TCW sbarca sotto la Madonnina

A
A
A

Dalla nuova sede opererà Matteo Sinigaglia, senior vice president, entrato nella società a settembre.

Chiara Merico di Chiara Merico12 settembre 2018 | 10:59

TCW, asset manager globale e indipendente basato a Los Angeles, con più di quarant’anni di esperienza negli investimenti e circa 200 miliardi di dollari di patrimonio in gestione, intensifica il processo di radicamento nel mercato italiano con l’apertura di una branch a Milano, che si aggiunge all’ufficio di Londra. Dalla nuova sede opererà Matteo Sinigaglia (nella foto), senior vice president, entrato nella società a settembre e che riporterà  direttamente a Gian Luca Giurlani, managing director e responsabile della piattaforma UCITS in Europa e dello sviluppo del mercato dell’Europa del Sud. Sinigaglia supporterà la distribuzione delle strategie attive di TCW in formato UCITS presso fondi di fondi, Unit Linked e reti di distribuzione, presentandosi come un ulteriore punto di contatto per gli investitori italiani. L’apertura della branch e l’ingresso di Matteo Sinigaglia segnano un nuovo passo nel percorso di penetrazione del mercato italiano da parte di TCW, iniziato a fine 2015. L’asset manager si è rivolto, in un primo momento, esclusivamente agli investitori istituzionali, si è poi avvicinato al mondo delle gestioni patrimoniali e delle Unit Linked, arrivando infine a stipulare due importanti accordi di distribuzione con CheBanca! e Finecobank. Sinigaglia proviene da Banca di Bologna, dove ha lavorato per oltre 13 anni, arrivando a ricoprire il ruolo di Senior Vice President of Product Management, focalizzato sull’asset management e sul comparto assicurativo. Vanta inoltre esperienze in Banca BNL Investimenti e Allianz Group, maturate dopo la laurea in Economia e Commercio presso l’Università di Bologna e la specializzazione in Marketing conseguita presso la London Guildhall University. “Crediamo nella potenzialità del mercato italiano e l’inaugurazione della branch locale lo dimostra”, osserva Gian Luca Giurlani, aggiungendo: “Siamo lieti di dare il benvenuto a Matteo che, grazie alla sua solida esperienza a stretto contatto con il mondo della distribuzione, saprà supportare il nostro sviluppo in un mercato molto competitivo. Il forte interesse già riscontrato per il nostro approccio alla gestione attiva ci ha indotto a ‘investire’ ancora di più sul mercato italiano, dove abbiamo in programma a breve un ampliamento dell’offerta delle strategie di investimento”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

TCW svela i piani sull’Italia

TCW: c’è del valore per gli investitori obbligazionari nell’US Healthcare?

TCW parla (un po’) giapponese

Ti può anche interessare

Anima, a gennaio raccolta col segno più

La raccolta netta del gruppo è stata positiva per circa 335 milioni di euro; il totale delle masse ...

Il fattore 5 di Aberdeen

Arriva il nuovo fondo di Aberdeen Standard Investment: Smart Beta Low Volatility Global Equity Grow ...

Oyster trasforma due suoi fondi storici in Pir compliant

Due fondi di casa Syz am, società di gestione partimoniale istituzionale del gruppo Syz, sono stati ...