Investimenti: il 2019 inizia col sorriso

A
A
A

Prospettive di inizio anno

Avatar di Gianluigi Raimondi21 gennaio 2019 | 08:43

Chi ben comincia è a metà dell’opera. Il detto, a volte, vale anche in Borsa per il comparto azionario. E tenendo conto che, stando ai valori attuali, la media delle performance dall’inizio di quest’anno dei principali indici azionari mondiali è al momento pari a +3,55 per cento. I numeri parlano chiaro: in pole position in termini di rialzi si piazza, come spesso accade in fasi di ascesa o recupero dei listini, l’indice Nasdaq Composite, forte di un +6 per cento. Seguito, forse per qualcuno a sorpresa, dal nostro Ftse Mib, che dalla prima seduta del 2019 ha messo a segno un rialzo del 5,6 per cento. Sul terzo gradino del podio, un altro indice americano: l’S&P 500 che ha sinora registrato un incremento del 4,4 per cento. Prossimo alla media generale poi il Csi 300 (Shanghai) con un +3,35 per cento. In fondo alla classifica, ma comunque per ora con una performance positiva, il Nikkei 225 (+1,95%), il Ftse 100 (+1,6%) e il Cac 40 (+1,2%). In questo scenario poi, sempre da inizio anno, il Vix, l’indice della “pausa” che misura la volatilità delle opzioni sull’S&P 500 è sceso del 23 per cento.

Attenzione però: questi risultati, di certo consolatori, si spiegano in parte con il sell-off accusato a dicembre e non sono certamente garanzia incontrovertibile che il 2019 possa rappresentare un’annata positiva per l’azionario. Di cruciale importanza sarà infatti monitare molto attentamente i livelli tecnici sui diversi listini, a partire ovviamente da Wall Street. Senza farsi troppo distrarre e agire prima del dovuto da rumors o avvenimenti legati alla politiche dei diversi Paesi


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Diamanti in banca, ecco il background giuridico

Morgan Stanley, trimestre in calo ma sorridono le gestioni

Consulenti, ecco perchè il multi asset non passa di moda

Enasarco, le dritte in vista delle elezioni

Gam e il caso ARBF: il 100,5% del portafoglio sarà restituito agli investitori

Bond, c’era una volta l’high yield

Consulenti, le istruzioni per conquistare i Millennials

Rendiconti Mifid 2, ecco i documenti assicurativi di Azimut

Credem, ora ti aiuta Emily

Investimenti, la tendenza alla giapponesizzazione

Mediolanum, così parlò di Montigny al Fed

Certificati d’investimento, come muoversi e cosa aspettarsi per i prossimi mesi

Tassi, dalla Fed un assist a Trump

Etf, a giugno dominano obbligazionari ed Esg

Requiem for a Pir

Consulente, per il cliente sei come Wikipedia

Assopopolari, nel segno della cooperazione bancaria

Finanza e competenze digitali, tanto fumo e poco arrosto

Consulenti, a giugno (quasi) tutti sono bravi

Zurich, Molteni nuovo COO

Intesa, private banking sulle Dolomiti

Credem e Banca del Piemonte, wealth management a braccetto

Certificati, con Vontobel la svolta attiva

Enasarco, Mei in pole position per Anasf

Efpa Italia, Liccardo passa il testimone a Bortolato

Ocf: la grande battaglia per la presidenza

Enasarco: lo sconsolato (e arrabbiato) esercito dei senza pensione

Carmignac, la sostenibilità ha un nuovo volto

Arrivano gli incentivi per gli Eltif

Mercati, cinque investimenti per blindare i risparmi

Mediolanum, la raccolta scala la marcia

Consulenti, maggio caldo per la vigilanza

Consulenza e tecnologia, un binomio ormai indissolubile

Ti può anche interessare

Investimenti, una UE dai due volti

Delude la produzione industriale, ma da domanda interna sostegno alla crescita ...

Pir, rischio bolla ma la raccolta può toccare i 50 miliardi

I risultati di un’indagine di Jeme Bocconi, Deloitte e Nctm evidenziano i punti di forza e di debo ...

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

E’ in fermento il mondo del risparmio gestito inglese. State Street Corporation ha pubblicato ...