Se la Mifid 2 diventa mondiale (o quasi)

A
A
A

Tre grandi gruppi americani, tra cui Invesco, spingono per allargare agli Stati Uniti le regole della direttiva europea sui costi di ricerca

Avatar di Redazione4 marzo 2019 | 10:38

Una spinta affinché la Mifid 2 diventi globale. Così FTfm, l’inserto del Financial Times dedicato al mondo del risparmio gestito, descrive l’iniziativa di tre grandi gruppi dell’asset management statunitensi: Invesco, Doodge&Cox e Wellington Management. Secondo il il settimanale, le tre società starebbero proponendo alla Sec, l’authority che vigila sui mercati finanziari americani, di allargare anche agli Stati Uniti le regole sui costi di ricerca previste dalla Mifid 2, più flessibili di quelle d’Oltreoceano e meno complesse dal punto di vista amministrativo.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

JP Morgan: un nuovo big degli Etf

Fidelity fa il pieno di raccolta con i fondi low cost

Brexit, fuga dei gestori in Lussemburgo

Ti può anche interessare

Fidelity, Ellis guida la rivoluzione nell’obbligazionario

Il gestore vanta 25 anni di esperienza negli investimenti, tra ricerca e gestione dei portafogli ...

LFDE, nuovo gestore per Echiquier Agressor

Si tratta di Frédéric Buzaré, che vanta un’esperienza ultraventennale sui mercati azionari euro ...

La forza di Amundi

La Lex column del Financial Times dedica un’analisi ai solidi fondamentali di bilancio dell’asse ...