Risparmio gestito: il 20% dell’utile è nelle commissioni 

A
A
A
di Redazione 3 Dicembre 2018 | 10:18

Circa un quinto dei profitti delle società di gestione attive in Italia deriva dalle commissioni di performance. E’ quanto emerge da un’analisi effettuata dall’ufficio studi di MoneyFarm, società di consulenza finanziaria che opera attraverso i canali digitali. Lo riporta l’inserto Affari&Finanza di Repubblica, che parla però di notevoli differenziazioni tra le diverse società.

L’analisi di MoneyFarm ha preso in esame i primi 5 gruppi finanziari italiani che sono sia produttori che distributori di fondi. Secondo il report, nel 2017 il rapporto tra gli utili di queste società e le commissioni di performance è stato in media superiore al 20%. L’incidenza varia però a seconda dei player presi in esame. Per Fideuram e il gruppo Ubi il peso delle commissioni di gestione sugli utili è molto basso. Nel caso di altre 3 società (Banca Mediolanum, Banca Generali e Azimut), l’incidenza delle fee di performance arriva invece a superare il 50%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche-reti e performance fee, chi deve cambiarle e chi no

Banche-reti, così sono cambiate le commissioni

I 10 requisiti-chiave per calcolare le commissioni di performance

NEWSLETTER
Iscriviti
X