Fondi: Amundi corre, Generali frena

A
A
A

Sul podio della raccolta netta del mese seguono Poste Italiane e Intesa Sanpaolo. Deflussi dovuti principalmente a operazioni infragruppo per il Leone di Trieste.

Chiara Merico di Chiara Merico25 ottobre 2018 | 11:33

Frena a settembre l’industria del risparmio gestito, che ha messo a segno una raccolta netta di 436 milioni di euro (+12,3 miliardi da inizio anno), nettamente inferiore rispetto ai 2,542 miliardi di agosto.

Per quanto riguarda le singole società, in testa alla classifica della raccolta netta del periodo troviamo il gruppo Amundi con 1.388,4 milioni di euro, seguito sul podio da Poste Italiane (+795,8 milioni) e dal gruppo Intesa Sanpaolo con 530,4 milioni di euro (469,2 milioni da Eurizon Capital e 61,2 milioni da Fideuram). Al quarto posto troviamo Anima Holding con 312,9 milioni di euro, seguito dal gruppo Axa Im con una raccolta netta nel periodo di 189 milioni di euro. In classifica seguono al sesto posto State Street Global Advisors con 147,2 milioni di euro, poi Lyxor (+84,8 milioni), gruppo Bnp Paribas (+60,2 milioni), Morgan Stanley (+57,1 milioni) e gruppo Ubi Banca (+23,5 milioni).

A registrare i maggiori deflussi nel mese è stato il gruppo Generali con -945,2 milioni di euro. Un risultato che, fa sapere la società in una nota, è dovuto principalmente a operazioni infragruppo. Seguono Schroders (-379,2 milioni di euro) e M&G Investments (-377,6 milioni di euro). Prendendo in esame il patrimonio gestito, il gruppo Generali resta saldamente in testa alla classifica con con 470,879 miliardi di euro. Sul podio in seconda posizione troviamo il gruppo Intesa Sanpaolo con 396,998 miliardi di euro (308,4 Eurizon Capital e 88,6 Fideuram), e al terzo posto Amundi con 199 miliardi di euro. Seguono Anima Holding (103,4 miliardi), Poste Italiane (85,8 miliardi), BlackRock Investment Management (73,4 miliardi), gruppo Ubi Banca (60,2 miliardi), gruppo Mediolanum (49 miliardi), Allianz (48,2 miliardi) e Axa Im (42).


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Assogestioni, patrimonio al top. Generali sempre al comando

Dati Assogestioni: si riprende la raccolta a giugno. Boom di Eurizon

Fondi, Ubs e Morgan Stanley dominano il trimestre

Risparmio gestito, patrimoni al top e raccolta in affanno

Risparmio gestito: Poste Italiane regina di marzo

Dati Assogestioni: raccolta giù, patrimonio su

Salone del Risparmio 2019, tutti i numeri

Salone del Risparmio, domani apre il n. 10

Assogestioni: bis di Corcos. Nome nuovo tra i vicepresidenti

Fondi, il 2019 inizia con una ripresina

Salone del Risparmio 2019, ecco i temi chiave di Assogestioni

Risparmio gestito, un trimestre a secco

Mifid 2, il punto di Assogestioni su conoscenza e competenza

Consulenti, rinvio in vista per i rendiconti Mifid 2

Assogestioni delinea il futuro del gestito

Assogestioni: inciampo finale della raccolta, ma il 2018 tiene

Assogestioni: un aiuto interpretativo sui nuovi Pir

Corcos (Assogestioni): mano tesa al governo sul nodo Pir

Assogestioni, pioggia di deflussi a novembre

L’exploit di Poste in un ottobre grigio

Risparmio gestito, ottobre in flessione

Risparmio gestito in trincea, la raccolta tiene

Frenata d’autunno per il risparmio gestito

Intesa risplende sotto il Sole del gestito

Luglio sorride ad Amundi, meno a Generali

Risparmio gestito, continua il segno meno

Risparmio gestito, tre mesi in apnea

Assogestioni è l’ago della bilancia di Carige

Risparmio gestito, l’exploit di Poste

Giugno fiacco per il risparmio gestito

Salone del Risparmio, tutto sulla decima edizione

Migrazioni di masse nel risparmio gestito

Assogestioni, profondo rosso a maggio

Ti può anche interessare

Pir 2: bene ma non benissimo

Abbiamo spesso parlato dei nuovi Pir, evidenziando spesso il malcontento degli operatori. Oggi vogli ...

Gestori in vetrina – M&G

Gli asset manager si confrontano con il 2019 e con i temi forti del mercato. Intervista a Matteo Ast ...

Il nodo Pir sul tavolo del consiglio dei ministri

Piatto ricco nel consiglio dei ministri in programma nel tardo pomeriggio del 4 aprile. Diversi i do ...