MFS: asset allocation per la crescita del capitale

A
A
A

Il debito globale ha raggiunto livelli mai visti prima ed è nettamente più elevato rispetto al 2008; la crescita è anemica e gli utili societari sono elevati; le strategie di politica monetaria hanno gonfiato le valutazioni degli asset rischiosi e l’autocompiacimento dilaga

Chiara Merico di Chiara Merico5 dicembre 2018 | 08:31

Come disse il celebre economista John Kenneth Galbraith,”l’unica funzione delle previsioni economiche è di far sembrare rispettabile l’astrologia”, spiega una nota a cura di Barnaby Weiner, gestore dell’MFS Prudent Wealth Fund e dell’MFS Prudent Capital Fund presso MFS Investment Management. Sebbene concordiamo sul fatto che sia difficile anticipare i movimenti del mercato, non riteniamo che l’unica opzione sia quella di tapparsi il naso e sperare che tutto vada per il verso giusto. Prevedere il futuro è difficile, ma si possono prendere decisioni di investimento essendo consapevoli dei rischi e delle opportunità a cui si va incontro.

Il nostro obiettivo è perseguire la strada degli investimenti puntando alla crescita del capitale. In questo momento siamo in modalità “massima difesa“. Vediamo diversi ostacoli fondamentali: il debito globale ha raggiunto livelli mai visti prima ed è nettamente più elevato rispetto al 2008; la crescita è anemica e gli utili societari sono elevati; le strategie di politica monetaria hanno gonfiato le valutazioni degli asset rischiosi e l’autocompiacimento dilaga. Riteniamo che i principali driver a lungo termine delle performance azionarie siano le valutazioni di partenza, il che ha senso a livello intuitivo (comprare ai minimi, vendere ai massimi) ed è confermato dai dati. Abbiamo recentemente condotto un’analisi sull’andamento dell’indice S&P 500 a partire dal 1928. Il risultato parla da sé. Usando il ratio di Shiller (corretto per la volatilità annuale degli utili) abbiamo scoperto che quando il mercato era sottovalutato (inferiore a 10) la performance media nei cinque anni successivi è stata del 13% annuo, mentre quando il mercato era sopravvalutato (superiore a 30) la performance media è stata del -2% annuo. In questo momento il P/E di Shiller è a 32. La media di lungo periodo è 16. Dati gli ostacoli strutturali quali l’alto livello di debito, la crescita debole e gli elevati margini di profitto, riteniamo che in realtà il fair value sia inferiore alla media di lungo periodo. In una fase rialzista che dura da quasi dieci anni è difficile convincere qualcuno che il mercato azionario dovrà registrare una flessione del 50% prima di tornare ad apparire interessante. Ma anche nel marzo 2009, quando lo S&P era quasi l’80% sotto al livello attuale era difficile convincere la gente ad acquistare azioni. Siamo investiti in un numero ristretto di società solide e stabili. Certo, non si tratta di titoli sottovalutati, ma di questi tempi riteniamo che sia meglio giungere a un compromesso sulle valutazioni che sulla qualità. Manteniamo posizioni liquide sui titoli di Stato a breve termine. Siamo infatti convinti che nella prossima fase ribassista, che non tarderà ad arrivare, queste obbligazioni proteggeranno il capitale dei clienti e ci forniranno la liquidità necessaria a cogliere le opportunità che si presenteranno.


COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI CORRELATI

MFS annuncia l’ingresso di Murfin

MFS: investitori sempre più sfiduciati

MFS rafforza il team italiano con Siviero

Ti può anche interessare

Helvetia, al via la partnership con Banca Sant’Angelo

L'accordo riguarda la distribuzione di prodotti vita e danni attraverso le filiali dell'istituto ban ...

NN IP, dieci e lode in sostenibilità

La società ha ricevuto per il secondo anno consecutivo dai “Principles for Responsible Investment ...

Dossier fiscale Bitcoin – Introduzione

Approfondimento su fiscalità e mondo bitcoin ...