Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

A
A
A
Avatar di Redazione8 gennaio 2019 | 13:00

E’ in fermento il mondo del risparmio gestito inglese. State Street Corporation ha pubblicato il suo ultimo report, intitolato The Impact of Brexit on the UK fund management industry, al quale hanno partecipato 100 investitori istituzionali e alternativi, tra cui hedge fund, fondi immobiliari e società di private equity. L’obiettivo dello studio è analizzare l’outlook per il settore del fund management nel Regno Unito, una volta che il Paese sarà uscito dall’Unione Europea.

Dal report si evince che, oltre un terzo degli intervistati (34%) ritiene che ci sarà un incremento delle attività di M&A nel settore del fund management, trainato dai fund manager europei che intendono acquisire società con sede nel Regno Unito per aver una presenza sul mercato locale una volta conclusa la Brexit.

In questo contesto, nonostante il sondaggio evidenzi un outlook abbastanza negativo per l’industria del fund management del Regno Unito dopo la Brexit, le società hanno mostrato una forte propensione nel voler mantenere e ampliare la propria presenza sul mercato locale.

Quasi un quarto degli intervistati (24%) ritiene che un maggior numero di gestori con sede in Europa cercherà di aprire nuovi uffici nel Regno Unito dopo la Brexit. Inoltre, i veicoli che secondo gli investitori saranno più popolari tra i fund manager europei e stranieri che desiderano espandere le proprie attività nel Regno Unito comprenderanno Investment Trust (44%), Unit Trust (21%) e Open Ended Investment Companies (20%).

“Dalla nostra ricerca emerge che, nonostante i fattori sfavorevoli e le complessità che la Brexit sta creando, il Regno Unito è ancora un punto di riferimento per i migliori talenti nella gestione degli investimenti e si conferma come un polo centrale per l’attività di fund management in Europa”, ha dichiarato Brian Allis, responsabile product team dell’area EMEA di State Street Global Services. “È rassicurante vedere che, per quanto negative possano essere le prospettive per il settore dei fondi nel Regno Unito, gli investitori vogliono ancora mantenere e accrescere la propria presenza a livello locale”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, rinvio indigesto per l’Unione europea

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Brexit News: May promette le dimissioni se si giunge ad un accordo

Brexit: no deal scongiurato, per ora

Brexit, sterlina tonica in attesa del voto in Parlamento

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

Brexit: ora la strada è il rinvio

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Brexit, a ogni inglese costerà 1.000 ‎sterline

Effetto Brexit, il mercato dei titoli di stato torna a Milano

Le banche d’affari e private in fuga da Londra

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Gam si prepara a una hard Brexit

Dalla Brexit alla Brentry

Brexit, 50 banche in fuga dal Regno Unito

Brexit, Citigroup punta sul Lussemburgo

Consulenti, in Gran Bretagna la Brexit frena i loro compensi

La Brexit spinge i financial advisor alla condivisione

Le private bank puntano ancora su Londra (nonostante la Brexit)

Citigroup potrebbe assumere 150 dipendenti in Europa a causa della Brexit

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

Ti può anche interessare

Fondi, top e flop del 23/01/19

La rubrica dedicata al risparmio gestito ...

Green Arrow Capital, due fondi e una piattaforma per gli alternativi

Diverse novità in vista per la società di gestione del risparmio ...

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Da sempre uno dei “punti di forza” commerciali di questi strumenti. Ma è davvero così? ...