Asset allocation, è tornata tanta voglia di oro

A
A
A

Torna la fiducia dei grandi investitori sul metallo prezioso

di Redazione5 novembre 2018 | 11:51

Torna la febbre dell’oro. Le investment bank lo stanno riscoprendo non soltanto come rifugio, ma anche come opportunità di investimento. Come riporta MF, sembra quindi essere arrivato al capolinea il posizionamento al ribasso tenuto fino a poco tempo fa dai grandi gestori. A partire da Bank of America Merrill Lynch, secondo cui l’oro potrebbe salire a 1.400 dollari nel 2019. Intanto gli analisti di Credit Suisse, che sono stati a lungo negativi vero il metallo giallo, ora hanno aumentato il peso dell’oro riportandolo a benchmark. Del resto Credit Suisse sottolinea che l’oro ha una correlazione negativa con il dollaro e secondo gli esperti il biglietto verde è vicino ai massimi. Anche Goldman Sachs ha riscoperto il metallo prezioso e in un report ha sottolineato che lo stesso può di nuovo avere un ruolo di diversificazione del portafoglio.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: caccia alle migliori occasioni

Asset allocation: puntare sulla crescita di qualità

Asset allocation: nel 2019 occasione commodity

Asset allocation, portafoglio a prova di ribassi

Consulenti, rischi e opportunità per un 2019 dal portafoglio perfetto

Asset allocation, una nuova scommessa sugli emergenti

Invesco, portafogli per due scenari alternativi

Asset allocation, è la (s)volta degli emergenti

Asset allocation, bye bye bull market

Asset allocation, le opportunità europee

Asset allocation: in bond high yield we trust

Asset allocation alla prova del protezionismo

Consulenza, l’indecisione fa male al portafoglio

Consulenti, come costruire il portafoglio perfetto mentre guardi Diletta Leotta

Asset allocation, 3 motivi per sorridere e 1 per cautelarsi

Asset allocation, una questione di stile

Esma e Mifid 2, gli obblighi dei cf nel costruire i portafogli

Modelli di asset allocation alla prova del rialzo dei tassi

Goldman Sachs AM, ecco i tre principali rischi sui mercati

Iggo (Axa IM): attenzione alla duration più che al rischio di credito

Pictet AM preferisce l’high yield e il debito emergente in dollari

Etf, essere passivi è una scelta

Asset allocation, ancora cautela sull’azionario

Anima e Prima Sgr si danno alla chat

F3 World, diversificato e +50% in 2 mesi

Ti può anche interessare

Fondi, top e flop del 24/01/19

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...

Aviva Investors si rafforza con Armstrong

Aaron arriva in Aviva Investors dopo un’esperienza di oltre quattro anni in Alquity Investment Man ...

Carmignac sotto indagine in Francia

La società francese nel mirino degli inquirenti per la remunerazione di alcuni dirigenti ...