Tutti parlano di sostenibilità, ma capiamola davvero…

A
A
A
Matteo Chiamenti di Matteo Chiamenti12 marzo 2019 | 10:33

Ormai è chiaro che il tema del 2019 nell’ambito dell’asset management è prepotentemente uno: la sostenibilità. Declinata di diverse applicazioni, il fatto che sia stata scelta come argomento cardine del Salone del Risparmio è prova evidente della volontà dei player di metterla in primo piano. Se ne parla tanto insomma, ma sabbiamo bene di cosa si tratta?

Per comprenderla al meglio dobbiamo identificare in maniera chiara quali potrebbero essere i prossimi megatrend che la riguardano. A tal proposito una recente analisi a cura di Paolo Paschetta, Country Head per l’Italia di Pictet Asset Management, ha voluto proprio fare il punto su questo. Ve la presentiamo qui di seguito, buona lettura.

Il 7 marzo un nuovo regolamento europeo ha sancito l’obbligo per tutti gli strumenti finanziari proposti al mercato di indicare la propria sostenibilità ambientale e sociale. La riforma, che ha messo d’accordo Parlamento, Consiglio e Commissione, si applica a fondi comuni, polizze, schemi pensionistici, gestioni di portafogli individuali e contratti di consulenza: viene sancito il divieto di greenwashing e si prevede un sistema di monitoraggio che sarà garantito dalle tre autorità di vigilanza europee.

Una novità che riteniamo epocale e che arriva a valle dell’iniziativa di cui Pictet Am si è fatto promotore, attraverso la Swiss Sustainable Finance, meno di un mese fa. Ci riferiamo alla lettera aperta inviata l’11 febbraio scorso ai rappresentanti di FTSE Russel, Morningstar, MSCI, S&P Dow Jones Indices e STOXX, affinché siano rimossi da tutti gli indici – usati come base per la costruzione di prodotti di investimento attivi e passivi – i produttori di armi controverse. L’appello è stato firmato da oltre 140 tra asset manager, investitori istituzionali, wealth manager rappresentanti un asset under management di 6,8 trilioni di dollari: una presa di posizione netta contro munizioni a grappolo, mine antipersona, armi biologiche e chimiche, armi nucleari che possono ferire in modo indiscriminato o sproporzionato e il cui utilizzo è vietato o limitato dalle convenzioni internazionali. Ricorda Eric Borremans, Head of ESG di Pictet Asset Management: «In linea con le convenzioni internazionali, le best practice d’investimento e la pubblica opinione, riteniamo che i mezzi finanziari dovrebbero essere meno facilmente disponibili per i produttori di armi controverse».

Ritengo molto importante che l’impulso a un’azione del genere sia venuto dall’industria del risparmio gestito, in un contesto in cui la propensione verso la sostenibilità e la responsabilità sociale e di governance è finalmente divenuta molto alta. Secondo l’ultimo report di Global Sustainable Investment Alliancehttp://www.gsi-alliance.org/wp-content/uploads/2017/03/GSIR_Review2016.F.pdf, la massa di investimenti responsabili ha raggiunto il ragguardevole valore di 23mila miliardi di dollari con l’Europa in testa a 10,7 trilioni di dollari e gli Usa secondi a 6,5 trilioni. Un boom dovuto soprattutto all’avanzata dei Millenial: secondo una ricerca della US Trust Bank of America (https://www.am.pictet/it/blog/articoli/sviluppo-sostenibile/finanza-sostenibile-un-mercato-da-quasi-250-miliardi-di-dollari-in-continua-espansione), tra i Millenial Hnwi il 77% detiene nei propri portafogli di investimento titoli sostenibili, contro una quota del 40% di tutti gli Hnwi.

Ultimo, ma non meno importante, investire in maniera sostenibile non è solo una scelta etica, ma ha impatti benefici anche sulle performance di imprese e portafogli.

