Da Muzinich un nuovo fondo per le Pmi

A
A
A

Ha una dote di 700 milioni di euro e investe in debito o azioni delle piccole e medie imprese del Vecchio Continente

Avatar di Redazione18 febbraio 2019 | 15:18

Muzinich & Co., boutique finanziaria specializzata nel credito corporate pubblico e privato, ha siglato il closing di un fondo paneuropeo di debito di 706,5 milioni di euro che investirà nella crescita delle piccole e medie imprese del Vecchio Continente attraverso lo strumento del private debt.

Ad annunciarlo oggi in Italia, in una conferenza stampa a Piazza Affari a Milano, è stato George Muzinich, fondatore, presidente e ceo di Muzinich & Co., in una conferenza stampa che ha anticipato il Convegno “Mercato dei capitali e imprese: Finance for Growth”, organizzato da Muzinich & Co., in collaborazione con Borsa Italiana ed Elite.

Il fondo allocherà il capitale sotto forma di prestiti senior, unitranche, mezzanine, junior e con l’opzione per alcuni investimenti in partecipazioni azionarie, con l’obiettivo di finanziare la crescita, le acquisizioni e l’espansione internazionale.

I destinatari dei finanziamenti, che avranno una durata compresa tra i cinque e gli otto anni, sono imprese meritevoli di dimensioni medio-piccole che generano un Ebitda di 3-20 milioni di euro, dislocate in Italia, Regno Unito, Francia, Germania, Austria, Svizzera, Italia, Scandinavia, Benelux, Iberia e Irlanda.

La strategia del fondo riproduce l’approccio specifico per paese e con focalizzazione sulle piccole e medie imprese che Muzinich & Co. ha adottato da quando è entrata nel mercato del private debt in Europa nel 2014, sviluppando un team di professionisti specializzati che oggi conta oltre 30 risorse dislocate in 8 uffici regionali che lavorano direttamente a livello locale per fornire un servizio territoriale di deal sourcing e origination.

Muzinich & Co., che per questo nuovo veicolo pan-Europeo aveva un target di investimento compreso tra 500 e 700 milioni, aveva realizzato un primo closing del fondo per 180 milioni di euro nel 2018, poi ampliato a seguito della forte domanda da parte degli investitori.

“Siamo molto soddisfatti del closing di questo fondo perché consentirà di coniugare in modo efficace il potenziale di capacità di numerose pmi italiane ed europee meritevoli di un supporto complementare al canale bancario, con la solidità e l’esperienza di un operatore internazionale che è stato il primo a sviluppare in questo Paese soluzioni di private debt e ha conquistato un posizionamento distintivo nel panorama del private lending europeo”, ha commentato George Muzinich (nella foto a destra), fondatore, presidente e ceo di Muzinich & Co.

“Abbiamo maturato una profonda esperienza nel fornire soluzioni di finanziamento flessibili alle piccole e medie imprese attraverso una forte presenza locale e un focus specifico sul lower mid-market”, ha aggiunto Muzinich, “e siamo stati pionieri in Italia nella strutturazione di fondi specializzati nel finanziamento alle pmi perché ha sempre creduto nella qualità e nella capacità di riscatto del sistema produttivo e industriale italiano”.

“D’altra parte, essendo uno dei pochi private lenders paneuropei specificatamente focalizzati sul lower mid-market”, ha concluso Muzinich, “crediamo che la nostra offerta ci dia il vantaggio di accedere a un’ampia gamma di opportunità di investimento che ci permetterà di generare IRR molto interessanti per i nostri investitori”.

Alla conferenza stampa di oggi erano presenti anche Domenico Del Borrello (nella foto a sinistra), country manager Italy di Muszinch&Co., Fabrizio Pagani, con la carica di global Head of Economics & Capital Market Strategy, precedentemente capo della Segreteria Tecnica del Ministero dell’Economia e delle Finanze e Filomena Cocco, che in Muzinich ricopre la carica di managing director european marketing


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Assogestioni, ad aprile raccolta in lieve frenata

Ad aprile l’industria ha registrato una raccolta netta di 2,9 miliardi di euro (+16,8 miliardi da ...

Fondi, top e flop del 2/1/2019

La rubrica del risparmio gestito ...

Morgan Stanley IM: Panta rei, dal cambiamento del clima d’investimento al cambiamento dirompente

La capacità di adattarsi al cambiamento nei mercati finanziari è una componente essenziale della n ...