Dal governo un assist ai Pir

A
A
A
di Marcello Astorri 21 Dicembre 2018 | 14:25

Il governo sorride a Pir e Venture capital. L’ultimo maxiemendamento alla legge di Bilancio 2019 contiene una serie di commi che introducono varie novità in tema di Pir. Per usufruire degli incentivi fiscali a loro riservati, i Piani individuali di risparmio dovranno investire in quote o azioni di venture capital.

I quali devono risiedere in Italia o in stati membri dell’Unione europea, nella misura del 5% della quota del 21% del patrimonio destinata a strumenti finanziari di imprese non inserite nel Ftse Mib o in indici equivalenti.

L’altra novità è legata alle entrate dello Stato che derivano dalla distribuzione di utili per le sue partecipazioni in aziende. Almeno il 15% di queste, infatti, dovranno essere investite in fondi di venture capital. L’obiettivo di queste norme è convogliare maggiori risorse su start up innovative e pmi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Mediolanum, ora i Pir sono ancora più interessanti

Mercati, Italian Mid Small Caps: le evidenze del report mensile di Intermonte

Fondi Pir 3.0: raccolta positiva a marzo nonostante lo scenario geopolitico

NEWSLETTER
Iscriviti
X