Dai Pir una spinta Ipo

A
A
A

Le novità per questo strumento

di Redazione27 dicembre 2018 | 09:27

Il maxiemendamento del governo contiene diverse novità last minute. Tra queste, come riporta questa mattina MF, ce ne sono di importanti sui Pir, i Piani Individuali di Risparmio introdotti con la manovra 2017 e diventati uno degli strumenti preferiti dalla componente leghista del governo dopo l’innegabile successo registrato fin dal debutto, con una raccolta cumulata di quasi 19 miliardi di euro a settembre 2018.

Le modifiche proposte dal deputato della Lega Giulio Centemero sono state addirittura potenziate, come si legge nei commi aggiunti all’articolo 111 dell’ultima versione del maxi-emendamento, che riguarda i Piani di Risparmio a lungo termine costituiti a decorrere dal 1° gennaio 2019. Resta fissato che in ciascun anno solare di durata del piano, per almeno i due terzi dell’anno stesso, le somme o i valori destinati nel Piano di Risparmio a lungo termine devono essere investiti per almeno il 70% del valore complessivo in strumenti finanziari, anche non negoziati nei mercati regolamentati o nei sistemi multilaterali di negoziazione, emessi o stipulati con imprese residenti nel territorio dello Stato o in Stati membri dell’Unione Europea o in Stati aderenti all’Accordo sullo Spazio Economico Europeo. Ma di questa quota almeno il 5% del valore complessivo andrà investito in «strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni sui sistemi multilaterali di negoziazione», con una precisazione che porta dritta all’Aim: questi strumenti finanziari, infatti, devono essere emessi da piccole e medie imprese.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Amundi

Foti (Fineco): tre pilastri per vincere la battaglia sui margini

Certificati di investimento: SocGen, 24 nuovi Recovery TOP Bonus

Oggi su BLUERATING NEWS: Fideuram Ispb raccolta e utile, i grandi gestori

ASSET and the CITY: stasera parla M&G Investments

Fondi d’investimento, top e flop del 14/02/19

Fineco e SocGen: stretta di mano nell’asset management

Rendiconti e contributi: io non ci sto!

Oggi su BLUERATING NEWS: reti dominatrici, super raccolta per gli etf

Consulenti, vi raccontiamo tutta la verità sulla crescita Usa…

Consulenti, il futuro delle grandi reti a confronto

Borsa, il voto in Abruzzo rianima il listino

Fineco, top entry in riva al lago

Consulenti, Poste Italiane la vera minaccia

Mediolanum, la consulenza non s’inventa

Fondi d’investimento: Candriam, un fondo sulle innovazioni per l’oncologia

Consulente, intuizioni in punta di penna

Fondi d’investimento: Amundi e Cpr, il primo fondo azionario sull’istruzione

Invesco, l’etf che guarda al real estate

Oggi su BLUERATING NEWS: boom polizze, la svolta tech “umana” di Mediolanum

Deutsche Bank PB, ingresso d’esperienza nel private bresciano

Contributi Ocf, malumore tra gli indipendenti

Aberdeen: alla conquista del mercato asiatico

Consulenti, tre buoni propositi per un portafoglio sano e felice

Assoreti: il 2018 è la vera prova di forza dei cf

Vontobel: STM Festeggia dopo la trimestrale

A FAMILY OFFICE si parla di successioni

Fondi, top e flop del 29/01/19

Asset allocation: caccia alle migliori occasioni

Consulenti: i nuovi orizzonti del business

Consulenti autonomi, la spinta di Mifid 2

Bmo sceglie in nuovo Ceo

Bluerating News del 24/1/19: ecco tutti i protagonisti

Ti può anche interessare

La Française, accordo con AlpenBank

I clienti della banca privata austriaca con sede a Innsbruck, succursale italiana a Bolzano con uffi ...

Febbraio nero per il risparmio gestito

A febbraio l'industria, rivela la mappa mensile di Assogestioni, ha registrato deflussi per 883 mili ...

Assogestioni, a gennaio boom di Generali

Al secondo posto nella classifica per raccolta netta c'è il gruppo Amundi con 986 milioni di euro. ...