Fondi d’investimento: Amundi e Cpr, il primo fondo azionario sull’istruzione

A
A
A

Le società anciano in Italia del primo fondo azionario tematico internazionale focalizzato sull’istruzione

di Redazione4 febbraio 2019 | 15:00

Coerentemente al proprio impegno nel supportare il più possibile i trend più promettenti a livello mondiale, Amundi e Cpr AM hanno deciso di ampliare la propria offerta di fondi tematici, affrontando una sfida di fondamentale importanza: l’istruzione. Cpr Invest – Education, un comparto della Sicav di diritto lussemburghese, investe in azioni internazionali che fanno parte dell’ecosistema dell’istruzione. Il fondo è gestito da Guillaume Uettwiller, fund manager e Yasmine de Bray, co-fund manager.

L’istruzione è una delle principali sfide che la nostra società dovrà affrontare per superare i principali cambiamenti tecnologici che stanno sconvolgendo il nostro mondo con la loro forza dirompente. Siamo orgogliosi di annunciare il lancio di Cpr Invest – Education, il primo fondo dedicato esclusivamente a questo tema” ha dichiarato Gilles Cutaya, Direttore Marketing e Comunicazione di Cpr AM.

L’istruzione, in quanto grande sfida globale del 21° secolo, riguarda ogni individuo, indipendentemente dal paese di origine e dalla cultura. Le Nazioni Unite hanno identificato l’accesso ad un’istruzione di qualità su un piano di parità come uno dei diciassette obiettivi di sviluppo sostenibile. L’istruzione è fondamentale per raggiungere altri obiettivi quali la lotta alla povertà, la riduzione delle disuguaglianze, la possibilità di avere una vita migliore e la tolleranza tra le società.

Il mercato globale dell’istruzione, il cui valore è attualmente stimato in 5.000 miliardi di dollari, dovrebbe raddoppiare entro il 2030, trainato in particolare da cambiamenti demografici e sociali e dalla rivoluzione tecnologica.

Stiamo infatti assistendo ad un costante aumento della popolazione studentesca in tutto il mondo, con un numero crescente di studenti nell’istruzione superiore. Questa crescita è sostenuta dall’aumento della classe media, specialmente nei paesi emergenti, che aspira ad un livello di istruzione più elevato. Per paesi quali la Cina, il Brasile o l’India, l’istruzione rappresenta uno dei principali elementi di spesa delle famiglie e i governi di questi paesi stanno lavorando attivamente per privatizzare il settore dell’istruzione.

D’altra parte, per far fronte all’automazione e all’evoluzione delle nostre imprese, entro il 2022 il 54% dei dipendenti dovrà rivalutare le proprie competenze attraverso la formazione professionale. Infine, nonostante l’EdTech (tecnologiche educative) rappresenti oggi solo il 2% del mercato globale dell’istruzione, questa quota dovrebbe aumentare molto rapidamente e costituire una fonte di crescita e opportunità.

Per affrontare le sfide legate a questa tematica, la filosofia di investimento di Cpr Invest – Education si basa su un duplice approccio volto a coniugare significato dell’investimento e rendimenti potenziali.

In primo luogo, l’universo definito dal team di gestione è costituto dall’interno ecosistema educativo che copre tutte le fasi dell’istruzione di un individuo ed è strutturato attorno a 3 pilastri:

-accesso all’istruzione e al mondo del lavoro: gestione e amministrazione scolastica, dalla prima infanzia alla formazione permanente, integrazione professionale, diploma e assunzione;

– contenuti e strumenti: editori e distributori di contenuti didattici e professionali, nonché tutte le tecnologie relative all’istruzione (EdTech);

– servizi quotidiani: alloggi per studenti, catering, trasporti scolastici, finanziamenti e materiale didattico.

In secondo luogo, questo fondo è in linea con la filosofia di investimento responsabile sviluppata da Cpr AM nella gestione azionaria tematica. Il team di gestione adotta un approccio sostenibile molto selettivo che esclude le aziende con le peggiori prassi ESG e/o che sono oggetto di controversie in base a specifici criteri ESG.