Da una analisi recente di Pictet Am emerge che le società che rispettano i principi ESG registrano performance migliori e più stabili nel tempo, beneficiano di un costo del capitale inferiore e di rating creditizi più elevati. Le società che non sono in grado di gestire i rischi ambientali, invece, hanno costi di indebitamento in media superiori del 20%. Esiste inoltre una correlazione positiva tra la performance finanziaria e le credenziali di sostenibilità. Che cosa implica questo per gli investitori? Secondo lo studio “The Impact of Corporate Sustainability on Organizational Processes and Performance” http://www.hbs.edu/faculty/Publication%20Files/SSRN-id1964011_6791edac-7daa-4603-a220-4a0c6c7a3f7a.pdf, della Business School di Harvard, ogni dollaro investito in società altamente sostenibili nel 1993, nel 2010 valeva 22,6 dollari, contro i 15,4 dollari delle concorrenti meno attente ai criteri ESG. Infine, più è elevato il rating ESG di una società, meno è volatile l’andamento del corso azionario, soprattutto in periodi di turbolenza sui mercati.

Ancora, le società che rispettano i principi ESG sono meno esposte ai rischi aziendali derivanti da problemi ambientali, ad esempio, o di cattiva governance. Il crollo dei titoli della società petrolifera BP dopo il disastro Deepwater Horizon nel 2010 o quello di Volkswagen, nel 2015, in scia al dieselgate sono emblematici.

Insomma, più che mai, il tema della sostenibilità è cruciale. Pictet Asset Management ha questa consapevolezza dal 1999, anno del lancio del primo fondo mondiale sull’acqua: la sostenibilità non può essere né una moda né un approccio di marketing. Forte di un track record ormai ventennale a fine 2018 abbiamo integrato i criteri di selezione Esg in tutti i fondi e le strategie long-only e puntiamo a fare lo stesso per tutte le rimanenti strategie long-short e multi-asset. L’obiettivo è assicurare, attraverso i criteri Esg, una visione di rischio/opportunità dell’investimento di più lungo termine che vada aldilà della mera valutazione dei dati finanziari delle aziende, del profitto e delle perdite, e del bilancio – perché crediamo che una società sia qualcosa di più di una somma di transazioni finanziarie.

Pictet AM interpreta il concetto di sostenibilità a 360 gradi: per questo di recente ha avviato un ambizioso progetto per rendere tutti gli uffici dei vari Paesi plastic-free, raddoppiando il programma avviato nel 2007 di riduzione delle emissioni di carbonio per dipendente del 40% entro il 2020. Inoltre, il quartier generale di Ginevra ha ospitato per anni il più grande impianto fotovoltaico privato della Svizzera. Infine, da dieci anni, Pictet organizza il Prix Pictet, il più importante concorso fotografico mondiale per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della sostenibilità.

Più operativamente, la nostra strategia principale è quella di selezionare titoli di società che offrono soluzioni a problemi ambientali come il cambiamento climatico e che favoriscano il passaggio a una economia a bassa intensità di carbone: energia pulita, gestione dello spreco, controllo delle emissioni dell’aria sono temi per noi classici.

Inoltre, sviluppiamo o gestiamo portafogli che investono nell’intera filiera economica ma che puntano soltanto in quelle società che sono all’avanguardia per quanto riguarda la sostenibilità nel loro settore nei confronti dei loro competitor – per esempio preferiamo le compagnie che sono maggiormente esposte nel gas naturale rispetto al petrolio per il minore inquinamento.

La gamma di fondi tematici di Pictet AM negli anni si è ampliata fino a comprendere, insieme al Fondo Water, anche i Fondi Nutrition, Timber, Clean Energy, Global Environmental Opportunities e Smart City.

I prodotti che individuano i megatrend del prossimo futuro

In particolare, riteniamo cruciale il tema che segue il Pictet-Global Environmental Opportunities, un comparto azionario che investe principalmente in azioni globali di società che operano nella catena di valore dell’energia pulita, dell’acqua, dell’agricoltura, delle attività forestali cavalca il tema secolare del passaggio a una società sempre più carbon-free. Un cambiamento molto importante, inoltre, è quello che sta segnando le nostre città e che cerchiamo di cogliere nel portafoglio Smart City, lanciato lo scorso settembre. Le città in tutto il mondo riconoscono la necessità di investire nell’ammodernamento delle infrastrutture e di adottare soluzioni e tecnologie più intelligenti per migliorare la qualità della vita di una popolazione che cresce in maniera esponenziale. Il nostro obiettivo è rafforzare l’esposizione alle società che offrono soluzioni alle sfide poste dall’urbanizzazione e dal cambiamento nello stile di vita dei consumatori. Dunque, andiamo alla ricerca di aziende operanti in diversi settori che promuovono lo sviluppo di città più intelligenti, cioè più efficienti, sicure e sostenibili e che si adattano meglio alle esigenze dei cittadini.

