Asset allocation, è tornata tanta voglia di oro

A
A
A
Avatar di Redazione 5 Novembre 2018 | 11:51
Torna la fiducia dei grandi investitori sul metallo prezioso

Torna la febbre dell’oro. Le investment bank lo stanno riscoprendo non soltanto come rifugio, ma anche come opportunità di investimento. Come riporta MF, sembra quindi essere arrivato al capolinea il posizionamento al ribasso tenuto fino a poco tempo fa dai grandi gestori. A partire da Bank of America Merrill Lynch, secondo cui l’oro potrebbe salire a 1.400 dollari nel 2019. Intanto gli analisti di Credit Suisse, che sono stati a lungo negativi vero il metallo giallo, ora hanno aumentato il peso dell’oro riportandolo a benchmark. Del resto Credit Suisse sottolinea che l’oro ha una correlazione negativa con il dollaro e secondo gli esperti il biglietto verde è vicino ai massimi. Anche Goldman Sachs ha riscoperto il metallo prezioso e in un report ha sottolineato che lo stesso può di nuovo avere un ruolo di diversificazione del portafoglio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: EdTech, un megatrend esplosivo

Asset allocation: dollaro, maneggiare con cura

Asset allocation: 4 spunti per diversificare il portafoglio

NEWSLETTER
Iscriviti
X