Asset allocation: puntare sulla crescita di qualità

A
A
A
Francesca Vercesi di Francesca Vercesi 31 Dicembre 2018 | 11:25
Benkendorf (Vontobel AM): “Le azioni dei mercati sviluppati si sono dimostrate più resistenti”

Nonostante l’aumento dei rischi macroeconomici e geopolitici, le azioni globali, come misurato dall’indice Msci Acwi, hanno registrato un rendimento del 3,83% fino al 31 ottobre 2018. Le azioni dei mercati sviluppati si sono dimostrate più resistenti di quelle degli emergenti, con gli Usa in testa al gruppo. La crescita globale del Pil continua a mostrare slancio, ma è meglio la cautela riguardo alla sua capacità di resistenza in diversi Paesi. Parola di Matthew Benkendorf (nella foto), cio della boutique Quality Growth di Vontobel Asset Management.

Cosa sta succedendo sul mercato americano?
Gli Stati Uniti stanno cavalcando il bull market più lungo della storia recente e ci sono alcune sfide in arrivo dato il ciclo avanzato. Con l’economia che viaggia a pieno regime, la Federal Reserve è in procinto di aumentare i tassi per contenere le pressioni inflazionistiche. Se la Fed rimuove la sua politica accomodante troppo lentamente, l’inflazione potrebbe accelerare troppo rapidamente. Ma se la Fed inasprisce troppo velocemente la sua politica, l’economia potrebbe cadere in recessione. Questo potrebbe spingere l’amministrazione Trump a sostenere la guerra commerciale con la Cina. Mentre l’economia cinese sta ancora generando una crescita del Pil superiore al 6%, le autorità hanno adottato misure per allentare i loro precedenti piani di riduzione del debito. I leader cinesi non sono entusiasti delle prospettive di una guerra commerciale. Anche il Partito Comunista Cinese, come l’amministrazione Trump, ha le sue parti interessate e non vuole che il pubblico si faccia prendere dal panico e venda azioni o investimenti immobiliari. Anche se non abbiamo visto segnali di ampio allarme pubblico in Cina o negli Stati Uniti, le probabilità di un improvviso rallentamento delle due maggiori economie mondiali continuano ad aumentare.

In Europa i percorsi economici divergono..
La Brexit rimane un rischio e l’immigrazione è uno dei principali motori che ha dato origine al populismo altrove: il caso più eclatante è quello dell’Italia, che ha livelli di indebitamento elevati e un sistema bancario non solidissimo. Una volta al potere, ci si aspetta che i populisti spingano contro i burocrati europei. Ci aspettiamo anche che si verifichi una battuta d’arresto contro alcune delle mosse della Bce. Mentre l’economia tedesca è in crescita e con un tasso di disoccupazione del 3,4%, per la zona euro nel suo complesso la disoccupazione è dell’8,2%. L’Italia al 10,4% sembra ragionevole rispetto alla Spagna al 15,1% e alla Grecia al 19,1%. Con il basso tasso di disoccupazione in Germania e la ricomparsa dell’inflazione, la politica monetaria europea ultraperiferica sta volgendo al termine. La Bce cercherà di aumentare i tassi, il che è adatto alla Germania, ma non all’Italia. I populisti appena eletti non andranno d’accordo con l’inasprimento delle condizioni fiscali e monetarie.

Come vi state muovendo sugli emergenti?
Con il crollo delle azioni dei mercati emergenti quest’anno abbiamo ampie opportunità di essere contrarian e ottimisti. Per circa un decennio, i mercati emergenti hanno beneficiato in larga misura di bassi tassi d’interesse, bassa inflazione, ingenti flussi di investimenti diretti esteri e, per un certo periodo, di un boom delle materie prime. Ora, l’aumento dei tassi di interesse Usa ha rafforzato il dollaro e ha innescato svalutazioni delle valute in generale. E il prezzo del petrolio più alto degli ultimi quattro anni complica ulteriormente il quadro. Inoltre, le guerre commerciali globali e le controverse elezioni in luoghi come il Brasile hanno continuato a produrre notizie drammatiche.

In un contesto simile, come proteggersi dalle turbolenze economiche?
Occorre scegliere imprese con una crescita di qualità. Soprattutto quelle meno sensibili alla crescita del Pil dovrebbero proteggere gli investitori in una fase di recessione, come è stato il caso storicamente.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, un binomio palindromo tra tech e sanità

Asset allocation, i driver azionari

Asset allocation, obbligazioni in valuta sotto i riflettori

Asset allocation, cosa sì e cosa no

Asset allocation, qualche value italiana su cui scommettere

Asset allocation, come muoversi su credito e azionario nei prossimi mesi

Asset allocation, high yield per sfruttare la ripresa

Asset allocation, qualche nome green su cui scommettere

Asset allocation, le valute per diversificare

Asset allocation, emergenti in rampa di lancio

Asset allocation, integrare il rischio per resistere al Coronavirus

Asset allocation, l’obbligazionario ai tempi del coronavirus

Asset allocation: azioni, ecco su quali settori puntare

Asset allocation: qualche spunto per chiudere l’anno

Asset allocation, l’approccio quantitativo ai fondi di private equity

Asset allocation: cds, l’arma giusta contro mr. Hide

Consulenti, ecco i consigli sul portafoglio per i prossimi 5 anni

Asset allocation, le ragioni del Merger Arbitrage

Asset allocation, il momento d’Oro

Asset allocation, un portafoglio bilanciato per i mercati turbolenti

Asset allocation, l’oro per diversificare

Asset allocation, meglio essere codardi

Asset allocation, guadagnare giocando in difesa

Asset allocation: dopo il rally è tempo di protezione

Pictet AM: “La Fed? Una presenza che si fa sentire nell’asset allocation”

Asset allocation: le mosse estive sui bond

Syz Am, l’asset allocation è un rebus

Asset allocation: ecco perché sono meglio gli assicurativi dei bancari

Asset allocation: opportunità infrastrutture

Fondi: l’investimento (non fa) acqua

Asset allocation: caccia alle migliori occasioni

Asset allocation: nel 2019 occasione commodity

Asset allocation, portafoglio a prova di ribassi

NEWSLETTER
Iscriviti
X