processo di inurbamento, che sta già avvenendo con forza nei Paesi Emergenti. Le città oggi sono diventate delle vere e proprie superpotenze economiche, contribuendo per circa l’80% al Pil mondiale. Al tempo stesso le città sono responsabili dell’emissione di circa il 70% dei gas che causano l’effetto serra e il volume di rifiuti da loro generato dovrebbe triplicare da qui alla fine di questo secolo. I responsabili globali delle politiche pubbliche si stanno muovendo per trovare soluzioni e l’obiettivo numero 11 del Sustainable Development Goal è interamente dedicato alle città e alle comunità sostenibili.

Negli ultimi decenni stiamo assistendo ad un passaggio sempre più significativo da infrastrutture “urbane reattive”, che puntano a soddisfare i bisogni di sopravvivenza base, ad infrastrutture “urbane proattive”, che consentono di avere città più attrattive per vivere e lavorare ed in generale, a una migliore qualità della vita. Le società attive in tutta la filiera dell’urbanizzazione godranno di una importante crescita legata a questa profonda trasformazione e nostro obiettivo sarà quello di cogliere al meglio questi nuovi trend e opportunità” afferma Ivo Weinöhrl, il gestore del fondo Pictet-SmartCity.

Manuel Noia, Country Manager per l’Italia di Pictet Asset Management, dichiara: “Siamo entusiasti di poter offrire una nuova soluzione molto innovativa che arricchisce la nostra gamma di fondi tematici in cui siamo precursori. Crediamo fortemente che il Pictet-SmartCity possa offrire un’interessante opportunità d’investimento, sostenuta da importanti trend di lungo termine quali il cambiamento demografico, la crescita economica, la sostenibilità e il progresso tecnologico connesso al processo di urbanizzazione. Le ‘nuove città’ infatti saranno pensate sempre di più per migliorare la qualità della vita dei cittadini del futuro attraverso l’uso efficiente di tecnologie e risorse.

Pictet-SmartCity è l’ultimo nato della famiglia di prodotti tematici di Pictet Asset Management, che comprende già, fra gli altri, fondi specializzati in comunicazioni digitali, sicurezza, sanità, acqua, biotech, nutrizione, sostenibilità ed energie pulite. Le strategie tematiche consentono agli investitori di sfruttare i trend socio-economici di lungo periodo, quali il cambiamento demografico, la crescita economica, la sostenibilità e il progresso tecnologico connesso al processo di urbanizzazione, che ridefiniscono il mondo in cui viviamo.

Il comparto Pictet-SmartCity, parte della SICAV Pictet Luxembourg e disponibile per investitori retail ed istituzionali, è la prima strategia tematica di Pictet AM che offrirà una classe a distribuzione (annuale) dei proventi.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, top e flop del 10/12/18

Fondi, top e flop del 6/12/18

La sostenibilità invade il Salone del Risparmio

Fondi, top e flop del 28/11/18

Un ex Ubs per Mirabaud

Schroders, due webinar per parlare ai consulenti

Fondi, top e flop del 14/11/18

Fondi, top e flop del 09/11/18

Raiffeisen da premio nella sostenibilità

Fondi, top e flop del 07/11/18

Fondi, il best of di Vontobel

Fondi comuni, negli Stati Uniti costano meno

Fondi comuni, le commissioni sono tutte da rifare

Fondi, top e flop del 23/10/18

Fondi, top e flop del 17/10/18

Fondi, top e flop del 15/10/18

Fondi, top e flop del 11/10/18

La grande debacle delle gestioni attive

Fondi, cosa cambia con il Kid

Fondi, top e flop del 26/09/18

Il risparmio gestito riprende fiato

Fondi, top e flop del 24/09/18

Fondi, top e flop del 18/09/18

Lazard AM, cambia la direzione

Investimenti, è ora di puntare sull’Asia

Eurizon tiene duro e punta alla crescita

Asset allocation, le opportunità europee

Fidelity fa il pieno di sostenibilità

Utile in bella vista per Schroders

Fondi, boom di quelli esteri in Italia

Commodity globali, un fondo per Lazard

Asset allocation, lo stile di vita fa guadagnare

Fondi, dove costano meno in Europa

Ti può anche interessare

Axa: la vita quotidiana al centro delle preoccupazioni degli italiani

Sono alcune delle principali evidenze emerse dalla ricerca di AXA Italia condotta da Episteme (“Ri ...

Moran (M&G): “L’azionario è sottovalutato”

Nello scenario finanziario attuale c'è sopravvalutazione nel comparto delle obbligazioni governativ ...

Frenata d’autunno per il risparmio gestito

L’industria del risparmio gestito segna a settembre una raccolta netta di 436 milioni di euro (+12 ...