Tra le principali posizioni in portafoglio si distingue Visa, uno dei due leader del mercato delle carte di credito, che vanta una solida crescita dei ricavi e margini attraenti. La diffusione dei metodi di pagamento elettronici è un trend che ha ancora un immenso potenziale. Infatti, la maggior parte delle transazioni sono ancora eseguite in contanti, ma progressivamente, anche le più piccole, si stanno spostando sulle piattaforme elettroniche. Visa è nella posizione ottimale per trarne vantaggio. Puntiamo anche su un gruppo come Ecolab https://www.ecolab.com/?fbclid=iwar1uvhwnmtw_hwwa20bn0blsungp9e_lav5n-d8hpqpzl9h_ntfgfbfcz60, 13 miliardi di dollari di fatturato e focus sulla fornitura di tecnologie e servizi per garantire acqua pulita, cibo sicuro e ambienti salubri a industrie del food, dell’hospitality, dell’healthcare, manifatturiere e oil & gas in 170 Paesi in tutto il mondo. Riteniamo che i due megatrend secolari appena delineati saranno i più promettenti negli anni a venire.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Amundi, ambizioni e convenienza vengono per Prime

Consob apre la consultazione su crypto asset e ico

Pramerica, passo avanti nella sostenibilità

Fondi, Ubp: nuova strategia long/short sul credito

Allianz e Dws, si parla di matrimonio

Candriam, un 2018 nel segno della crescita

Consulenti: contributo quota Ocf, occhio alle scadenze

Consulenza finanziaria, chi è maestro americano destinato a rivoluzionarla

Oggi su BLUERATING NEWS: bonus per gli Eltif, Generali col turbo

Merian, quando investire è una cosa preziosa

Consulente radiato, la Corte condanna Consob e annulla la delibera

Anasf, tra carriera e formazione

Mediolanum, cosa significa essere Private Banker

Intesa Sanpaolo lancia XME Salute

Consulenti e Enasarco, ecco le prestazioni integrative 2019

Oggi su BLUERATING NEWS: tetto per i pir, banker paperoni

Consulente: 5 chiavi per gestire i “no” del cliente

Investimenti, bond pronti a fare il rimbalzo

Asset allocation: tutti pazzi per la cedola

Banca Generali, la raccolta non molla mai

Asset allocation: ecco perché sono meglio gli assicurativi dei bancari

Nordea: ecco il fondo per l’uguaglianza di genere

Abusivismo finanziario sul web, Consob non abbassa la guardia

Il private equity archivia un 2018 da record

Banca Ifis, Bossi si prepara all’addio

La coperta è corta

Un terzo delle fees? Nessuno scandalo

Reti vs sgr: la grande lotta per i ricavi

Banca Akros, scatta la seconda fase di Single Name Italy

Mediolanum, raccolta più forte del blocco Pir

LA VOCE DEL CONSULENTE: la raccolta è al bivio

Rendiconti Mifid 2, i consulenti sono contro il rinvio

Vogliamo la Consulenza di cittadinanza

Ti può anche interessare

TCW: c’è del valore per gli investitori obbligazionari nell’US Healthcare?

Nonostante alcuni difetti strutturali, l'ecosistema sanitario Usa offre opportunità di investimento ...

Bnp Paribas Am: i mercati hanno reagito alle tensioni

Nel video Guillermo Felices, head of research and strategy del team MAQS – Multi Asset, Quantitati ...

Portafoglio, tre regole per ottimizzarlo

Costruire un’asset allocation ben fatta non è un’impresa difficile per il professionista. Ecco ...