L’istruzione è uno dei capisaldi di una crescita economica forte e sostenibile. L’universo di investimento legato a questo tema è agli albori e dovrebbe trarre beneficio da una dinamica di crescita significativa nei prossimi anni. Dunque, abbiamo molto spazio di manovra per beneficiare, nel lungo periodo, del pieno potenziale offerto dall’ecosistema dell’istruzione, garantendo al contempo un vero approccio responsabile”, sottolinea Guillaume Uettwiller.

Il portafoglio di Cpr Invest – Education è costituito da circa 70 titoli azionari. Il fondo è registrato in Francia, nel Regno Unito, in Italia ed è in fase di registrazione in altri paesi europei.

Riteniamo che ci siano in gioco forti trend strutturali legati all’istruzione e siamo convinti che essa rappresenti il prossimo tema di lungo periodo e la giusta equazione per combinare significato dell’investimento e performance. Questo tema riunisce tutti gli elementi necessari a soddisfare le esigenze degli investitori, sia retail che istituzionali, francesi e internazionali, come parte di un portafoglio diversificato”, aggiunge Vafa Ahmadi, Responsabile del Thematic Equity Management.

Paolo Proli, Head of Retail Distribution di Amundi in Italia, conclude: “Amundi conferma ancora una volta il proprio ruolo di precursore e innovatore nel mondo del risparmio gestito. Siamo orgogliosi di mettere a disposizione della clientela italiana un fondo che promuove uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile e al tempo stesso intercetta il potenziale di rendimento di un trend di crescita destinato a concretizzarsi nei prossimi anni”.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

BFC Education, questa sera Marcialis parlerà di oneri dei prodotti del risparmio gestito

Esg e risparmio gestito si fondono al Salone del risparmio 2019

Castle Mount LP completa il quarto closing

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Franklin Templeton

ConsulenTia19, gestori in vetrina: La Financière de l’Echiquier

Fondi d’investimento, top e flop del 18/02/19

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Columbia Threadneedle Investments

Cari gestori, tagliate le fee

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Schroders

Vanguard, Rosti sceglie Tabanella

Fondi, top e flop del 11/02/19

Mifid 2, il punto di Assogestioni su conoscenza e competenza

Il futuro degli etf visto da Bnp Paribas AM

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Pictet AM

Fondi d’investimento: Candriam, un fondo sulle innovazioni per l’oncologia

Fondi, top e flop del 4/02/19

Assogestioni delinea il futuro del gestito

Fondi, top e flop del 1/02/19

Salone del Risparmio X: iscrizioni aperte

Bluerating News del 28/1/19: ecco tutti i protagonisti

Fondi, top e flop del 28/01/19

Bmo sceglie in nuovo Ceo

Investimenti: trimestrali USA in chiaro scuro

Assogestioni: un aiuto interpretativo sui nuovi Pir

Fondi, top e flop del 21/1/2019

Fondi comuni: Niche AM, un debutto dal cuore italiano

Corcos (Assogestioni): mano tesa al governo sul nodo Pir

Fondi, top e flop del 09/01/19

Fondi, top e flop del 08/01/19

Fondi, top e flop del 31/12/18

Assogestioni, pioggia di deflussi a novembre

Fondi, top e flop del 24/12/18

Fondi comuni, rimanere sull’azionario premia

Ti può anche interessare

Pir, il vademecum dei commercialisti

Nello studio presenti esempi pratici di quantificazione dei vantaggi connessi all’accensione di un ...

Responsabilità sociale, Banor Capital ci mette la firma

Banor Capital ha annunciato di essere che tra i firmatari dei Principi per l’Investimento Responsa ...

Anima, il recupero dei mercati traina la raccolta

Il gruppo Anima ha diffuso i dati relativi al mese di gennaio ...