Notz Stucki, le prime mosse della sgr milanese

A
A
A

Notz Stucki Europe pronta per acquisizioni in Italia. Ecco il fondo sul Luxury

Avatar di Redazione16 ottobre 2018 | 10:08

Prendono avvio le attività della Sgr milanese Notz Stucki, guidata dal Country Manager Giacomo Calef: si tratta della succursale di Notz Stucki Europa S.A., è autorizzata ai servizi di consulenza e gestione da parte di Banca d’Italia. Il gruppo, fondato nel 1964, ha circa 10 miliardi di franchi di masse (metà in fondi e metà in gestione) con clienti per l’80% europei (svizzeri, spagnoli, francesi e italiani). In Italia la società punta ora a espandersi: “Stiamo guardando a Sim e sgr con massimo 1 miliardo di masse – spiega Giacomo Calef – L’obiettivo è poter accedere ad accordi di distribuzione per i nostri fondi e le gestioni”.

Accanto alle attività di private banking e wealth management, Notz Stucki ha infatti oltre 20 fondi, ma punta, in Italia, su cinque Ucits (bilanciati, conservativi, equity Usa e sul lusso). Dal 2010 ha centralizzato in Lussemburgo la gestione e il domicilio dei suoi fondi di investimento, ottenendo la qualifica di Super Management Company, che consente la gestione, l’oversight e la distribuzione di fondi Ucits e alternativi.

Tra questi, il DCG Franck Muller Luxury Fund che investe in titoli del settore del lusso attraverso un approccio basato sui fondamentali. A fine settembre la performance superava il 10,3% (+6,3% il benchmark). Con una volatilità annualizzata (da dicembre 2014, data di avvio del fondo) del 10,1% (14,6% l’indice) e uno sharpe ratio di 0,45 (0,38 il benchmark). Alla data attuale i titoli più pesanti del portafoglio sono Estee Lauder (6,6%), Lvmh (6,4%) e Tapestry (6,4%).

A cura di FinanzaOperativa.com


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, ecco i gestori d’oro del 2019

Gestori in vetrina – Lyxor Etf

Gestori in vetrina – iShares

Fondi, guadagni a doppia cifra

Gestori in vetrina – Merian GI

Fondi, arriva il gigante europeo

Fondi, non ci sono più i gestori di una volta

Gestori in vetrina – Allianz GI

Consulenti e fondi, ecco i top (e i flop) da inizio anno

Gestori in vetrina – JP Morgan AM

Gestori in vetrina – Fidelity International

I 5 fondi che hanno ucciso la crisi

Mini fondi pensione: pochi soldi per un doppio vantaggio fiscale

Fondi di investimento, MFS: nuovo fondo che punta al credito europeo

Natixis IM scommette su robotica e intelligenza artificiale

Fca: mazzata a Goldman Sachs International

Unicredit corteggia i fondi

Assogestioni: a febbraio trionfa Poste. Patrimonio record, ma la raccolta delude

BlackRock, grandi novità in Italia

Fondi europei: febbraio da brividi, ma si salvano i bond

BNP Paribas AM: strategia globale per la sostenibilità

Merian Global Investors, nuovo nome per la distribuzione EMEA

Farad a tutta sostenibilità

Il risparmio violato

Consulenti, occhio ai fondi illiquidi: rischio tsunami all’orizzonte

Fondi, Ubp: nuova strategia long/short sul credito

Fondi, crolla il patrimonio degli absolute return

Merian, quando investire è una cosa preziosa

Etf, BlackRock: sei nuovi fondi sostenibili

Fondi, licenziamenti nelle case di gestione

JP Morgan AM: otto tappe sotto il tetto tricolore

Neuberger Berman, il “big short” Eisman alla guida di un nuovo fondo

State Street, si rinnova la struttura operativa

Ti può anche interessare

Gestori in vetrina – Lemanik

Gli asset manager si confrontano con il 2019 e con i temi forti del mercato. Intervista a Emilio Fog ...

Morgan Stanley IM, sprint sui ricavi nel 2019

Morgan Stanley Investment Management inizia l’anno con il piede giusto. Il primo trimestre del 201 ...

Gestori in vetrina – Etica sgr

Gli asset manager si confrontano con il 2019 e con i temi forti del mercato. Intervista a Roberto Gr ...