Jupiter Am, promozione per Porro

A
A
A
Avatar di Redazione20 febbraio 2019 | 11:34

Jupiter Asset Management ha annunciato recentemente la promozione di Andrea Porro (nella foto) a Head of Discretionary Business per il mercato italiano, effettiva a partire dal 14 febbraio.

Nel nuovo ruolo, Andrea Porro riporterà direttamente ad Andrea Boggio, Country Head per l’Italia, e sarà responsabile della gestione e della crescita della clientela discretionary di Jupiter con particolare riferimento a fund selectors, fund buyers, inclusi discretionary portfolio manager e fondi di fondi.

In seguito all’annuncio, Andrea Boggio, Country Head of Italy, ha commentato: “Dall’inaugurazione della branch italiana di Jupiter nel 2016, abbiamo riscontrato un interesse sempre crescente nel mercato per le nostre soluzioni di investimento, particolarmente apprezzate per le loro caratteristiche specifiche dagli investitori professionali. Il nuovo ruolo di Andrea Porro ci permetterà di seguire sempre meglio questo segmento di clientela e testimonia il nostro impegno a rispondere efficacemente alle esigenze del mercato, valorizzando i talenti interni della società”.

Andrea Porro è entrato in Jupiter nel 2016 come Sales Director. In precedenza, ha lavorato in Credit Suisse in qualità di Vice President, Sales Wholesale e Retail Clients Asset Management. Ha iniziato la sua carriera in Deutsche Bank lavorando al desk Equity Derivatives Trading.

Dal 2016, Jupiter è cresciuta in modo significativo in Italia, sia per il business sia per il team, che conta oggi 7 professionisti dedicati al mercato locale. A novembre 2018, Jupiter ha annunciato l’apertura dei nuovi uffici in Piazza Liberty, nel cuore di Milano.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Diamanti in banca, ecco il background giuridico

Morgan Stanley, trimestre in calo ma sorridono le gestioni

Consulenti, ecco perchè il multi asset non passa di moda

Enasarco, le dritte in vista delle elezioni

Gam e il caso ARBF: il 100,5% del portafoglio sarà restituito agli investitori

Bond, c’era una volta l’high yield

Consulenti, le istruzioni per conquistare i Millennials

Rendiconti Mifid 2, ecco i documenti assicurativi di Azimut

Credem, ora ti aiuta Emily

Investimenti, la tendenza alla giapponesizzazione

Mediolanum, così parlò di Montigny al Fed

Certificati d’investimento, come muoversi e cosa aspettarsi per i prossimi mesi

Tassi, dalla Fed un assist a Trump

Etf, a giugno dominano obbligazionari ed Esg

Requiem for a Pir

Consulente, per il cliente sei come Wikipedia

Assopopolari, nel segno della cooperazione bancaria

Finanza e competenze digitali, tanto fumo e poco arrosto

Consulenti, a giugno (quasi) tutti sono bravi

Zurich, Molteni nuovo COO

Intesa, private banking sulle Dolomiti

Credem e Banca del Piemonte, wealth management a braccetto

Certificati, con Vontobel la svolta attiva

Enasarco, Mei in pole position per Anasf

Efpa Italia, Liccardo passa il testimone a Bortolato

Ocf: la grande battaglia per la presidenza

Enasarco: lo sconsolato (e arrabbiato) esercito dei senza pensione

Carmignac, la sostenibilità ha un nuovo volto

Arrivano gli incentivi per gli Eltif

Mercati, cinque investimenti per blindare i risparmi

Mediolanum, la raccolta scala la marcia

Consulenti, maggio caldo per la vigilanza

Consulenza e tecnologia, un binomio ormai indissolubile

Ti può anche interessare

Allianz Italia, i consulenti fanno la differenza

La divisione Italiana contribuisce ai buoni risultati del Gruppo ...

I Pir piacciono un po’ di meno

Sta diminuendo l’appeal di questa asset class? ...

State Street GA: la felicità previdenziale è nella consapevolezza

Il tema delle pensioni in primo piano in una recente ricerca ...