Asset allocation, una nuova scommessa sugli emergenti

A
A
A

Tornare a scommettere su questa asset class, ecco perchè

Avatar di Redazione14 dicembre 2018 | 15:00

A cura di Roberta Maddalena.

TCW, asset manager internazionale, ha diffuso un Outlook sui mercati emergenti nel 2019. Focus dell’analisi, condotta da Penelope Foley, co-gestore del fondo TCW Emerging Markets Income, è l’impatto delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina e, nel dettaglio, il modo in cui i dazi imposti dalla potenza a stelle e strisce possono influenzare la crescita del player asiatico.

All’indomani del G20, le due potenze viaggiano ancora su binari paralleli, fattore che porta a escludere, in maniera quasi categorica, una riduzione dei dazi nel corso del 2019. E così, mentre gli Stati Uniti continuano a limitare l’importazione e l’investimento diretto da parte della Cina in tecnologia USA, e Pechino riduce la sue dipendenza dalle supply chain statunitensi, lo scenario a breve termine dipenderà soprattutto dal modo in cui entrambi i Paesi, che possono contare su economie di grandi dimensioni, saranno in grado di gestire la loro domanda interna.

La ricerca mette inoltre in evidenza un curioso trend: se da un lato infatti i dazi americani potrebbero impattare negativamente sulla crescita dell’ex Celeste Impero con un rallentamento fino al 5,75% nel primo trimestre (e una timida crescita del 6% nel 2019), dall’altro alcuni Paesi emergenti potrebbero beneficiare della trade war USA-Cina. Innanzitutto perché molti operatori stanno già valutando l’opportunità di ridurre le importazioni dalla Cina, aumentando gli acquisti da altri Paesi. E poi per il potenziale indebolimento del dollaro, da attribuire al crescente deficit fiscale degli USA (secondo il report toccherà il 5% nel prossimo anno), e il consistente disavanzo delle partite correnti. In tema di emerging markets, TCW stima nei prossimi dodici mesi una crescita del 4,7%. Tra questi, anche il Brasile, dove il neoeletto Bolsonaro può fare affidamento su una squadra di economisti piuttosto solida, Argentina, Turchia, Middle East e alcuni Paesi africani.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: ecco perché sono meglio gli assicurativi dei bancari

Asset allocation: opportunità infrastrutture

Fondi: l’investimento (non fa) acqua

Asset allocation: caccia alle migliori occasioni

Asset allocation: puntare sulla crescita di qualità

Asset allocation: nel 2019 occasione commodity

Asset allocation, portafoglio a prova di ribassi

Consulenti, rischi e opportunità per un 2019 dal portafoglio perfetto

Invesco, portafogli per due scenari alternativi

Asset allocation, è tornata tanta voglia di oro

Asset allocation, è la (s)volta degli emergenti

Asset allocation, bye bye bull market

Asset allocation, le opportunità europee

Asset allocation: in bond high yield we trust

Asset allocation alla prova del protezionismo

Consulenza, l’indecisione fa male al portafoglio

Consulenti, come costruire il portafoglio perfetto mentre guardi Diletta Leotta

Asset allocation, 3 motivi per sorridere e 1 per cautelarsi

Asset allocation, una questione di stile

Esma e Mifid 2, gli obblighi dei cf nel costruire i portafogli

Modelli di asset allocation alla prova del rialzo dei tassi

Goldman Sachs AM, ecco i tre principali rischi sui mercati

Iggo (Axa IM): attenzione alla duration più che al rischio di credito

Pictet AM preferisce l’high yield e il debito emergente in dollari

Etf, essere passivi è una scelta

Asset allocation, ancora cautela sull’azionario

Anima e Prima Sgr si danno alla chat

F3 World, diversificato e +50% in 2 mesi

Ti può anche interessare

Borse, le azioni vincenti del 2019

Comgest ha presentato a Milano le sue strategie d’investimento basate sulla selezione dei titoli g ...

Fondi, top e flop del 08/11/18

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...

Dpam punta sui bond convertibili con due ingressi

I due gestori che compongono il nuovo team sono entrati a far parte di DPG per occuparsi della gesti ...